Home » Salita » AUTOSPORT SORRENTO FRA CIVM E PISTA

AUTOSPORT SORRENTO FRA CIVM E PISTA

Ritorno ad Imola per la serie Peroni con Patrinicola ed Esposito su Ligier e Di Somma su Radical, mentre Aiuto e Adragna sfideranno le insidie del Monte Erice in Civm. In mezzo, Giordano fa gara-2 dell’Italiano Formula Challenge a Muro Leccese, in cui vinse nel 2017.

Mancano solo gli slalom nel terzo week end di settembre dell’AutoSport Sorrento, ma gli altri format di gara in agenda, rivestono un ruolo molto importante nella stagione corrente. Dopo mesi di stop, torna la serie organizzata dal Gruppo Peroni Race e così l’impegno della factory sorrentina nella gara endurance di tre ore e in quella sprint canonica. L’equipaggio destinato alla prova di durata imolese è costituito dalla collaudata coppia Simone Patrinicola-Michele Esposito, capace di centrare già degli ottimi podi assoluti alla prima stagione in gare di questa tipologia. Risultati assolutamente premianti e centrati perlopiù con un ottimo passo ed un consistente numero di sorpassi in bagarre, malgrado il motore in esecuzione CN, sia gioco forza meno potente di molte concorrenti di categoria.

Prospettive interessanti anche per Gio Di Somma, che con la Radical SR4 Evo 1600 vuole mostrare una volta ancora il proprio valore nelle gare sprint, su una pista come Imola che con le sue insidie tecniche ed altimetriche, riserva delle difficoltà oggettive a chiunque si approcci, soprattutto se da debuttante come lui. Il giovanissimo driver di Vico Equense però, capace in stagione di vincere già gara-2 su una pista molto simile come il Mugello, ha le doti per ripetersi anche sulle rive del fiume Santerno, con grande efficacia. Un ruolo decisivo, oltre alla caratura dello staff tecnico della squadra capitanato da Alessio Canonico, lo rivestirà la figura dell’ingegnere di pista Antonello Palmiotto, prezioso nell’interfacciarsi con i piloti in ogni fase del week end.

Puntando il cursore verso sud, si riaccende la sfida del Campionato Italiano Velocità Montagna, che fa tappa in una delle sue cronoscalate clou, quella di Erice. Il primo dei due round siculi del tricolore, annovera quasi 250 iscritti ed una quota tecnica decisamente impegnativa. La coppia deputata a rappresentare l’AutoSport Sorrento in Sicilia con due barchette da 1585 cc, è composta dal veterano locale Rocco Aiuto, che vanta oltre quaranta partenze ad Erice con decine vittorie di classe a corredo e mostra lo stesso entusiasmo della prima volta, per la sfida del prossimo week end. Così si è espresso Aiuto: Su questa strada ho vinto con tante macchine diverse e una volta ho sfiorato anche il successo assoluto…mi girai in un tornante quando ero in testa agli intermedi, peccato davvero…ma ho avute così tante soddisfazioni sia là che in tutte le altre strade siciliane, su cui ho vinto molto, che non mi considero sfortunato, anzi. Una volta c’era una sola mescola e sull’asfalto scivoloso di Erice potevi fare quello che potevi, oggi con queste mescole tanto performanti per le gomme, si sono trovati limiti velocistici molto superiori. Ho un mio tempo nella testa e penso di poterlo fare, dico solo questo. La macchina e la squadra ci sono tutte, ora tocca a me.

Discorso di senso opposto invece per il giovane Francesco Adragna, che dopo dieci anni di pista in auto e tre campionati kart vinti nella sua Sicilia, fa il suo debutto assoluto in salita su una strada impegnativa come quella che cinge il bellissimo borgo occidentale-siculo. Curiosità ed entusiasmo insieme per lui, che ha effettuato i primi giri conoscitivi della SR4, sulla pista di Kinisia: Ho scelto AutoSport Sorrento perché è il top, come serietà, capacità e modo di fare. La Radical mi piace e credo sia la macchina più adatta per debuttare in salita, col motore 1600 so che vada molto forte e visto che tutti i piloti dicono che trasmetta tanta sincerità nel comportamento, l’ho scelta senza indugio per correre ad Erice. Non vedo l’ora di essere allo start della gara!

Dopo la cavalcata trionfale del 2017, Pietro Giordano è ripartito nel 2018 con la speranza di rivincere il titolo italiano di Formula Challenge conquistato nel 2017 con la Radical SR4-1600 Evo dell’AutoSport Sorrento. Nella prima recente gara in calendario è arrivato un buon secondo posto finale, input positivo per la nuova stagione, ma nel prossimo week end, il presidente della Tramonti Corse punta a bissare il successo colto sulla bella e curata pista di Muro Leccese, dodici mesi fa: Tracciato bello e tenuto molto, molto bene. L’anno scorso ho vinto divertendomi e spero di ripetere anche quest’anno il successo. La macchina c’è e si adatta benissimo a questo percorso, ma gli avversari sono molto forti. I complimenti vanno fatti in primis agli organizzatori di questa tappa pugliese perché creano un vero evento attorno alla gara, meritevole dei massimi elogi. Bello, bello davvero!

Francesco Romeo
As AutoSport Sorrento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Raffaele Lo Schiavo è Campione Italiano di Prod S del CIVM 2018

Non poteva esserci scenario migliore per un traguardo sportivo di livello Nazionale. Lo spettacolo andato ...