Home » Salita » AMATO: A LAVORO PER LA SALITA

AMATO: A LAVORO PER LA SALITA

Il sindaco del comune calabrese, ci dettaglia gli importanti sit-in tecnici effettuati con Automobil Club Catanzaro e Provincia, per rendere fattibile la nuova cronoscalata in calendario a settembre.

Uno sforzo corale, come esige un evento complesso qual è una cronoscalata. Nei cinque anni che si sono avvicendati sino ad oggi, da quando la cittadina di Amato si è proposta al mondo delle gare su strada con il bello slalom omonimo inserito nel campionato calabrese a birilli, Carmelo Caligiuri, il meccanico locale che si è fatto promotore della voglia di trasformare lo slalom in una veloce cronoscalata, non ha mai smesso di crederci e di lottare. Ineludibile anche il ruolo di Giuseppe Grande, che con la propria azienda Pellet Amato, sarà lo sponsor principale dell’evento. Un sogno alimentato nel tempo e che ha coinvolto tutte le istituzioni del territorio competenti, fattivamente al lavoro in questi mesi, ognuna di esse secondo le rispettive deleghe di legge. Quella di Amato è già di per se una strada abbastanza ampia, moderna e funzionale, concepita per sopportare un notevole flusso veicolare e che quindi già annovera alcune delle caratteristiche più adatte a soddisfare le esigenze di spettacolarità e guidabilità, imprescindibili per farla diventare tappa stabile e non solo episodica, di una gara in salita.

In un recente sopralluogo, si sono incontrate le varie componenti istituzionali e sportive coinvolte nell’avvincente progetto. Il geometra Cimino per la Provincia, il dr. Narda per l’Aci Catanzaro, l’architetto Caligiuri come responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Amato, Salvatore Trapasso per la scuderia New Generation Racing, si sono portati in varie zone del percorso di oltre 6 km, per dettagliare gli interventi da porre in essere per raggiungere la quota di sicurezza necessaria. Interventi che dovranno essere messi in atto dalla Provincia, il cui presidente Enzo Bruno si è dimostrato sensibile ed attento alle istanze afferenti alla cronoscalata in questione.

Ne abbiamo parlato con il sindaco di Amato, il dr. Ruga, che ha sposato subito convintamente l’idea di ampliare gli orizzonti del già spettacolare slalom del comune che dirige: Sono in continuo contatto con il mio ufficio tecnico, che si interfaccia con i competenti professionisti della provincia e dell’Aci Cz al fine di esaminare i vari aspetti inerenti all’organizzazione della gara in salita per trovare per ognuno di loro, la migliore risposta tecnica e legislativa. L’ultimo incontro è stato positivo, si è fatto un elenco dettagliato delle priorità per il percorso, pertanto ritengo che l’iter stia procedendo in maniera fluida e condivisa da tutte le parti in causa. Noi come amministrazione comunale siamo totalmente solidali con questo bellissimo progetto, che renderebbe un grande servizio alla comunità non solo in termini di visibilità, ma anche di riconoscimento delle professionalità locali presenti e di impulso all’economia del luogo. Abbiamo dato e daremo tutto quello che è nelle nostre possibilità e competenze  per capitalizzare cotanti sforzi ed aspettative. Riuscire ad organizzare una prima edizione di alto livello, sarebbe un volano prezioso per conferire da subito quella credibilità utile, a dare slancio a questa salita pure per gli anni futuri. Ringrazio ancora una volta Carmelo Caligiuri, una figura decisiva che in questi anni si è speso con ardore e competenza per la gara di casa, fin dalla prima edizione dello slalom. Seguiamo con attenzione l’evolversi dei fatti. Mi sento fiducioso.

Come importante parte in causa dell’evento, ci è sembrato corretto interpellare anche il presidente dell’Automobil Club Catanzaro, Ripepe: Abbiamo rappresentato alla provincia le necessità tecniche per rendere fattibile la cronoscalata, elencando dettagliatamente i tratti d’asfalto da ripristinare e i rail da sostituire con elementi a doppia lama, con quella inferiore dalla ridotta luce a terra. Trattandosi di una strada con elevata capacità veicolare ed essendo questi interventi di natura ordinaria e non straordinaria, con ricadute preziose per la viabilità quotidiana, accolgo con soddisfazione l’intesa fra le parti e aspetto di constatare quali e quanti di loro saranno recepiti dall’ente gestore, fra quelli segnalati. Per natura sono prudente, conoscendo complessità e problematiche dell’organizzazione di questi eventi, ma quelli fatti finora, sono i passi giusti. Aspettiamo.

Francesco Romeo

1 Commento

  1. cera proprio bisogno di nominare lo sponsor? io ci sono stato le scorse edizioni e in quel paese tutti si impegnano per la scalata, non a senso nominare uno sponsor che a solo voglia di apparire al discapito di chi sta fino a notte fonda a pulire la strada

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

A CIVIDALE MANCIN, SECONDO, IPOTECA IL TIVM

Il pilota di Rivà, nell’appuntamento friulano, ritrova lo smalto dei tempi migliori, e chiude alle ...