Home » Salita » Buona la prima per la Elia Avrio ST09 Evo 18 di Paolo Venturi

Buona la prima per la Elia Avrio ST09 Evo 18 di Paolo Venturi

Senza grandi proclami, il secondo esemplare della Elia Avrio ST09 Evo 18, ha debuttato alla classica salita Friulana Cividale Castelmonte, che si è svolta lo scorso fine settimana, con validità per il TIVM Nord e per il Campionato Austriaco.

In realtà l’assemblaggio, il collaudo al banco e la nuova livrea azzurro opaco metallizzato, azzurro Nesti e bianco della nuova vettura, sono stati completati solo 2 giorni prima della gara ed il passaporto elettronico della nuova nata è stato rilasciato durante le verifiche tecniche del Venerdì. La nuova Elia non aveva percorso neppure un metro prima dello start della prima salita di prova, ed il fatto che i freni avrebbero frenato alla prima curva era in realtà solo una speranza…. Tuttavia era importante che Paolo Venturi riuscisse finalmente a verificare di persona le tante buone qualità che erano state descritte dall’amico Franco Ferragina che ha fatto tanto bene nelle prime uscite con l’esemplare numero 1 della Evo 18.

La nuova vettura è stata allestita dall’amico meccanico Cristian Scarton, con un assetto specifico ORAM,  la parte elettronica è gestita da una ECU Mectronik MK7 di ultima generazione che dialoga con un display AIM mentre per il cambio al volante ci si è affidati ad un collaudatissimo Powershift, le prove al banco si sono svolte presso gli specialisti Capraro & Ampezzan e, per quanto riguarda gommatura e cerchi, si continua con Pirelli e OZ Racing. L’unità motrice è rimasta la solita Suzuki Hayabusa maggiorata a 1.396 cc e, per quanto riguarda cavalleria e giri motore, si è rimasti in un ambito tale da garantire una ragionevole affidabilità.

La gara del pilota Vimotorsport è iniziata per la verità con un piccolo problema di gioventù che lo ha fermato a poche centinaia di metri dall’arrivo della prima prova ma poi, risolto il problema, tutto è filato liscio ed i tempi si sono progressivamente abbassati, a significare che la confidenza con il mezzo stava aumentando ma anche che il potenziale della nuova macchina era ancora largamente inesplorato.

La gara si concludeva poi con la vittoria di classe di gruppo e con un sesto posto assoluto davvero rimarchevole se si considera che questa doveva essere una gara di prova ma, si sa, l’appetito vien mangiando….

“Le sensazioni fin dai primi metri sono state molto positive, la nuova geometria delle sospensioni anteriori ha regalato alla vettura un inserimento molto preciso al quale però deve corrispondere una regolazione dell’assetto delle ruote posteriori ben diversa da quella che avevo utilizzato sulla Elia della precedente generazione. Per la gara di Orvieto quindi, varieremo l’assetto posteriore. La stabilità sul veloce è ulteriormente  migliorata grazie all’allungamento del passo e questo è molto positivo. Dobbiamo sicuramente riuscire a correggere un problema relativo al comando del gas, che alle aperture minime non è sufficientemente progressivo, e questo mi ha dato molto fastidio nei tornanti stretti di Cividale, come si può notare anche nel camera car, ma credo che questo non sarà un grosso problema. Per la gara abbiamo apportato alcune modifiche di assetto alzando la vettura poiché la strada che porta a Castelmonte ha parecchi tratti a schiena d’asino ma, contemporaneamente, abbiamo dovuto irrigidirla perché le velocità massime intorno ai 200 Km/h, non consigliano assetti troppo morbidi.

Sono davvero molto soddisfatto del risultato della gara di Cividale, una gara cui sono particolarmente affezionato, per i luoghi davvero incantevoli in cui si svolge, per la gara molto impegnativa, dove il pilota può fare la differenza e, per finire, per l’affetto, ormai possiamo definirlo così, che mi lega agli organizzatori sempre bravissimi ad organizzare questa storica gara ed a creare un ambiente amichevole per i piloti Italiani e stranieri che la frequentano.

Ora si va ad Orvieto per completare le gara necessarie all’attribuzione dei punti del TIVM Nord dopodiché la macchina verrà rialzata e saranno apportate alcune modifiche di dettaglio atte a portare il peso vicino a quello minimo consentito.

Ci si vede quindi alla Castellana!”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

IL PRESIDENTE DELLA SPEED MOTOR, TIZIANO BRUNETTI, STILA IL BILANCIO 2018 DELLA VELOCITA’ IN MONTAGNA

“UN’ALTRA ANNATA AD ALTI LIVELLI CON LE COPPE DI CLASSE IN CIVM E I TITOLI ...