WRC

ACI Rally Monza “Green”

Il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, l’Automobile Club d’Italia e la Regione Lombardia insieme per la riduzione dell’impatto ambientale della gara. Numerosi i progetti e le attività di compensazione messe a punto.


L’ACI Rally Monza settimo e conclusivo round del FIA World Rally Championship 2020, si svolgerà in un contesto paesaggistico e ambientale tra i più prestigiosi al mondo. Per questo motivo il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, l’Automobile Club d’Italia e la Regione Lombardia hanno lavorato insieme per la riduzione dell’impatto ambientale della gara.

A seguito di uno studio realizzato dall’Area Professionale Tecnica di ACI, sono numerosi i progetti e le attività di compensazione delle emissioni messi a punto.

Queste le iniziative più importanti promosse da ACI, proposte anche ai team, che saranno sottoposte allo studio di fattibilità da parte del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza.

Nel Parco di Monza saranno ad esempio piantati 100 alberi, un numero estremamente rilevante che consentirà di far nascere un nuovo bosco. Questa iniziativa trova fondamento nelle direttive del FIA ’Environmental  Accreditation  Programme’, volto a rendere minime le conseguenze ambientali derivate da eventi del motorsport.


Messo a punto anche un articolato e meticoloso piano di sicurezza ambientale che prevede l’impiego di personale specializzato e mezzi che si occuperanno della raccolta e stoccaggio dei rifiuti speciali “professionali”, realizzata presso ciascun team impegnato. Previste area lavaggio pezzi meccanici all’interno di uno spazio appositamente allestito, e aree lavaggio vetture con uso di detergenti a matrice naturale completamente biodegradabili.

Su precisa volontà della Direzione dell’Autodromo Nazionale Monza sarà disponibile anche il servizio di pronto intervento ambientale con squadre addestrate e specializzate nel contenimento delle conseguenze di perdita accidentale di sostanze pericolose per l’ambiente e le persone.

L’organizzazione dell’ACI Rally Monza dedica cospicue risorse per l’annullamento dell’impatto ambientale dell’evento, con progetti mirati che offrono alternative e soluzioni dedicate alla natura ed all’intero territorio che ospita la competizione.

L’ACI Rally Monza Rally è, fra l’altro, in attesa della certificazione FIA 1 Star, obiettivo per il quale è già stato effettuato l’audit con gli ispettori della Federazione Internazionale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker