CIVM

AC RACING TECHNOLOGY: LUCI ED OMBRE AL NEVEGAL

Tre vittorie di manche per Montanaro, Liuzzi e Raffetti e tre quarti posti per Pratl, Frijo e Cardetti nel week end veneto del Civm. Sano divertimento per Cossetti e Ghidini. 


Non è arrivato il risultato globale ridondante che ci si aspettava e soprattutto che era ampiamente nelle corde del roster AC Racing Technology, ma all’interno del week end bellunese dell’ Italiano Salita ci sono stati comunque degli acuti importanti di per se’ e per l’economia del campionato.

Oronzo Montanaro ha vinto la prima manche in RSTB 1600, mostrando una grande verve velocistica che avrebbe certamente potuto tradurre in successo anche nella seconda, ma una ripartenza non abbastanza veemente dopo le bandiere gialle in manche-2 lo ha forse condizionato, relegandolo per pochissimo centesimi al secondo posto di sessione. Peccato, ma resta ben salda la sua leadership in graduatoria.

Successo parziale anche per Giacomo Liuzzi, secondo in gara-2 e vincente in gara-1 in RSTB Plus.

Gioia a metà per Federico Raffetti, che dopo una prima salita da autentico protagonista aveva il piglio per ripetersi al top anche nella seconda, se un contatto con le chicane non gli avesse rotto il semiasse, costringendolo quindi ad un doloroso out. Anche nel suo caso, la classifica resta più che positiva.


Domenica invece un po’ opaca per Giuseppe Cardetti, che non ha trovato il miglior passo di giornata con la Peugeot 308 di casa, restando così fuori dal podio finale di divisione.

AC RACING TECHNOLOGY: LUCI ED OMBRE AL NEVEGAL

Sorrisi e pacche sulle spalle meritati per Sebastiano Frijo, apparso in buona forma con la propria Huracan malgrado le poche gare stagionali all’attivo e bravo ad arrivare dirimpetto al podio con la sua V10, a fronte di concorrenti che non saltano mai un appuntamento tricolore.

Mero divertimento doveva essere e sano divertimento è stato per Giacomo Ghidini e Stefano Cossetti, al via rispettivamente sulla MINI e sulla BMW M2 di casa, entrambi in crescendo nella varie sessioni e raggianti per la loro appagante due giorni agonistica bellunese.

Da applausi la gara della giovanissima Selina Pratl, autrice di ottimi tempi nelle due manche di gara ed apparsa già incisiva sin dalla vigilia. In gara-2 si trovava sulla sua strada il compagno di team fermo per out tecnico, perdendo così qualcosina, ma i suoi riferimenti crono ed il suo piglio professionale e meticoloso convincono sulle vivide qualità di base di questa 18 enne altoatesina, seconda nella classifica finale riservata alle Lady.

Comunicazione team AC Racing Technology


Articoli correlati

Back to top button