Home » Salita » CLAUDIO GULLO: DALLA STRADA AI TASSELLI

CLAUDIO GULLO: DALLA STRADA AI TASSELLI

Mentre sono in essere le manovre per correre in Civm con una trazione posteriore potente, il campione italiano RS Aspirate testa a Cassino lo Yacar Suzuki, un super kart da 125 cv, col diretto beneplacito del costruttore iberico, attratto dal palmarès multi-format del lametino.

Ciò che semini, raccogli. E non solo nel tuo terreno di caccia più abituale, come le cronoscalate, ma anche in quelli adiacenti. Claudio Gullo, la bramosia ed il talento per andare forte, lo ha innescato in sé fin dall’istante zero della sua esistenza ed ha trovato nell’imprenditore Nuccio Caffo, sua preziosa bussola di vita prima che fedele e prestigioso sponsor, uno sparring partner ideale. L’unico elemento naturale non interessato ancora dalla sua smania di competere, rimane l’aria. Ma con le performances dello Yacar Cross Racing da 125 cv che proverà a Cassino venerdì 26 ottobre, conoscendo il piglio con cui Claudio affronta qualunque prova, sono attesi salti sulle dune e sospensioni nell’atmosfera, più lunghi del pensiero. Motonautica di livello mondiale, campionati italiani vinti nelle cronoscalate, vittorie di classe nei rally: il costruttore spagnolo si è lasciato sedurre dal brillante percorso agonistico di Gullo, avvicinandolo attraverso un tramite  per verificare la possibilità di effettuare un test con il proprio prodotto di punta, best seller nelle competizioni di Auto Cross e Rally Cross del campionato italiano. Due formule queste, che differiscono per la presenza della combinazione asfalto-terra (la preferita di Gullo) o di quella solo terra. Entusiasmo e soddisfazione per il pilota lametino, che commenta così il test prossimo venturo: Sono onorato di essere stato contattato da un costruttore tanto affermato nel suo settore, che mi farà testare a Cassino un prodotto molto prestazionale ed evoluto, con cui si misurano piloti di spessore in gare tirate e spettacolari. Le ambizioni sono quelle di dare vita a dei campionati molto importanti a livello internazionale, per l’interesse crescente e le quote tecniche mostrate dallo Yacar, importato in Italia da Dino Morelli, che ringrazio. Ovviamente questo mio test avrà la supervisione di Nuccio Caffo, detentore fra gli altri del marchio Vecchio Amaro del Capo, la griffe che mi accompagna da sempre in qualunque attività agonistica io intraprenda. Resta sempre il suo, il parere ed il volere più autorevole in assoluto.

La pista di prova sarà la Monster Energy di Cassino, probante e tecnica, quanto spettacolare. Il quattro cilindri utilizzato è quello della Suzuki GSX da 600 cc, con centralina mappabile su varie posizioni e differenziale quasi completamente bloccato. Il telaio è interamente tubolare, della conformazione a gabbia.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Cubeda è campione siciliano con record alla Termini Caccamo

Dil pilota etneo della Cubeda Corse vince al meglio l’ultimo appuntamento casalingo al volante dell’Osella ...