RALLY NAZIONALI

AL 45° TROFEO MAREMMA VITTORIA PER TUCCI-FARNOCCHIA

Successo di adesioni e successo anche sotto l’aspetto sportivo, con una gara come al solito tirata e ricca di spunti tecnici e sportivi.


Il pilota di Venturina, affiancato per la prima volta dall’esperto Sauro Farnocchia, ha riscattato la sfortuna della passata edizione con una prestazione maiuscola, mentre il resto del podio è andato agli elbani Volpi-Maffoni (Skoda Fabia R5) ed a Ricaldone-Ceschino (VolksWagen Polo R5).

Performance d’effetto per il locale Francesco Paolini, dentro la top ten assoluta e primattore tra le vetture a due ruote motrici con la Renault Clio S1600.

Tra le vetture storiche il successo è andato al senese Valter Pierangioli con una Ford Sierra Cosworth.

Il livornese di Venturina Roberto Tucci, con al fianco l’esperto lucchese Sauro Farnocchia, su una Skoda Fabia R5 Evo hanno vinto oggi il 45. Trofeo Maremma, il classico appuntamento autunnale come al solito sempre partecipato ed avvincente.


L’evento, organizzato da MaremmaCorse 2.0, valido per il Trofeo rally Toscano, oltre che per il Trofeo Rally di Zona per autostoriche, ha contato 110 iscritti, a conferma della grande stima di chi corre verso questo rally, uno dei più longevi in Italia.

Nove, in totale, le prove speciali previste, tre da ripetere tre volte, in un percorso ricavato dalla tradizione, che ha esaltato Tucci il quale, ben guidato da Farnocchia (con cui era al debutto) ha fornito una prestazione di alto profilo, condotta con autorità dalla seconda prova speciale rilevando al comando l’attesissimo Alessio Santini, con Susanna Mazzetti a destra sulla VolksWagen Polo R5, poi fermato da un incidente nel trasferimento per raggiungere la seconda prova, travolto da un’auto in manovra di sorpasso.

Da quel momento in poi Tucci ha saputo tenere ben salda in mano la situazione riuscendo a contenere i diversi attacchi che arrivavano soprattutto dall’elbano Andrea Volpi, con Maffoni, su una Skoda Fabia R5 non evoluta, il quale ha confermato il particolare feeling con le “piesse” maremmane.

Ci è voluta l’ultima prova speciale, decretare il vincitore, l’attacco di Volpi si è fatto deciso proprio sul passaggio conclusivo della celebre “Marsiliana”, con il quale ha quasi azzerato il vantaggio che Tucci si era conquistato. Tucci ha infatti accarezzato per primo la bandiera a scacchi posta sul palco di arrivo allestito al Palagolfo per solo 1”7 sul rivale.

Perfetto dunque Tucci, perfetto anche Volpi, ma esaltante pure l’alessandrino, follonichese di adozione, Matteo Ricaldone, tornato alle gare dopo due anni ed al debutto con la non facile VolksWagen Polo R5 gemella a quella di Santini. L’incognita della lunga pausa dalle gare e l’incognita anche del dover gestire la vettura tedesca con la quale approcciava per la prima volta non hanno messo in crisi Ricaldone, decisamente definibile “uomo partita”.


Quarta piazza per l’altro locale Leopoldo Maestrini, con Eleonora Mori, alla seconda gara con la Citroen C3 R5. Hanno avviato la gara con cautela per poi terminarla in crescendo sia di sensazioni che di risultati parziali, anche loro meritandosi l’applauso. La top five è stata chiusa dal lucchese Alessio Della Maggiora  navigato da Favali, sempre gravitati nelle posizioni al sole della classifica.

Prestazione sopra le righe, come consuetudine concreta quanto veloce per gli altri locali acclamatissimi, Francesco Paolini e Marco Nesti, ottavi assoluti nel bel mezzo della sfida delle top car di categoria R5 a trazione integrale, ed ovviamente vincitori tra le due ruote motrici, in un confronto popolato da grandi piloti.

Un confronto frizzante quanto anche spettacolare pure tra le auto storiche dell’ultima prova disponibile del Trofeo Rally di terza zona (TRZ), con vittoria alla fine per il senese Valter Pierangioli, con Piazzini alle note su una Ford Sierra Cosworth. La vittoria del veloce pilota di Montalcino, anche trionfatore nel quarto raggruppamento, è arrivata dopo un serrato dualismo con il lucchese Giovanni Mori, con Frosini al fianco sulla BMW M3. Pierangioli ha sempre condotto in testa, ma l’altro gli è rimasto sempre alle costole, arrivando sotto la bandiera a scacchi divisi da pochi secondi, con ottimo terzo l’altro lucchese Mauro Lenci, in coppia con Ronny Celli sulla loro Peugeot 205 GTi, vettura certamente meno potente delle altre due che la hanno preceduta quindi meritevoli, Lenci ed il suo copilota, di applausi a scena aperta. Come applausi li ha presi certamente l’ebano Efisio Gamba, con la ancora meno potente Peugeot 205 1,6, condivisa con il fido Olla, quarti. Fuori di scena Gaspare Alessi e la sua Ford Sierra Cosworth, fermati da un guasto nel finale di gara quando gravitavano a ridosso del podio. Il secondo raggruppamento è andato nelle mani del tedesco Stoschek, con una Porsche 911, il terzo invece al pistoiese Adelchi Gasperetti con la Renault 5 Alpine.

ENI REWIND ANCORA AL FIANCO DELL’EVENTO

Anche per quest’anno il main sponsor della competizione è stato Eni Rewind, la società ambientale di Eni  che opera secondo i principi dell’economia circolare per valorizzare i terreni industriali, le acque e i rifiuti attraverso progetti di bonifica e di recupero efficienti e sostenibili. Per la società è una conferma della sinergia con il territorio e una rinnovata occasione per confermare il proprio impegno nelle attività di risanamento ambientale e di valorizzazione delle ex aree minerarie che hanno un forte valore identitario per la comunità locale. Un momento di partecipazione in cui Eni Rewind racconta agli stakeholder la visione strategica delle proprie attività anche per il recupero efficiente e sostenibile di risorse e asset.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker