Home » Salita » 31. PEDAVENA CROCE D’AUNE CHIUDE IL CIVM 2013.

31. PEDAVENA CROCE D’AUNE CHIUDE IL CIVM 2013.

Faggioli_StUrsanne_wLa gara, organizzata da Amici della Pedavena Croce d’Aune quale terza ed ultima finale della stagione, designerà il campione italiano ed in lotta per il titolo sono il trentino Christian Merli ed il toscano Simone Faggioli

La salita bellunese assegnerà anche il titolo di Gruppo N, con il friulano Michele Buiatti in lotta con l’altoatesino Armin Hafner ed il campano Giovanni del Prete. Sabato 28 dalle 9.30 i due turni delle prove ufficiali di ricognizione dei 7,7 chilometri del tracciato di gara. Domenica 29 sempre dalle 9.30 le due manche di gara

La bandiera a scacchi su di una delle stagioni più avvincenti della storia del campionato Italiano Velocità Montagna calerà questo fine settimana al termine della Pedavena Croce d’Aune. Appuntamento importante dell’annata rappresenta la trentunesima edizione della cronoscalata allestita dagli Amici della Pedavena Croce d’Aune sui circa settemila metri della salita che porta ai piedi delle Dolomiti bellunesi. Un tracciato veloce ma con alcuni tratti “guidati”, dove non facile è scaricare a terra tutta la competitività delle vetture. U percorso impegnativo e giusto contesto sul quale si decideranno i destini della serie tricolore ACI Csai 2013.
Campionato dove regna una incertezza assoluta e che arriva in provincia di Belluno con il difficile compito di sciogliere i dubbi e designarne il vincitore assoluto, dopo che le due precedenti finali corse alla Rieti Terminillo ed alla Coppa Nissena non sono state in grado di assegnare.
Ci vuole dunque la “bella” per festeggiare il vincitore 2013 delle salite. Se con la Osella PA 2000 è stato Merli ad aggiudicarsi la prima sfida reatina, con la Osella FA30 ha prontamente risposto Faggioli alla recente prova siciliana e le differenze tra i due sono minime. Praticante esiste una sostanziale parità in termine di punteggi validi: sono solamente due e mezzo i punti a separarli, anche se il leggero diaframma avvantaggia il portacolori della Vimotorsport.
La vittoria alla Nissena del fiorentino Faggioli della scuderia Best Lap, alla presenza del presidente FIA Jean Todt e di quello dell’Automobile Club D’Italia, Angelo Sticchi Damiani, ha rimescolato le carte ma non permetterà al terzo classificato, il pugliese Francesco Leogrande con la vettura gemella di Faggioli e portacolori della Fasano Corse, di inserirsi nella sfida per lo scudetto.
Se i giochi sono praticamente chiusi in Gruppo CN, con Omar Magliona dell’Ateneo Campione Italiano di gruppo con una gara d’anticip, il tricolore GT è andato al padovano Riccardo Ragazzi con la Ferrari 458 della Superchallenge, il gruppo E1 il titolo tricolore è del bolognese Fulvio Giuliani sulla Lancia Delta EVO Fluido Corse, il Gruppo A è per l’ennesima volta nelle mani di Rudi Bicciato della Scuderia Mendola sulla Mitsubishi Lancer, restano da assegnare il gruppo N: con Michele Buiatti che a Pedavena dovrà guardarsi dagli attacchi dei suoi principali inseguitori: l’altoatesino Armin Hafner ed il campano Giovanni del Prete, tutti su Mitsubishi Lancer. In classe 1600 straordinario weekend per il salernitano Cosimo Rea con la Citroen Saxo VTS che vede avvicinarsi la coppa di classe e tra le vetture turbo in cui tutto è rimandato all’ultimo appuntamento stagionale e dove Gianni Loffredo con la sua Opel Corsa OPC, dovrà vedersela con Ivan Pezzolla, pugliese Under 23, al volante della MINI Cooper S e con il leader Nicola Novaglio, sempre con la MINI Cooper S di Elite Motorsport.
Altro titolo già conquistato, nel gruppo Racing Start, con Oronzo Montanaro che si è laureato campione italiano alla Nissena dove ha portato la sua Renault New Clio davanti a tutti.

Tra i tanti piloti attesi alla Pedavena, è infatti previsto un record di partecipazioni, chiaramente spiccano le presenze dei protagonisti assoluti di tutte le categorie. A cominciare dagli annunciati duellanti Merli e Faggioli, ma tra gli altri da segnalare sono anche Franco Bertò con la Tatuus Renault Real Motorsport; il trevigiano Denny Zardo su Radical Pr6 Team Italia; Gino Pedrotti Gino al volante della Formula Renault Vimotorsport; il giovane trentino Matteo Moratelli con la Lola T99 Cosworth Vimotorsport; Adolfo Bottura Lola B99/50 Speed Motor; Milan Svoboda a bordo della Lola B99/50 Racing Cars; Michele Fattorini su Lola B02/50 Speed Motor; Renato Sartoretto al volante della Osella Pa 20/S Vimotorsport; Renzo Meneghetti su Lucchini Bmw Vimotorsport; Tiziano Ferrais e la Juno Ferrys Ch3 Car Racing; Vincenzo Conticelli su Osella Fa 30. con le vetture Turismo o Gran Turismo Troviamo Abramo Antonicelli, Bmw M3 E92 V8 A.N. Forze Di Polizia; Marco Sbrollini su Lancia Delta Evoluzione Catria; Fulvio Giuliani e la Lancia Delta Evoluzione Ateneo; “The Climber” su Ferrari 430; Gianni Martellucci con altra Ferrari 430; Guido Sgheri a sfidarli con la Porsche 996 Gt3 Cup Pistoia Corse ed il neo campione Roberto Ragazzi Roberto Ferrari 458 Challenge Superchallenge, spicca anche il fasanese Francesco Leogrande al volante della Porsche 997 Gt3 Fasano Corse; Bruno Jarach su Ferrari 430 Challenge Superchallenge

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Lucio Peruggini protagonista alla Gara dei Campioni 2017 organizzata da ACI a Monza

Il pilota pugliese oltre a ritirare il premio di Campione Italiano gruppo GT velocità Montagna ...

Send this to friend