Home » Slalom » 9° AUTOSLALOM DELLE FONTI SCILLATO, 84 GLI ISCRITTI. È SFIDA APERTA PER IL TITOLO SICILIANO TRA IL TRAPANESE CASTIGLIONE ED IL MESSINESE SCHILLACE

9° AUTOSLALOM DELLE FONTI SCILLATO, 84 GLI ISCRITTI. È SFIDA APERTA PER IL TITOLO SICILIANO TRA IL TRAPANESE CASTIGLIONE ED IL MESSINESE SCHILLACE

SABATO E DOMENICA AL VIA LA KERMESSE AUTOMOBILISTICA MADONITA DECISIVA PURE PER LE SORTI DELLO CHALLENGE PALIKE’

Entrambi al volante di una Radical SR4 Suzuki, i due contendenti si disputeranno fino all’ultimo metro l’alloro di nuovo dominatore della specialità in campo regionale. Castiglione, già campione isolano Slalom 2015 e 2016 ed in vantaggio in classifica generale, a caccia del tris consecutivo. Terzo incomodo l’altro busetano Antonio Virgilio (Radical SR4). Sono tre i piloti ad aver vinto quest’anno almeno una gara regionale, mentre due saranno invece i campioni italiani Slalom presenti a Scillato: i trapanesi Michele Poma (Ghipard, Under 23) e Girolamo Ingardia (Fiat Cinquecento, classe P2). Confermato il pieno appoggio dei “main sponsor” Sais Trasporti, Giaconia e Amap. La kermesse automobilistica promossa dall’Automobile Club Palermo, con il contributo di esperienza assicurato dal Team Palikè Palermo e dall’associazione Targa Racing Club Cerda. Patrocinio a cura del Comune di Scillato. Domani pomeriggio le tradizionali verifiche tecniche e sportive alla Casa comunale ed in via Piersanti Mattarella

Scillato, 20 ottobre – Si è fermato alla pur ragguardevole cifra di 84 concorrenti iscritti il “borsino degli acquisti” (tanto per rimaner fedeli ad un linguaggio preso in prestito dal mercato calcistico), concernente il 9° Autoslalom delle Fonti Scillato. L’evento automobilistico ospite nel paese madonita ‘dell’acqua e dei mulini’ è in programma nel fine settimana, sabato 21 e domenica 22 ottobre, con validità quale sedicesimo e penultimo appuntamento con il Campionato automobilistico siciliano AciSport 2017 e quale nona ed ultima tappa per lo Challenge Palikè 2017.

Ad organizzare sul territorio la competizione, adempiendo a tutte le più restrittive norme relative alla sicurezza, è l’Automobile Club Palermo, coordinato dal presidente Angelo Pizzuto, con il contributo assicurato in termini di esperienza dal Team Palikè Palermo (con al timone Anna Maria Lanzarone, Nicola, Dario e Roberto Cirrito) e dall’associazione Targa Racing Club Cerda (PA), presieduta da Vincenzo Russo ed animata dall’asso cerdese Totò Riolo, tre volte vincitore della Targa Florio (e protagonista nel weekend a San Marino nel 15° Rallylegend, con la Porsche 911 Rs condivisa tra le Autostoriche con il naviga palermitano Gianfranco Rappa). Tra i promotori della sfida pure il consigliere Targa Racing Club, Salvatore Frisa.

Il Comune di Scillato, guidato dal sindaco Giuseppe Frisa, collaborato a sua volta dall’assessore comunale allo Sport e Spettacolo Piero Macaione, è anche quest’anno in prima linea nell’assicurare il proprio patrocinio alla kermesse, volta a promuovere l’hinterland del più piccolo paese del Palermitano (appena 600 residenti) Anche i “main sponsor”, la Sais Trasporti, Giaconia Supermercati e l’Amap acque di Palermo, sono rimasti al fianco degli organizzatori in questa nuova edizione dello slalom.

Molteplici gli spunti di interesse offerti dal 9° Autoslalom delle Fonti Scillato. “In primis” la sfida assolutamente aperta, anzi apertissima, per la conquista del titolo di campione siciliano assoluto della specialità 2017 AciSport, tra il trapanese Giuseppe Castiglione, vincitore del titolo regionale già consecutivamente nel 2015 e nel 2016 ed il messinese Under 23 Emanuele Schillace, nuova “stella” degli slalom isolani. Appena cinquanta primavere, in due. Ad una sola prova dal termine della stagione regionale della specialità (il 29 ottobre rimane in calendario il 1° Slalom dell’Etna, a Bronte), Giuseppe Castiglione e la sua Radical SR4 Suzuki 1.600 c.c. iscritta dalla scuderia Armanno Corse (sette vittorie assolute quest’anno, l’ultima delle quali a Belmonte Mezzagno PA) restano ad un passo dalla conquista del terzo alloro siciliano di fila.

Il ventinovenne “figlio d’arte” nativo di Buseto Palizzolo (TP) comanda la classifica provvisoria assoluta, dall’alto dei suoi 255,45 punti, contro i 222,25 punti nel carniere del ventunenne altro “figlio d’arte” peloritano, pure lui protagonista di una stagione agonistica ad altissimi livelli nell’abitacolo della sua Radical SR4 Suzuki 1.4, schierata questa volta dalla scuderia Tm Racing Messina, con la quale si è già aggiudicato nel 2017 i due Slalom Sciacca Terme, nell’Agrigentino e Città di Avola, ospite nel Siracusano. Schillace ha anche chiuso al terzo posto assoluto nella classifica relativa agli Under 23 nel Campionato italiano Slalom e proverà in ogni maniera a sovvertire i pronostici alle Fonti di Scillato. Poco più di trentatre punti di distacco tra i due rivali, che potrebbero valere una stagione intera.

A fare da cosiddetto terzo incomodo tra Castiglione e Schillace, alla vigilia del 9° Autoslalom delle Fonti Scillato, potrebbe comunque essere Antonio Virgilio, altro esperto pilota “figlio d’arte” di Buseto Palizzolo. Anche lui tra gli alfieri della Tm Racing, il veloce pilota trapanese (vincitore quest’anno degli Slalom Città di Misilmeri e Monti Sicani Città di Prizzi, entrambi nel Palermitano), avrà a disposizione la consueta Radical SR4 Suzuki 1.4 condivisa solitamente quest’anno con il fratello Giuseppe (a sua volta primo assoluto con la barchetta d’origine britannica nella Coppa Città di Partanna TP, ma assente a Scillato).

Tra i molteplici motivi di interesse, oltre ai tre piloti vincitori di almeno una gara regionale nella stagione 2017, la presenza, al via nel 9° Autoslalom delle Fonti Scillato di due neo campioni italiani, anche loro, manco a dirlo, del Trapanese. Si tratta dell’ericino Michele Poma, cinto dell’alloro tricolore tra gli Under 23, con la monoposto Ghipard Ghi008 Suzuki della scuderia Armanno Corse Palermo e del mazarese Girolamo Ingardia, laureatosi da pochi giorni al culmine dello Slalom Monte Condrò, in Calabria, ultima del Tricolore, nuovo campione italiano Slalom nella classe P2 del gruppo Prototipi, con la funambolica Fiat Cinquecento motorizzata Suzuki (rimessa a nuovo a tempo record dopo l’uscita di strada nel recente Slalom Principe di Belmonte), schierata per i colori della scuderia Trapani Corse.

Da tenere d’occhio, inoltre, a Scillato, la biposto Alba SPR 002 Kawasaki dell’esperto trapanese (di Buseto anche lui) Pietro Raiti, alfiere della scuderia Catania Corse, le monoposto Speads RM08 a motore Suzuki dell’alcamese Dino Blunda (di Festina Lente Monreale), Formula Gloria C8F Suzuki dell’agrigentino di Sciacca Nino Di Matteo, Formula Junior Ellenne Suzuki del marsalese Andrea Foderà (per la Trapani Corse) e Formula Gloria B4 Yamaha dell’altro pilota di Sciacca Francesco Puleo, a sua volta iscritto dalla scuderia agrigentina Project Team. Sotto i riflettori, inoltre, l’altra Fiat Cinquecento Suzuki Max del siracusano Manuel D’Antoni, per i colori Viemmecorse Motorsport Avola, l’Abarth 500 Evo del trapanese Ciccio Maltese (Trapani Corse), la Fiat 126 Suzuki “Batman” del messinese (di Villafranca Tirrena) Salvatore Giunta, per la Tm Racing ed ancora la Peugeot 106 Gti 16v del preparatore di Novara di Sicilia (ME) Michele Ferrara, schierato per la scuderia Cst Sport di Gioiosa Marea, nel Messinese.

Unica “Lady” in gara, la velocissima ed esperta novarese di Sicilia Angelica Giamboi, ‘figlia d’arte’, con la sua Fiat X1/9. Due i piloti locali, gli esperti Giuseppe Di Laura, al volante dell’ammirata e rara ‘francesina’ Talbot Chrysler Sumbeam Lotus tra le Autostoriche e Francesco Monteleone, iscritto a sua volta con la sua Peugeot 106 Gti 16v tra le Racing Start. Titolo siciliano da assegnare, presumibilmente a Scillato, anche tra le Scuderie, dove i giochi sembrano fatti in vantaggio della Tm Racing Messina (474,40 punti), la quale precede l’Armanno Corse Palermo (399,60 punti), sodalizio campione regionale in carica.

Nello Challenge Palikè 017, certi del titolo siciliano della serie sono la palermitana (di Belmonte Mezzagno) Enza Allotta, su Fiat 126 Special (nel Femminile) ed il trapanese (di Erice) Michele Poma, ancora tra gli Under 23, con Ghipard e Radical Prosport Suzuki. Rimane da assegnare il titolo assoluto, che vede la lotta per la vittoria finale tra il preparatore agrigentino (di Alessandria della Rocca) Giuseppe Cacciatore, con la Renault Clio Rs Light del Project Team (121,50 punti) ed il giovane agrigentino (questa volta di Sciacca), Marco Segreto, alla guida di una Peugeot 106 Rallye schierata dalla Catania Corse.

Domani, intanto, sabato 21 ottobre, le tradizionali verifiche sportive e tecniche daranno ufficialmente il via alla attesa due giorni motoristica all’ombra delle Fonti. I concorrenti si ritroveranno nel pomeriggio negli uffici della Casa comunale di Scillato, in via Piersanti Mattarella (dalle 14.30 alle 19.00, in occasione delle sportive) e nel tratto antistante il medesimo Municipio di Scillato, dunque sempre nella centralissima via Piersanti Mattarella, con prosecuzione fino al vicino viale Colonnello Giuseppe Lima (in questo caso le vetture si ‘punzoneranno’, per le tecniche, dalle 15.00 alle 19.30).

Domenica 22 ottobre si comincerà a fare sul serio, con l’accensione di motori e di semaforo verde e con l’avvio della prima tra le tre manche in programma, come da regolamento, a partire dalle 9. A coordinare i concorrenti e le operazioni sul campo sarà il direttore di gara calabrese (di Castrovillari) Massimo Minasi. Son quattordici le postazioni di rallentamento per i piloti, con altrettante serie di birilli in punti cruciali del percorso di gara (chiuso al transito veicolare dalle 7.30 di domenica 22 ottobre).

Immutato il tracciato di gara nel 9° Autoslalom delle Fonti, a tratti veloce e quanto mai selettivo, molto guidato.

Della lunghezza di 2,990 km, esso vedrà il suo “start” nel viale Colonnello Giuseppe Lima (poco oltre la Caserma dei Carabinieri, lungo le propaggini del paese), per poi inerpicarsi attraverso la strada statale 643 e la successiva intersecazione con la strada provinciale 9 bis, fino alle “storiche” Sorgenti di Scillato, utilizzate anticamente per la costruzione dei mulini attorno ai quali si estese più tardi il centro abitato, ma impiegate ai giorni nostri anche per l’approvvigionamento di acqua sorgiva (dalle straordinarie proprietà e qualità organolettiche) della città di Palermo (Scillato è comunque assai conosciuta a livello nazionale per le sue albicocche e per le arance di varietà “Biondo”).

Tra le tante curiosità legate allo slalom, va rimarcato come il traguardo sia ubicato non lontano dal famosissimo bivio “Firrionello”, che per tantissimi anni ha visto posizionarsi le assistenze ai piloti ed il punto rifornimento carburante per le vetture di alcune tra le squadre corse più prestigiose ai tempi della Targa Florio di velocità, tra cui ci piace menzionare la Ferrari e la Porsche ufficiali…

Al culmine della competizione automobilistica si procederà alla cerimonia di premiazione riservata ai vincitori, sempre con il coordinamento congiunto dell’Automobile Club Palermo, del Team Palikè, della Targa Racing Club Cerda e del Comune di Scillato. La consegna dei trofei e dei riconoscimenti si attuerà domenica 22 ottobre alle 15.30, al termine della gara (e comunque ad apertura del parco chiuso) nella centrale piazza Aldo Moro, ‘cuore’ pulsante di Scillato.

Interessanti novità per quanto concerne invece la cerimonia di premiazione finale del 19° Challenge Palikè 017, fissata ora ufficialmente per domenica 17 dicembre a Misilmeri, nel Palermitano. La passerella per i vincitori dei vari trofei, con inizio alle 11.00, sarà ospite nel contesto della cerimonia di premiazione del campionato sociale della scuderia Misilmeri Racing, nell’area artigianale del paese. Ad essere premiati saranno i primi dieci piloti della classifica assoluta, i primi tre della classifica Under 23 e le prime tre conduttrici della classifica Femminile. Ulteriori premi saranno inoltre poi consegnati dal Team Palikè ai piloti classificati dal 5° al 10° posto per quanto concerne la graduatoria generale finale.

ufficio stampa Team Palikè
Flavio Lipani

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

SAVERIO MIGLIONICO DEBUTTA A MORANO

“Non ha senso la carriera se non corri anche in salita e voglio iniziare con ...

Send this to friend