Home » Pista » DTM » Bruno Spengler lascia il DTM dopo 15 stagioni di assoluti successi

Bruno Spengler lascia il DTM dopo 15 stagioni di assoluti successi

Nel 2020 il campionato DTM perderà uno dei suoi volti più importanti, Bruno Spengler infatti dopo ben 15 anni spesi con Mercedes prima e BMW poi, dalla prossima stagione volterà pagina e  sarà al via dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship per guidare la BMW M8 GTE.

Il canadese resta quindi portacolori della Casa bavarese, ma cambia completamente scenario abbandonando il campionato turismo tedesco che lo ha visto vincere il titolo nel 2012 e partecipare a 195 gare in totale, con 16 vittorie ottenute (ultima delle quali al Norisring quest’anno), 18 pole position e 51 podi.
 
Il primissimo impegno del 2020 per lui sarà la 24h di Daytona, alla quale prenderà parte con la vettura preparata dal Team RLL, mantenendo anche il ruolo di collaudatore del BMW i Andretti Motorsport in Formula E.
 
“Prima di tutto sono ovviamente dispiaciuto di non poter più correre nel DTM nel 2020 – ha dichiarato il 36enne – Per 15 anni fantastici è stato un campionato che ha fatto parte della mia famiglia, praticamente metà della mia vita l’ho passata lì e nelle 195 gare affrontate ho ottenuto grandi successi, primo dei quali chiaramente il titolo del 2012 con BMW ad Hockenheim. Questo risultato mi legherà per sempre Charly Lamm”.
 
“Come sportivo mi sarebbe piaciuto restare per qualche altro anno, per cui colgo l’occasione per ringraziare tutti i meccanici e gli ingegneri che hanno lavorato con me in queste stagioni e grazie ai quali ho ottenuto i miei successi. Di fatto, per me è un po’ una sorpresa non essere al via del DTM per la sedicesima volta, ma è ora di guardare avanti”.
 
“La BMW per me è una famiglia e affronterò una nuova sfida, sono pronto a scrivere un nuovo capitolo della mia carriera. Conosco già la BMW M8 GTE e il Team RLL, così come alcune piste del Nord America. Penso che mi adatterò in fretta, poi potrò correre per la prima volta dopo tanto tempo davanti al mio pubblico in Canada. Mi mancheranno moltissimo i fan del DTM, gli dico ‘addio’ guardando già al 2020”.
 
Jens Marquardt, direttore di BMW Motorsport, ha aggiunto: “Pochissimi piloti hanno avuto un impatto nel DTM come Bruno Spengler negli ultimi 15 anni. Ha vinto il titolo con la BMW al debutto nel 2012, qualcosa che nessuno avrebbe mai pensato possibile in quel momento, dunque resterà per sempre nella storia di BMW Motorsport. Delle 122 gare nel DTM fatte con noi ne ha vinte 7, ultima delle quali al Norisring nel 2019 in una cornice emozionante. Quest’anno ha anche sfondato il muro dei 1000 punti conquistati e ciò sottolinea il valore di questo ragazzo per la serie”.
 
“Detto questo, siamo dell’idea che il 2020 fosse l’anno giusto per lui e noi di pendere una nuova strada per il futuro, ma non è stata una decisione facile. Come sempre, a fine anno guardiamo le auto e i piloti che abbiamo, per cui siamo convinti che l’esperienza di Bruno possa aiutarci a migliorare in IMSA. Inoltre proseguirà come collaudatore della Formula E e sono molto contento che resti nella nostra famiglia. Faremo in modo che comunque possa dare un degno addio ai suoi tifosi del DTM nella prossima stagione”. Si prevede come fù per Matias Ekström una gara d’addio con annessa livrea speciale.
 
Federico Longo
Maxi Car Racing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PARTIRA’ DA SPA-FRANCORCHAMPS IL DTM TROPHY 2020

Il DTM Trophy 2020 si articolerà su sei eventi concomitanti al DTM. Dopo aver pubblicato ...