CIGT

CIGT | Rovera firma un’altra rimonta su Ferrari nel diluvio di Vallelunga

Il pilota varesino, laureatosi campione italiano GT Endurance un mese fa, conclude la stagione al volante della 488 GT3 di AF Corse con una bel recupero da 14esimo a quarto sotto alla pioggia di gara 2 dell’ultimo round del Tricolore GT Sprint dopo la sfortunata gara 1 di sabato: “Ce l’ho messa tutta per il podio, ora concentriamoci sul futuro, arriviamo al 2021 con motivazioni alte dopo un’annata positiva”


Si conclude con un brillante quarto posto in rimonta il 2020 di Alessio Rovera, grande protagonista anche nell’ultimo round del Campionato Italiano GT Sprint andato in scena nel weekend all’Autodromo di Vallelunga. Al volante della Ferrari 488 GT3 di AF Corse e in equipaggio con Giorgio Roda, il talentuoso pilota varesino si era presentato al gran finale con ancora delle chance di bissare il titolo di Campione Italiano già conquistato il mese scorso a Monza nel Tricolore GT Endurance 2020. Possibilità di fatto svanita nel finale di gara 1 sabato, quando, dopo un ottimo stint iniziale proprio di Rovera (scattato dalla prima fila), Roda è stato estromesso dalla zona punti a causa di un contatto innescato da un concorrente rivale, poi penalizzato. In gara 2, disputata sotto al diluvio abbattutosi sulla pista romana, Rovera è invece salito in abitacolo nella seconda metà e ha rimontato a colpi di sorpassi dalla 14esima alla quarta posizione finale. Con i punti agguantati nella gara domenicale l’equipaggio tutto lombardo di AF Corse ha concluso il Campionato GT Sprint 2020 al quarto posto in classifica generale al termine di una stagione sempre combattuta ai vertici e impreziosita dalla vittoria colta in casa a Monza e dal podio di Misano, oltre che naturalmente con il titolo Endurance, campionato nel quale sono arrivati due successi, a Imola e ancora a Monza.

Rovera ha dichiarato al termine della stagione: “In gara 2 le condizioni erano davvero difficili, un podio in questo finale era ancora possibile. C’è un po’ di rammarico, anche per la safety car finale che ha di fatto congelato le posizioni. In ogni caso con la squadra abbiamo rimontato e cercato di dare tutto. E il passo c’era, anche in prova e sabato in gara 1 con l’asciutto, seppure insidioso. La stagione è stata in ogni caso positiva e di questo sono contento. E’ arrivato il titolo nell’Endurance 2020 dopo quello nello Sprint della scorsa stagione e abbiamo lavorato nella giusta maniera e nella giusta direzione sia con i compagni di equipaggio sia con il team. Il supporto non è mai mancato, abbiamo potuto fare anche un’esperienza internazionale di rilievo a Portimao nell’European Le Mans Series e ora ci concentriamo sul futuro. Il 2021 è dietro l’angolo e ci arriviamo con motivazioni elevate, pronti a rimetterci in gioco e a lavorare ancora più duramente”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker