Home » Salita » Appuntamento con la 63 Trento – Bondone per il C.I.V.M. Nord

Appuntamento con la 63 Trento – Bondone per il C.I.V.M. Nord

Christian Merli (Vimotorsport - Osella PA 2000 # 29)Il 6 e 7 luglio ancora una tappa con doppia validità per il Campionato Italiano Velocità Montagna e Campionato Europeo Montagna sui 17,3 Km del tracciato più lungo delle due serie. Venerdì 5 le verifiche in città, sabato due salite di prova e domenica la gara in unica salita.

 

Trento, 4 luglio 2013. Il Campionato Italiano Velocità Montagna Zona Centro Nord si appresta a vivere la quarta delle cinque tappe alla 63^ Trento – Bondone, prova anche del Campionato Europeo della Montagna, ancora una volta i migliori driver italiani incontreranno i protagonisti della serie continentale. La gara organizzata dalla Scuderia Trentina è considerata “L’Università delle salite” per la sua lunghezza di 17,3 Km che dalla località Montevideo, alle porte di Trento, si arrampica fino a Vason in prossimità della vetta del Monte Bondone, 1.350 metri più in alto, lungo un pendenza media dell’8,55%. Il tracciato è tra i più difficili in assoluto con una sequenza interminabile di tornanti e curve altamente impegnative. Il pubblico che assiepa l’itero percorso arriva da ogni parte d’Europa per l’imperdibile appuntamento. Con 219 iscritti, anche in un anno certamente non facile, la corsa trentina si conferma  appuntamento irrinunciabile.

Venerdì 5 luglio si svolgeranno le operazioni di verifica sportiva e tecnica, come di consueto in città, nell’ampia Piazza Dante dalle 13.00 alle 19.30. Sabato 6 luglio a partire dalle 9.00 le due salite di prove, per permettere ai concorrenti di testare il tracciato al volante delle vetture da gara. Domenica 7 luglio alle 11.00, il Direttore di Gara Giancarlo Zattera e l’aggiunto Gianpaolo Rossi, daranno il via alla 63^ edizione della Trento – Bondone, come di consueto, competizione in salita unica.

Numerosi ed appassionanti i motivi sportivi della quarta prova di C.I.V.M. Zona Centro Nord, ad iniziare dall’annunciato duello di vertice per il Tricolore e l’Europeo. Simone Faggioli con l’Osella FA 30 Zytek di gruppo E2/M, è al comando di entrambe le serie, ma sa benissimo che il Bondone è una gara estremamente impegnativa dove la minima imperfezione può essere decisiva, per cui un preciso lavoro attende l’alfiere Best Lap, dopo i problemi di set up accusati ad Ascoli. Nel ruolo dell’inseguitore si presenta alla gara di casa Christian Merli, il portacolori Vimotorsport che al volante della nuova e sempre più agile e generosa biposto di gruppo E2/B Osella PA 2000 Honda, nelle ultime gare in particolare si è avvicinato alle prestazioni di vertice assoluto ed al Bondone giocherà in casa. Ma tra le monoposto ci sono altri piloti di casa in grado di puntare molto in alto, ad iniziare da Diego Degasperi che oltre all’ accresciuta familiarità con l’Osella FA 30 Zytek, può contare anche sulla conoscenza del lungo tracciato, il portacolori Speedmotor Adolfo Bottura sulla Lola Zytek, come il giovane Matteo Moratelli, ancora non entrato nel giusto ritmo di campionato quest’anno. Sempre in gruppo E2/M il pistoiese Franco Cinelli punterà sulla sua lunga esperienza al Bondone per trovare in fretta le opportune regolazioni sulla Lola Zytek, mentre a raccogliere punti tricolori penserà il driver della Repubblica Ceca in corsa per l’Italiano Milan Svoboda, anche lui su Lola. Minacce precise arrivano da oltre confine con il lussemburghese David Huser che si presenta al via con la Dallara GP2, mentre su Oslla FA 30 è il connazionale Guy Demuth e lo svizzero tiziano Riva su Reynard con motore Cosworth. In classe 2000 il pilota di casa Gino Pedrotti mirerà a rafforzare il comando con la Tatuus F. Master, anche se il sardo Sergio Farris è in cerca di riscatto dopo un avvio di stagione un po’ faticoso con la Tatuus F. Master. Tra le 1600 il veneto Franco Bertò al volante della Tatuus F. Monza con cui ha raggiunto un’ ottima intesa, non si limiterà ai riferimenti di classe. Tra le cilindrate fino a 1000 cc., ottima occasione per risaldare la posizione di vetta per il reatino Graziano Buttoletti con la Gloria CP5. Tra le biposto preparate secondo normativa europea di gruppo E2/B, oltre Merli, non mancano certo i nomi di spicco, in classe 3000 il livignasco Fausto Bormolini new entry in casa Best Lap con l’Osella PA 30 Zytek, Renzo Meneghetti con la Lucchini e Antonio De Luca con l’Osella PA 20. Mentre in gruppo CN il sardo dell’Ateneo Omar magliona arriva da leader a Trento e con la sua performante Osella PA 21/S EVO Honda, con cui vorrà allungare sulla concorrenza, complice l’esperienza del driver sassarese, che dovrà essere impeccabile, altrimenti il bolognese Marco Capucci su Osella PA 21/S, come l’emiliano Franco Manzoni e il reatino Maurizio Pitorri su Wolf, in particolare, potrebbero immediatamente approfittarne per avvicinarsi. In gruppo GT il friulano della Forum Julii Historic Gianni Di Fant, reduce dal successo allo Spino, userà tutta l’agilità della Porsche GT3 Cup per rinsaldare la testa di categoria contro il veneto di Superchallenge Roberto Ragazzi che punterà sulla generosità di potenza della Ferrari F458 per recuperare, dopo il successo nella gara d’allenamento domenica scorsa ad Ascoli. Minacce alla vetta arriveranno anche dalla Porsche GT3 di Rosario Parrino, dalla F430 del Cavallino di Bruno Jarach, ma anche dalla 996 di Stoccarda di Sebastiano Frijo. In gruppo E1 il bolognese dell’Ateneo Fulvio Giuliani cercherà il pieno di punti tricolori con la sua Lancia Delta EVO, sempre molto a suo ago sul Bondone, dove potrebbe iniziare a pensare ai confronti delle finali, misurandosi con i rivai in arrivo dal resto d’Europa con le vetture preparate secondo le più permissive normative di gruppo. Ma Michele Massaro con la BMW M3, il veneto Giuseppe Zarpellon su vettura gemella di classe 3000, Silvano Gallina con la Jaguar S Type,ed il toscano Silvano Brandi su BMW 330 D, saranno tutti avversari da tenere sotto controllo. Il maceratese dell’ACN Forze di polizia Abramo Antonicelli cerca i punti della Coppa Suprasters al volante della BMW M3, con cui pensa già alle finali. In classe 2000 Roberto Boscariol e Manuel Morocutti con le Renault Clio Cup cercheranno di raccogliere il massimo punteggio per la rincorsa alla categoria, ma occhio al giovane Damiano Schena con la Renault Clio Cup. In classe 1600 lotta tra veneti con Michele Ghirardo e “Zio Fester” sulle Honda Civic e Tiziano Turrin sulla Citroen Saxo. A caccia di punti per la classifica femminile e la classe 1150 arriva in trentino l’umbra Deborah Broccolini al volante dell’inseparabile Citroen C1. In gruppo A, sono presenti i vincitori di Ascoli i ceki Vojacek e Maly e l’austriaco Schweiger, arrivato terzo, tutti su Mitsubishi, ma in corsa per l’europeo e su vetture con preparazione diversa, per l’italiano il leader triestino del Borret Team Motorsport Paolo Parlato dovrà chiedere ancora il massimo alla sua Renault New Clio per contenere gli attacchi dell’altoatesino della Scuderia Mendola Rudi Bicciato, che arriva con particolare aggressività sul Bondone, deciso a mettere in riga italiani e stranieri con la sua Mitsubisi riportata in piena forma. Ma torna in gara anche il pilota locale Maurizio Pioner con la Mitsubihi Lancer che ben conosce, mentre l’incisiva lady Gabriella Pedroni giocherà in casa con la sua Mitsubishi Lancer. In classe 2000 a contrastare Parlato ci saranno tra gli altri l’esperto Rino De Luca sempre a suo agio con la Peugeot 306 sul Bondone, come il veneto Ivano Cnedese ora con la Renault New Clio. Dall’affollata classe 1600 il veneto Michele Mancin cercherà di guadagnare altri punti preziosi per mantenere la terza piazza in gruppo con la sua Citroen Saxo con cui ha finora centrato due successi su due gare. Tutta da seguire la lotta di vertice per il gruppo N tra le Mitsubishi Lancer, che vede al comando l’aggressivo altoatesino Armin Hafner, sempre più insidiato dal friulano Michele Buiatti della Friuli, particolarmente graffiate allo Spino, torna però in gara il trevigiano di lungo corso portacolori Mediatica Lino Vardanega, con il preciso intento di un pronto recupero dopo l’intoppo in Toscana. Ha lasciato la Porsche in luogo della Subaru Impreza il toscano Guido Sgheri. In classe 2000 prosegue il proficuo apprendistato tricolore per il sardo della Magliona Motorsport Tonino Cossu su Honda Civic Type-R e di Marcello Macalli su Renault Clio, entrambi protagonisti allo Spino. Assalti al podio di gruppo continuano ad arrivare dalla 1600 dove il piemontese leader di classe Giovanni Regis cercherà il successo ed il peno di punti con la Peugeot 106, ma avrà tra i principali contendenti i veneti Fabrizio Vettorel su vettura uguale e Matteo Bommartini sulla Honda Civik Ek 4,oltre all’esperto calabrese Eugenio Molinaro che con la sua Peugeot non ha voluto perdere l’appuntamento con il Bondone. Nel gruppo Racing Start, riservato alle vetture strettamente di produzione, il bresciano della Elite Motorsport Nicola Novaglio arriva da leader con la MINI Cooper S curata dall’AC Racing, ma tra le sovralimentate è seguito da vicino dal bergamasco Mario Tacchini che lo scorso anno ebbe il suo exploit d’esordio sulla Opel Corsa OPC proprio al Bondone. L’umbro “Silver” affronterà l’impegnativo tracciato con la Suzuki Swift forte della sua leadership tra le auto con motore aspirato, mentre ad insidiare i protagonisti abituali ci penserà il trevigiano “Romy” che torna in salita per provare la Honda Integra in una parentesi dei suoi impegni in circuito nel Campionato Italiano Turismo Endurance.

Classifiche C.I.V.M. Zona Centro Nord dopo tre gare:

Assoluta: 1. Faggioli, 40; 2. Merli, 30; 3. Magliona e Degasperi, 22; 5. Bottura, 12.

Gruppo E2/M: 1. Faggioli, 50; 2. Degasperi, 36; 3. Bottura, 27; 4. Bertò, 19; Pedrotti, 17.

Gruppo E2/B: 1. Merli, 46; 2. Venturi, 24,5; 3. Peroni G., 13,5; 4. Lasia, 10; 5. Siddi, Meneghetti, Piccinelli, 7.

Gruppo CN: 1. Magliona, 50; 2. Manzni, 24,5; 3. Capucci, 23,5; 4. Urbani, 15; 5. Sivori, 10,5.

Gruppo GT: 1. Di Fant, 40; 2. Ragazzi, 37; 3. Jarach, 22; 4. Parrino, 20; 5. Frijo, 17.

Gruppo E1: 1. Giuliani, 46; 2. Cimarelli Ferdinando, 19; 3. Gaetani,17; 4. Boscariol e Pelorosso D., 15.

Gruppo A: 1. Parlato, 35,5; 2. Bicciato, 25,5; 3. Mancin, 23,5; 4. Matiz, 17,5; 5. Lombardi, 11.

Gruppo N: 1. Hafner, 43,5; 2. Buiatti, 31; 3. Regis, 19; 4. Vettorel, 16,5; 5. Mercati, 15.

Gruppo Racing Start: RSTB 1. Novaglio, 50; 2. Tacchini, 37,5. RS: 1. Silvestrelli, 25; 2. Ghirardo e De Ciantis, 20; 4. Cappello, 15; Merli N., 12.

Calendario Campionato Italiano Velocità Montagna 2013 zona Centro Nord: 5 maggio, 29^ Iglesias – Sant’Angelo; 26 maggio, 44^ Verzegnis – Sella Chianzutan; 16 giugno, 41^ Pieve santo Stefano – Passo dello Spino; 7 luglio, 63^ Trento – Bondone; 25 agosto, 48° Trofeo Luigi Fagioli;

Finali: 1 settembre, 41^ Rieti – Terminillo 49^ Coppa Bruno Carotti; 15 settembre, 59^ Coppa Nissena; 29 settembre, 31^ Pedavena – Croce D’Aune.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Nessuna nuova restrizione per l’organizzazione e l’effettuazione delle manifestazioni automobilistiche iscritte nel Calendario Nazionale ACI

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 18 ottobre conferma tutte le ...