CIVM

Con 143 verificati pronta allo start la Rieti – Terminillo

Ci sono tutti i big del tricolore. Domani le due manche di ricognizioni. Domenica la gara in salita unica, ottavo round del Campionato Italiano Velocità Montagna con validità TIVM nord. Le premiazioni presso l’azienda Emec. Per tutti i presenti gadget Mercedes.


Ancora poche ore e poi torneranno le emozioni della Rieti – Terminillo sui 13,45 Km che dalla colonnina di Lisciano conducono al Terminillo. Tra i 143 concorrenti che hanno portato a termine le operazioni di verifica, tutti presenti i big del tricolore che non hanno voluto perdere l’appuntamento con la 56^ Rieti – Terminillo, gara organizzata dall’Automobile Club Rieti, valida per l’8° round di Campionato Italiano Velocità Montagna. 

Tanti i pretendenti al successo presenti in ogni categoria che rimescolano le carte in CIVM. Di nuovo ai nastri di partenza Angelo Marino, il giovane salernitano che vinse l’edizione 2018 sulla Lola F.300 Zytek del Team Dalmazia, monoposto con cui l’alfiere Speed Motor rilancia la sfida nella ritrovata validità tricolore della blasonata gara. Per la vittoria in gara sono numerosi i candidati che sono anche in corsa per i preziosi puti tricolore ad iniziare dal leader Denny Zardo il veneto della Best Lap, che mancava dal 2009 al Terminillo, che al volante della Norma M20 FC Zytek di gruppo E2SC. A rimontare mira certamente il giovane Umbro Michele Fattorini, l’orvietano di Speed Motor che sembra aver superato la fase più critica delle noie partire sulla Osella FA 30 Zytek di gruppo E2SS ed ora attacca il Terminillo forte del feeling con le gomme Avon. In cerca di netta rimonta anche il sardo Omar Magliona che arriva a Rieti, da dove mancava dal 2015, con la serenità del lavoro svolto sulla Osella PA 2000 Honda dalla Samo Competition, ma anche con tutti i suoi punti tricolori all’attivo e sarà avversario difficile l’esperto pluricampione sassarese alfiere di CST Sport. Esordio sull’impegnativo tracciato per il catanese Luca Caruso su Osella PA 2000 ed anche per la giovane Martina Raiti, la trapanese sulla Osella PA 21 in versione CN e con motore da 1600 cc.

Apprezzamenti per il tracciato sono arrivati anche da Ettore Bassi: l’apprezzato e noto attore, sempre più preciso e meticoloso pilota, sta studiando attentamente il tracciato e domani in ricognizione avrà modo di testarlo al volante dell’Osella PA 21 Jrb Suzuki, curata dalla DM Copetizioni.

Le ricognizioni saranno un momento importante per tutti i piloti che dovranno stabilire quali regolazioni adottare in vista della gara in salita unica che si disputerà domenica 28 luglio a partire dalle 10.30. Apprensione per le previsioni meteo, poiché in caso di differenza tra prove e gara sarebbe vanificato il lavoro delle ricognizioni.


Grande lo spiegamento della macchina della sicurezza con 118 Commissari di percorso su 51 postazioni lungo il tracciato tutti collegati via radio, 7 mezzi di soccorso sanitario, 6 mezzi di soccorso meccanico, due team di soccorso ad alta specializzazione, con il coordinamento del Direttore di gara Fabrizio Fondacci e dell’aggiunto Roberto Bufalino. 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker