Home » Rally » CIR » CIR 2018: riparte dal Ciocco la sfida tricolore di Pirelli

CIR 2018: riparte dal Ciocco la sfida tricolore di Pirelli

Il campionato nazionale più bello e più incerto del mondo riparte nel prossimo weekend con il Rally Il Ciocco con un format rinnovato – quest’anno le gare saranno sostanzialmente in un’unica lunga tappa – ed un altissimo livello di partecipanti: sono oltre 25 le sole vetture R5 iscritte alla prima gara dell’anno.

Per Pirelli ed i suoi pneumatici, dominatori della scorsa stagione, una nuova esaltante sfida per la riconquista del titolo italiano assoluto rally vinto lo scorso anno da Paolo Andreucci e Anna Anna Andreussi con la Peugeot 208 T16. Ma anche dei titoli di categoria e del nuovo scudetto per i rally su asfalto destinato ai soli piloti privati.

Il 2018 segnerà anche una nuova tappa nel sempre maggiore sostegno di Pirelli ai giovani piloti. Alla conferma del monomarca Peugeot Competition Top 208, il cui vincitore Under 25 diventerà pilota ufficiale 2019 con la Peugeot 208 R2B, Pirelli unisce il nuovo impegno nell’ambito del programma federale Aci Team Italia a supporto di giovani talenti, come Marco Pollara e Damiano De Tommaso.

Le validità. Il rally oltre che per il campionato italiano rally assoluto (CIR) è valevole anche per il nuovo campionato italiano rally asfalto (CIRA).

Percorso e pneumatici Pirelli. Da quest’anno il format del CIR prevede un’unica tappa con 150 km di tratti cronometrati – distribuiti su 14 prove speciali – nella giornata di sabato preceduta il venerdì sera dalla breve prova spettacolo, che per il rally de Il Ciocco si svolgerà a partire dalle 17,30 sul lungomare di Forte dei Marmi, sede anche della partenza. I tanti piloti in gara con Pirelli avranno a disposizione la famiglia dei P Zero RK, disponibile per ruote da 14” a 18” – queste ultime la dimensione massima ammessa nei rally e tipica delle vetture da vittoria assoluta. Per la gara toscana, e per le sue spesso mutevoli condizioni atmosferiche, è previsto l’impiego di RK7 (mescola media per l’asciutto) e RKW7 (per l’umido) e dei Cinturato RW (per la pioggia battente).

Le regole. Nel corso del rally i piloti potranno utilizzare un massimo di 16 pneumatici.

I piloti Pirelli. Come sempre tanti i piloti Pirelli, ad iniziare dal dieci volte campione d’Italia Paolo Andreucci e dal suo giovane compagno di squadra e campione 2RM 2017 Marco Pollara con le 208 T16 di Peugeot Italia. Attenzione anche ai tanti protagonisti in corsa per il titolo CIRA come Andrea Crugnola (Ford Fiesta R5), che è fra gli outsider anche per il titolo assoluto, Rudy Michelini (Skoda Fabia R5), Kevin Gilardoni (Ford Fiesta R5). E pure agli ‘ospiti’ stranieri, a cominciare dal ventenne russo Nikolay Gryazin, vincitore con la Skoda Fabia gommata Pirelli del Rally Liepaja 2017 e protagonista del ERC 2018 dal prossimo rally delle Canarie.

Dichiarazioni. Paolo Andreucci, vincitore del CIR 2017: “Correre sulle strade di casa è sempre una gioia ma non è necessariamente un vantaggio, anche perché il Rally Il Ciocco è sempre imprevedibile e mai come quest’anno la concorrenza sarà forte sia qualitativamente che quantitativamente. Dal canto mio so di poter contare su un team fantastico, sulla competitività dei pneumatici Pirelli – saranno sicuramente determinanti in una gara dal meteo e dal fondo spesso variabile – e sulla voglia di vincere che non mi è certo passata con il decimo scudetto, anzi!”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Suzuki Rally Cup: tutti pronti per il Rally Due Valli

Il round del trofeo della casa costruttrice giapponese si disputa questo fine settimana a Verona, ...