Home » Salita » 42ª PIEVE SANTO STEFANO – PASSO DELLO SPINO: 178 PILOTI IN TOTALE E TUTTI I BIG AL VIA
42ª PIEVE SANTO STEFANO – PASSO DELLO SPINO: 178 PILOTI IN TOTALE E TUTTI I BIG AL VIA

42ª PIEVE SANTO STEFANO – PASSO DELLO SPINO: 178 PILOTI IN TOTALE E TUTTI I BIG AL VIA

Sono in totale 178 gli iscritti alla 42ª edizione della cronoscalata automobilistica Pieve Santo Stefano-Passo dello Spino, quinta prova del Campionato Italiano Velocità Montagna, nonché valevole per il Trofeo Italiano Velocità Montagna (Tivm) zona Nord, per il Trofeo Speed Motor e per il Fia International Hill-Climb Cup.


La gara è in programma per domenica 15 giugno con partenza alle 9.30. E  questa è la ripartizione per categorie: 22 auto storiche, 23 della E3 (scadute di omologazione) e ben 133 vetture moderne, con tutti i migliori della specialità al via.

Si va dai grandi rivali Simone Faggioli su Norma M20 Fc e Christian Merli su Osella Pa 2000 nella E2B ad Adolfo Bottura e Franco Cinelli su Lola (il primo è leader delle E2M (formula), per poi passare ai big degli altri raggruppamenti; nello specifico, Omar Magliona, Rosario Iaquinta e Domenico Scola su Osella Pa 21/S fra i prototipi Cn, dove c’è anche il beniamino locale Mauro Polcri su Osella Pa20; Roberto Ragazzi e “The Climber” su Ferrari F458 e F430 nella Gt; Fulvio Giuliani su Lancia Delta Evo, Pietro Nappi su Ferrari 550 e Roberto Di Giuseppe e Marco Gramenzi su Alfa Romeo 155 nella E1; Rudi Bicciato su Mitsubishi, Silvano Stipani su Peugeot 106, Claudio Giobbi su Bmw 320 e Paolo Parlato su Renault New Clio nel gruppo A per arrivare alla sfida fra Giovanni Regis e Cosimo Rea su Peugeot 106 nel gruppo N e a una nutrita battaglia nella Racing Start fra la Mini Cooper degli “figlio d’arte” Ivan Pezzolla, le Renault Clio di Nicola Novaglio e Roberto Chiavaroli e la Opel Corsa di Lorenzo Mercati, driver della vicina Sansepolcro.

Se andiamo dunque a ben vedere, la Pro-Spino Team non avrebbe potuto contare su un elenco degli iscritti migliore di questo, non dimenticandola partecipazione di ben 6 stranieri: lo svizzero ticinese Tiziano Riva su Reinard 92 (esordiente allo Spino), i cechi Vaclav Janik su Lola e Jiri Svoboda su Norma M20 Fc, il campione ungherese Laszlo Hernadi su Mitsubishi, il bulgaro Nikolaj Zlatkov su Audi 4 e l’austriaco Mike Jelinek su Subaru Impreza.

Sei anche le donne, fra le quali – oltre alla fedelissima perugina Deborah Broccolini su Citroen C1 – si segnala Gabriella Pedroni, che dopo aver guidato in tutta Europa le “formula” adesso vuol  rendere la vita difficile in gruppo A a Bicciato ed Hernadi su Mutsubishi.


Tra le storiche, vuole ancora recitare un ruolo da  protagonista il pievano Ennio Bragagni Capaccini su Fiat Giannini 650, mentre per l’assoluto il candidato numero uno rimane Franco Cremonesi su Osella Pa9/90, ma il pubblico potrà ammirare anche la Lancia Barchetta di Giancarlo Chianucci, la Formula Renault di Matteo Aralla e la Lotus B23 di Giuseppe Di Benedetto. Aralla e Cremonesi.

Nel lotto rientrano anche due piloti portatori di handicap e questo è stato accolto con particolare piacere dagli organizzatori. Sarà insomma grande battaglia a colpi di acceleratore. Quella che da sempre appartiene alla storia e al fascino dello Spino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

L’ALFONA CHE VERRÀ

L’ALFONA CHE VERRÀ

A Sarno, secondo posto fra Turismo per la feroce compatta di Luigi Sambuco. Altre due ...