TIVM

BUDANO SHOW SI PRENDE IL TIVM SUD

Grazie ad un’altra prestazione monstre, il nisseno segna ad Erice un tempo memorabile e vince la coppa tricolore di E1/1400 nel secondo massimo campionato. 
Implacabile già dal sabato, micidiale anche la domenica.
Ad altissima quota sempre, tanto in prova che nella doppia manche di gara, fronteggiando gli attacchi di una concorrenza di classe sempre molto veloce e guardando dalle righe alte della classifica vetture più potenti, moderne e celebrate, arrivando perlopiù vicinissimo anche alla cilindrata superiore ed alla vetta di gruppo.
Un nuovo tempo di riferimento eccezionale quello segnato ad Erice da Budano, che non prende il nome di record sol perché si tratta della prima edizione corsa con la chicane posta in quel tratto di strada. Stare sul 3.34

secondi limitrofi in ogni condizione, con la chicane o con le gomme usate o nuove a seconda delle manches, è stato uno degli esercizi di guida più belli e spettacolari mai visti nella storia recente della Monte Erice, che oscura nel valore anche qualunque tempo precedente segnato con la strada libera, quindi senza chicane. Puro show. Un’alchimia uomo/macchina straordinaria quella mostrata da Domenico Gaetano Budano e la sua potente Peugeot 205 motorizzata da Pippo e Matteo Vasta, dotata di gomme Hankook e custodita dalla Baracca Motorsport. Con il Bang di Erice, Budano ha raggiunto un primo traguardo annuale vincendo la coppa tricolore di classe E1/1400 nel Tivm Sud, obiettivo minimo stagionale, che forse avrebbe potuto avere come più pregiato compagno di curriculum anche il successo di gruppo E1, se solo ci fosse stata più costanza al via.

BUDANO SHOW SI PRENDE IL TIVM SUD
Malgrado l’ora tarda e la conseguente patina umida posatasi sull’asfalto, non si può non menzionare l’ottima prestazione di gara 2: a dispetto di una sbandata in un punto molto impegnativo, costatagli qualche decimo, Budano riusciva a centrare comunque un gran tempo. Messa a curriculum la Coppa Tivm Sud di categoria, il nisseno cerca ora un altro risultato di livello alla Coppa Nissena, gara che ama e che ha sempre onorato con grandi risultati e soprattutto pensa per il 2023 al tanto agognato passaggio al motore 1600, fiducioso com’è delle capacità di Matteo e Pippo Vasta di fornirgli una macchina ancora superlativa, anche in un’altra esecuzione tecnica.

Articoli correlati

Back to top button