Home » Salita » ANDREA CELLI VERSO IL RITORNO

ANDREA CELLI VERSO IL RITORNO

Una stagione di stop per i postumi di un incidente sullo snow board, lo ricarica per le sfide della prossima annata. Ancora a quota 1600 ed anche per il 2019, con un programma parziale fra Tivm e Civm.

La velocità lo ha tradito, ma non è stata quella per lui tipica delle cronoscalate. Divertendosi in montagna con lo snow board ad inizio 2018, Andrea Celli non riusciva ad evitare l’impatto disassato con un albero e si procurava una frattura alla parte superiore della gamba, che gli procurava mesi e mesi di convalescenza e cure. Tuttora non può sprintare o marciare con il passo precedente all’infortunio, ma il recupero funzionale dell’arto è da considerarsi molto avanzato. Il fermento per le corse in salita si è quindi alimentato con l’assenza dalle competizioni e Celli pensa già alla stagione di rientro in gara, con la propria Peugeot 106 assettata dalla TS Suspension e spinta da un motore preso a nolo dallo specialista Ciarcelluti. Dopo la vittoria della coppa tricolore di E1-1400, anche in classe 1600 questo 31 enne che lavora su una piattaforma per l’estrazione del gas metano, si era tolto qualche soddisfazione di livello, fra cui la conquista di una vittoria. Tutto questo, fino all’incidente con gli sci.

  

Rispetto al 2019, le sue idee sono nitide: Ovviamente ho molta voglia di tornare in macchina, anzi speravo di poter fare qualche gara entro il 2018, ma per una cosa o per l’altra non è stato possibile. L’anno prossimo farò le salite del Tivm e Civm nelle mie possibilità logistiche ed economiche del momento, come faccio usualmente. Non posso fare un programma preciso, sia per questioni di budget, che di impegni lavorativi. Sono consapevole che tornare ed essere competitivo non sarà affatto facile, non solo per la grande bravura degli avversari e delle loro macchine, sempre più potenti ed evolute, ma anche perché per andare forte, serve stare in macchina con costanza. Difatti tutti quello che hanno risultati importanti, corrono molte gare. E’ una condizione assolutamente obbligata per avere certi riscontri, non c’è niente da fare. Cercheremo di farci trovare pronti quanto più possibile nelle crono in cui parteciperò.

Non vedo l’ora di tornare in macchina.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Volante d’Argento e Casco d’Oro per Christian Merli

Il Trentino Campione Italiano ed Europeo delle salite ha ricevuto a Milano i prestigiosi premi ...