Home » Salita » BI-CAMPIONE OGGI E OSELLA DOMANI: A TUTTO MICOLI

BI-CAMPIONE OGGI E OSELLA DOMANI: A TUTTO MICOLI

Il pugliese e la francese vincono ancora, conquistando il secondo Civm in sequenza della litro e sei sovralimentata. Ritratto e percorso del driver Apulia Corse, pronto ad un super-test con l’Osella Pa21/S, preliminare ai programmi 2018.

E’ il 2006, quando le traiettorie di Vito Micoli e della sua SuperCinque Gt Turbo, collidono per la prima volta. L’anno uno della loro partnership si celebrò nel gruppo N, quando gli bastò la gara al debutto, per guadagnarsi subito il secondo posto di classe. Ascoli 2006, diventa invece la prima vittoria, che mandava in play una lunga e felice avventura con la francofona turbizzata, gestita dalla Caramia MotorSport e assettata dalla Tecno Suspension. Un progetto tecnico che si è ovviamente evoluto in ogni stagione, traslocando di gruppo verso il performante E1, nel quale arrivava il primo Tivm Sud della classe Under 3000, nell’anno 2011. Classe che diventava 1600T e allori che triplicavano, con le vittorie finali delle stagioni 2014 e 2015, annate in cui Vito Micoli conquistava ancora il Trofeo Italiano Velocità Montagna del bacino meridionale.

L’attacco terrestre alle truppe dei rivali del Civm era così una naturale conseguenza, che sfociava in una prima stagione vincente nel 2016, quando arrivava il titolo di campione italiano salita, ancora di classe E1-1600T. Il quarantenne e la trentenne insomma, continuavano a fare danni anche nel palcoscenico allargato del Tricolore, guadagnando consensi e coppe, dal polo nord al polo sud dell’Italia da corsa.
Se vincere è affare arduo, continuare a farlo lo è abbastanza di più.

Specialmente quando ti confronti con vetture del circus ben più moderne, dotate di iniezioni elettroniche evolute e più stabili del carburatore Solex da 40 che annaffia la Milfona turbo di Don Vito, nate con le carreggiate ben più estese coast to coast e con le scocche il doppio più rigide, già senza roll bar inside. Insomma, accettare la sfida del Civm con una signorona turbo dal passaporto tecnico in bianco e nero, è di quelle operazioni che si portano via i capelli dal cranio, a comitive intere.

La vincente stagione 2017, assemblata con vari successi e con record sparsi fra Ascoli, Morano, Fasano e Reventino, ha però premiato una volta ancora grinta e talento di Fast Vito, che con il bis consecutivo di coppa di classe nel Civm, ha così portato a cinque i titoli importanti vinti in carriera. Bottino decisamente interessante, in considerazione dell’età matura in cui ha iniziato a correre, dei soli 11 anni di agonismo (un titolo ogni due annate) e dell’estrema competitività del gruppo E1. Passo corto nei curvoni in appoggio ed oltre 260 cv sull’asse a nord, specialmente in ripartenza dai tornanti, complicano non poco la guida di queste reattive milfone, affatto facili da pilotare al loro apice prestazionale.

Nell’immediato, Vito Micoli è pronto, grazie ai buoni uffici del Team Catapano, ad aprire il cassetto dei sogni per tirare fuori il desiderio di una vita: il test con un’ Osella. Una sessione intera a Sarno con una 21/S, per soddisfare la voglia covata negli anni di togliersi il tetto addosso, così da misurarsi su un’auto da corsa per estrazione e non per preparazione. Un modo anche per implementare il proprio database di pilota, certamente arricchito da un’esperienza con molti cv alle ruote, ma sull’asse a sud.

Nel prossimo futuro invece, il pugliese deciderà non secondo fermento, ma secondo budget. E quindi, secondo sponsor. Il flusso di cassa in entrata infatti, determinerà su quale vettura continuerà il percorso agonistico del 44enne dell’Apulia Corse. Se ancora per una stagione con la Renault 5 Gt Turbo, o se su un’altra turismo più moderna di E1-2000. Luce verde anche al passaggio alla vettura sport, ma un po’ più in là nel tempo.

Ipse Dixit Vito Micoli, 44 anni from Locorotondo, bi-campione italiano velocità montagna, anni solari 2016-2017.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

44^ Alpe del Nevegal: Appuntamento inaugurale della stagione 2018

Come ricorda il sito internet di ACISPORT dedicato al Campionato italiano velocità montagna, mancano poco ...

Send this to friend