Home » Rally » CIR » Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto conquistano il 2° Memorial Pasquale Amoroso

Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto conquistano il 2° Memorial Pasquale Amoroso

Protagonista indiscusso della seconda tappa del Rally di Roma Capitale con sei prove speciali vinte su nove, Andrea Crugnola ha conquistato anche il 2° Memorial Pasquale Amoroso, il prestigioso riconoscimento che Motorsport Italia ha voluto attribuire al vincitore dell’ultima prova, la “Guarcino – SKY Gate/3”.

Il Memorial, supportato e promosso anche dalla Federazione Sportiva Nazionale è stato istituito lo scorso anno per ricordare il collega e l’amico, dirigente della Federazione, scomparso nel Natale 2018. Impegnato con passione e competenza nell’ambito della Direzione Sport Automobilistico, Amoroso ha svolto per anni la sua attività diventando un riferimento per amici e colleghi, impegnandosi per definire i rapporti istituzionali tra ACI Sport, gli altri organismi sportivi e il CONI.

La speciale di “Guarcino – SKY Gate”, una delle classiche della seconda tappa del Rally di Roma Capitale, è stata disputata tre volte e in tutte e tre le occasioni Crugnola e Ometto, su Citroen C3 R5, hanno ottenuto il miglior tempo. Nel terzo passaggio, quello preso a riferimento per l’assegnazione del Memorial, hanno staccato un ottimo 6’27.9.

“Per noi è stato ancora una volta un onore ricordare Pasquale Amoroso – ha sottolineato Max Rendina, ideatore del Rally di Roma Capitale, – e sono personalmente contento che il riconoscimento sia andato ad Andrea Crugnola. Andrea ha confermato di avere il passo per stare davanti, per battagliare con i migliori piloti d’Europa e non fosse stato per l’errore di sabato mattina sicuramente avrebbe potuto dire la sua anche nella classifica assoluta”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Suzuki Rally Cup: Rally Due Valli ad Andrea Scalzotto, Rivia il top del trofeo

L’appuntamento della Suzuki Rally Cup è stato vinto da Andrea Scalzotto e Nicola Rutigliano a ...