RALLY NAZIONALI

BUONA LA PRIMA PER ART-MOTORSPORT 2.0

Il sodalizio pistoiese incamera la vittoria di gruppo e classe N3 con Michele Marchi e Gianluca Martinelli, oltre al bronzo in A7 di Simone Catanzano, sulle strade del 38° Rally del Carnevale.


Cerreto Guidi (FI), 17 febbraio 2022 – Al primo appuntamento stagionale dei rally toscani, il 38° Rally del Carnevale, andato in scena lo scorso weekend, non poteva certamente mancare la Art-Motorsport 2.0, che sulle strade della Versilia e della Lucchesia ha mostrato appieno il valore dei suoi rappresentanti.

Il sodalizio presieduto dal pilota di Lamporecchio Luca Artino ha letteralmente rubato la scena nel gruppo RC5N e nella classe N3, grazie all’equipaggio lucchese composto da Michele Marchi, al volante, e Gianluca Martinelli, protagonisti in gara su Renault Clio RS. Il campione in carica tra gli under 25 del Premio Rally ACI Lucca, sapientemente affiancato alle note dal suo compagno di abitacolo, ha condotto le operazioni per tutta la gara, gestendo con intelligenza gli attacchi degli avversari e piazzando il colpo del KO nell’ultima prova, corsa in notturna, festeggiando nel migliore dei modi l’inizio della sua seconda stagione nel mondo dei rally (debuttò proprio su queste strade un anno fa).

Per Art-Motorsport 2.0 è giunto anche il terzo posto in classe A7, ottenuto da Simone Catanzano. Dopo oltre due anni e mezzo, il pilota della Lunigiana ritrovava il volante della sua Renault Clio Williams, condivisa per l’occasione con Martina Fresolone, ed i chilometri del Carnevale sono stati un utile training per riprendere confidenza con la vettura, in ottica della partecipazione al Rally del Ciocco, con la “ciliegina sulla torta” del piazzamento a podio.

“E’ stato sicuramente un ottimo inizio di stagione, quello vissuto al Rally del Carnevale – le parole del presidente di Art-Motorsport 2.0 Luca Artino – Michele e Gianluca hanno confermato di essere un equipaggio solido ed affiatato, e, grazie alle “dritte” di Martinelli, lo stesso Marchi ha dimostrato una notevole crescita. Bene anche il ritorno sulla Clio Williams per Catanzano, impegnato a ritrovare gli automatismi di una vettura ben diversa da quelle utilizzate nel recente passato.”


Articoli correlati

Back to top button