Home » Salita » 5° Slalom Pista Concordia: Salvo Tranchida One Man Show

5° Slalom Pista Concordia: Salvo Tranchida One Man Show


CALA IL SIPARIO SULLA SECONDA EDIZIONE DEL REGIONALE ACSI DI SPECIALITA’. MA SI LAVORA GIA’ ALACREMENTE, PER IL 2012.

5° SLALOM PISTA CONCORDIA: SALVO TRANCHIDA ‘ONE MAN SHOW’. IL CATANESE E LA SUA DALLARA FIAT NUOVI CAMPIONI SICILIANI ACSI.

Il portacolori della Camporotondo Corse si è imposto con un “colpo ad effetto” sul filo dei decimi di secondo, ma con pieno merito, nella selettiva sfida tra i birilli andata in scena sul circuito creato alle porte di Agrigento, valevole contemporaneamente quale dodicesima e tredicesima prova di campionato. Tre i piloti racchiusi in un ‘fazzoletto’ pari a poco meno di 1”. Alle spalle di Tranchida si sono piazzate le due Tatuus Formula Master Honda pilotate dai trapanesi Giuseppe Gulotta ed Andrea Raiti. Nella classifica finale ufficiale per il Regionale Salvo Tranchida, balzato a 123 punti, ha preceduto il palermitano Vito Amato (115) ed il messinese “Assessore Volante”, precedente leader del Regionale Acsi prima dell’ultimo appuntamento al “Concordia”, ma qui clamorosamente assente dell’ultima ora a causa di seri problemi familiari (e perciò “fermo” a quota 110 punti, tenendo conto degli scarti). Nella prova di Velocità (allestita di contorno alla gara di Slalom, ma senza assegnare punti per la serie isolana Acsi) affermazione per Giuseppe Gulotta, avanti di mezzo secondo rispetto al “rivale” di sempre, Andrea Raiti. La pista agrigentina ha ospitato pure la festa di premiazione di fine anno per i clienti-piloti siciliani della Radical, riconoscimenti consegnati tra gli altri dallo staff di Autosport Sorrento (importatore e distributore per l’Italia delle biposto britanniche) a Luigi Bruccoleri ed a Domenico Cubeda. Presentata l’ultima versione della Radical SR3, impegnata nei monomarca 2012

Agrigento, 12 dicembre – Salvo Tranchida, “one man show”. Imponendo la propria legge al culmine di una selettiva quinta edizione dello Slalom Pista Concordia – 3° “Concordia Day”, ultimo appuntamento dell’anno con il Regionale Acsi della specialità, l’esperto pilota catanese si è laureato nuovo campione siciliano Acsi Slalom 2011. Tranchida succede pertanto nell’albo d’oro della serie al trapanese (di Alcamo) Dino Blunda, a sua volta primo vincitore del campionato nel 2010, ma quest’anno mai parso in grado di poter difendere veramente il titolo. Un’affermazione per certi versi clamorosa, quella dello specialista originario di Biancavilla, alle falde dell’Etna, ma non per questo meno meritata.
Ad appena tre prove dalla conclusione, Salvo Tranchida occupava infatti solamente la terza posizione assoluta in campionato , alle spalle dell’allora leader, il messinese di Castell’Umberto “Assessore Volante” e del più immediato inseguitore, il nisseno “Inprecem”, questi di San Cataldo. Tutto si è lentamente ribaltato in poco meno di un mese, in coincidenza con l’arrivo delle ultime tre gare disputate in pista. Prima la convincente vittoria di Tranchida nel precedente appuntamento al Concordia, il 13 novembre scorso. Ora la sopravvenuta clamorosa duplice assenza dell’ultima ora nella “replica” concessa dall’autodromo in provincia di Agrigento, causa seri motivi familiari, dell’ex capoclassifica “Assessore Volante” e del rivale “Inprecem”. Circostanze, entrambe, che hanno di fatto spianato la strada a Salvo Tranchida, nuovamente vincente qui al “Concordia” con la fedele compagna d’avventura nella serie isolana di quest’anno, la sua inconfondibile Dallara F393 Fiat bianco-arancio-nera (scelta sul finire della stagione scorsa per sostituire l’altrettanto veloce Fiat 126 Kawasaki), verso la conquista dell’agognato titolo siciliano Acsi Slalom 2011.
Beninteso, il portacolori della scuderia catanese Camporotondo Corse ci ha ovviamente messo del suo (e tanto) per raggiungere il più importante obiettivo della carriera da pilota, sinora. Tranchida mai si è arreso alle avversità sportive e non ha mai dato troppo peso alla sua posizione in classifica, almeno prima del “rush” finale, dove ha raccolto quanto seminato in precedenza. “Ho sempre creduto di poter portare a casa la corona di campione siciliano – sono state le prime parole del catanese appena sceso dall’abitacolo della sua Dallara – ora mi godo questo risultato. Non è stato facile, debbo per questo dare atto ai miei avversari, tutti piloti di grande valore sui campi di gara. Sono davvero felice per aver portato alle falde dell’Etna il titolo siciliano Acsi Slalom, che intendo dedicare a tutti coloro i quali mi hanno dato una mano”.
Tornando all’essenza della gara, va detto come Salvo Tranchida, approdato alla sua quarta vittoria stagionale, si sia imposto con un “colpo ad effetto”, sul filo dei decimi di secondo, nel 5° Slalom Pista Concordia-3° “Concordia Day”, competizione valevole contemporaneamente quale dodicesima e tredicesima prova del Campionato regionale Acsi della specialità, con attribuzione di doppio punteggio ai fini delle classifiche assoluta e di gruppo, in seno al torneo. Tre i piloti racchiusi in un “fazzoletto” di poco meno 1”, al culmine della gara ospite sul miniautodromo sito tra Agrigento e Favara, di proprietà della “famiglia da corsa” composta da papà Giacomo e dai figli Luigi (vincitore di tre cronoscalate, quest’anno e del titolo di campione tricolore nell’”Italian Radical Trophy”) ed Alessio Bruccoleri. Alle spalle della Dallara pilotata dall’alfiere della Camporotondo Corse si sono piazzate, nell’ordine, le due Tatuus Formula Master Honda condotte da campioni veri del volante quali i trapanesi (entrambi nativi di Buseto Palizzolo) Giuseppe Gulotta ed Andrea Raiti, rispettivamente secondo e terzo assoluto. Tranchida ha messo “in cassaforte” il suo successo nella prima manche, con il tempo di 2’56”22, quando Gulotta, portacolori della catanese Kamiko Corse, si è visto comminare dai commissari di gara una penalità per aver urtato un birillo in gara, pur avendo fatto registrare un crono (2’54”82) migliore di quello del rivale.
Nella seconda manche Salvo Tranchida ha amministrato il vantaggio, chiudendo al primo posto in classifica pur con un margine di soli 69 centesimi di secondo su Giuseppe Gulotta (2’56”91 il suo finale) e di 95 centesimi di secondo su Andrea Raiti, questi attestato sul tempo di 2’57”17 registrato nella prima manche (nella successiva è stato poi costretto al ritiro). Nella classifica finale ufficiale, il nuovo campione siciliano Acsi Slalom, balzato nel frattempo a 123 punti (grazie anche al “bonus” di 6 punti concesso come da regolamento ai piloti iscritti a tutte la gare inserite in calendario, quest’anno), ha quindi preceduto il palermitano (di Carini) Vito Amato, risalito a quota 115 punti, su Peugeot 106 Gti 16v ed il citato “Assessore Volante”, anch’egli su Peugeot 106 Gti 16v, fermo invece da parte sua a 110 punti, per effetto degli scarti.
Quarta piazza, al 5° Slalom Pista Concordia-3° “Concordia Day”, per il promettente pilota di casa Alessio Bruccoleri, assai abile a chiudere la prova in 2’59”78 al volante della sua Radical Prosport Kawasaki schierata dalla Concordia Motorsport (a 3”56 dal vincitore) ed a precedere per appena 3 millesimi di secondo (!) la scattante Ghipard Suzuki affidata alle mani del giovane trapanese (pure lui di Buseto Palizzolo) Giuseppe Castiglione, 5° assoluto in 2’59”81. Più staccati due tra i protagonisti assoluti del Campionato siciliano Acsi Slalom 2011, ossia l’altro giovane trapanese “figlio d’arte” (di Mazara del Vallo) Totò Arresta, in sesta posizione con il suo prototipo Vst Kawasaki (per i colori della Armanno Corse) ed il palermitano (di Marineo) Fabrizio Minì, a sua volta settimo assoluto nell’abitacolo della gialla Radical Prosport Kawasaki della Kamiko Corse. Tra i vincitori di gruppo, spiccano il messinese (nato a Novara di Sicilia) Alfredo Giamboi, più veloce nel gruppo Speciale su Fiat X1/9 della Kamiko Corse, il palermitano Filippo Cerniglia, sul gradino più alto del podio tra i Prototipi, su Fiat 126 Suzuki iscritta dalla Misilmeri Racing, quindi il “sempreverde” agrigentino Michele Vella, primo in gruppo A con la “veterana” Peugeot 205 Gti dell’Agrigento Rally Sport, il nisseno Luca Sciortino, a sua volta vincente in gruppo N al volante della Renault Clio Williams 1.8, per la Island Motorsport, l’altro messinese Pasquale Giacoppo, che si è imposto tra le Minicar, con la Fiat 126 Kamiko Corse ed infine Giuseppe Noto, il quale si è affermato nel gruppo GTI portando al traguardo una Peugeot 106 Gti 16v.
Nella prova riservata alla Velocità (allestita di contorno alla gara Slalom, tuttavia senza assegnare punti per la serie isolana Acsi) successo che assapora di “riscossa” per Giuseppe Gulotta e per la Tatuus Formula Master Honda “by Reina Motors”, in 2’39”44. Il portacolori della Kamiko Corse ha preceduto ancora Andrea Raiti (anche lui su Tatuus Formula Master Honda, ma per la Diemme Racing Club), distante appena 51 centesimi di secondo dal rivale, con il parziale di 2’39”95. Sul podio è salito infine Giuseppe Castiglione, su Ghipard Suzuki, accreditato invece di un meno eclatante 2’44”11.
Nell’occasione, la Pista internazionale Concordia ha ospitato inoltre la festa di premiazione di fine anno riservata ai cosiddetti clienti-piloti siciliani della Radical. I riconoscimenti sono stati consegnati dallo staff di Autosport Sorrento (importatore e distributore per l’Italia delle biposto britanniche), tra gli altri, al favarese e padrone di casa Luigi Bruccoleri, vincitore della serie monomarca in pista “Radical Trophy Speed” ed al catanese (questi originario di Aci Sant’Antonio) Domenico Cubeda, a sua volta campione nazionale nel Trofeo Italiano Velocità Montagna Sud (Tivm) per il gruppo E2B. Ai piloti è stata pure data l’opportunità di effettuare prove libere in pista, al volante di una nutrita “muta” di Radical presenti in vari modelli per l’occasione sul circuito, ma è stato anche trovato il tempo per presentare agli addetti ai lavori la più recente versione della Radical SR3, che sarà impegnata nei vari monomarca programmati dalla casa di Peterborough, nel 2012.
Ovvia soddisfazione, per la memorabile conclusione di una stagione agonistica lunga ma ricca di spunti qualitativi e tecnici, è stata espressa dai promotori del campionato, l’Asd Palatinus Motorsport Capo d’Orlando (con al timone Calogero Mangano) ed il Comitato regionale Acsi Sicilia, diretto a sua volta da Salvatore Balsano (nel caso dei due ultimi appuntamenti in pista collaborati dalla locale scuderia Concordia Motorsport). Gli organizzatori già lavorano alacremente in vista del prossimo anno. Il primo atto ufficiale vedrà la consueta premiazione del campione siciliano assoluto e dei campioni isolani di gruppo per questa stagione, presumibilmente tra la fine di gennaio e la prima decade di febbraio 2012.

ufficio stampa asd palatinus
flavio lipani

Maxi Car Racing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

NAPPO SALUTA LE BICILINDRICHE

Vendita della sua 500, pluridecorata da Criscuolo e nuovo programma in agenda per il figlio ...