Home » Slalom » SLALOM DEI TRULLI: PARATA DI CAMPIONI

SLALOM DEI TRULLI: PARATA DI CAMPIONI

I quattro titoli italiani di Luigi Vinaccia, i cinque di Fabio Emanuele e i due di Salvatore Venanzio, tricolore in carica. E poi la classe di Luigi Sambuco e quella del dominatore stagionale Saverio Miglionico. Questo e molto altro nella bella tappa pugliese del CIS. Analisi dei protagonisti assoluti.

Una gara topica. E non solo per la presenza di tanti big, per la bellezza della zona e per la piacevolezza tipica del vivere delle terre pugliesi. Ma anche per andare a delineare in forma netta e per alcune classi quasi incontrovertibile, il trend stagionale. Il Tricolore Slalom vive della doppia chance istituita ormai da qualche stagione, che prevede coefficiente aumentato nelle ultime due gare d’annata. Una regola che forse andrebbe distribuita con una gara più ricca in punti nella prima metà del torneo ed un’altra nella seconda. Così da tenere più alta la media partecipanti lungo tutta la stagione, quindi non solo verso la fine del campionato. Si è disquisito tanto su questo aspetto. Si vedrà. La gara pugliese restituirà la possibilità ai grandi nomi delle barchette sport, di capire se la pausa estiva ha dato loro occasione e idee giuste, per sovvertire la schiacciante superiorità mostrata da Saverio Miglionico.

Il potentino, quasi imbattibile avendo reso un solo slalom per confronto diretto ai rivali, ha la possibilità di consolidare il suo fortino di punti costruito a colpi di record del percorso e distacchi gravosi inflitti agli avversari. Se dovesse allungare il proprio trend vincente, gli basterebbe anche non vincere uno dei due appuntamenti a coefficiente aumentato, arrivando solo a ridosso del vincitore. Se invece domenica i suoi dirimpettai in classifica gli toglieranno il primato, allora le ultime gare a punteggio maggiorato saranno incandescenti. L’alchimia pilota snellito/macchina ottimizzata, è oggi davvero megatonica. Il suo futuro prossimo, parla di salite su un Osella due litri. Statene certi. Fabio Emanuele ha varato a stretto giro il pack di interventi 2018, mirati ad abbassare in primis il peso della sua Osellona. Di almeno 40 kg. E ha già deciso per un cambio al volante, in luogo della preistorica leva che ancora utilizza. Nel frattempo ha saggiato con successo l’efficacia della nuova mappa elettronica, vincendo a Santo Padre. Questo finale di stagione gli servirà per capire quanto dovrà migliorare per tornare davanti.  Il quadricampione italiano Luigi Vinaccia insisterà ancora per una gara con le gomme Pirelli, scelta controcorrente, cercando di esplorare un’altra porzione del potenziale sicuramente alto della sua Osella Pa9 Evo/Mix : il suo esemplare vanta alcune soluzioni della più performante 21/S ed un motorone Honda V Tec preparato da LRM, che sfronda i rami degli alberi col suo sound dal tono temporalesco. I 300 cavalli, sono belli e superati. In cerca di riscatto.

Il bi-campione italiano Salvo Venanzio, non ha mostrato fin qui il suo solito livello: paga l’inserimento contemporaneo di troppe novità sulla sua Radical Sr4. Il motorone preparatogli da Lotto Moreno e altre nuove soluzioni d’autotelaio, gli hanno troppo sparigliato le carte, togliendogli quell’equilibrio vincente che gli aveva consentito di rivincere il titolo nel 2016. Stagione di transizione. Per la stagione prossima, serve maggiore metodo nelle scelte per tornare protagonista. Ma nelle gare che restano, ci metterà comunque la grinta e il mestiere del felino di razza. Luigi Sambuco migliora a piccoli ma costanti passi, la sua convivenza agonistica con la Rebo 2000 Alfa Romeo. Sette gare vinte extra-Cis nel 2017, con prestazioni in crescendo. Non ha ancora il ritmo al top, ma alleggerimenti ed affinamenti già in cantiere, gli restituiranno maggiore quota performance in configurazione 2018. Con la sua esperienza ed efficacia, Gigino resta sempre un gran monellaccio con cui fare i conti fino agli scacchi.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

GLI SVILUPPI DELLA FACTORY SICILIANA, ALBA PROTOTIPI

A Ciminna, comune italiano di 3.731 abitanti della città metropolitana di Palermo in Sicilia si ...

Send this to friend