Home » Salita » CONCLUSO IL 23° TROFEO SCARFIOTTI

CONCLUSO IL 23° TROFEO SCARFIOTTI

acunzoSarnano – Torna il cognome Scola nell’albo d’oro della Sarnano-Sassotetto. Il 22enne Domenico junior va a “continuare” la tradizione dopo la vittoria del nonno che si era imposto nella prima edizione della gara nel ‘69 e nella quarta del ’72. La gara è stata magistralmente interpretata dagli under 25 Scola e Fattorini. In gara-1 Scola, con la sua Osella-Honda della Cosenza Corse è salito prima tra le vetture E2B ed ha fissato il nuovo record di oltre 2 secondi e mezzo, ma il pilota orvietano è riuscito a limare altri 34 centesimi chiudendo in 4’04”11. La sfida stellare è continuata nella seconda salita, quando Scola junior ha rialzato l’asticella arrivando a 4’02”36, tempo rimasto inattaccabile per il veloce Fattorini che con un tempo superiore di 99 centesimi si è dovuto accontentare del secondo posto assoluto pur battendo il suo stesso record stabilito in mattinata. Dietro non sono stati certo a guardare: il pistoiese Franco Cinelli reduce da due vittorie nel Trofeo Scarfiotti con la sua Lola, è arrivato vicino al record dell’anno scorso ma ha potuto conquistare solo il terzo posto assoluto. Bel successo dell’altro cosentino Rosario Iaquinta, quarto assoluto e vincitore del gruppo CN. In E1 Italia Roberto Di Giuseppe (Alfa 155 Gta) si è imposto dopo che nella prima salita il successo sembrava essere nelle mani sicure di Marco Gramenzi. Malgrado la sostituzione in nottata da parte del suo team del motore della 155 ex-Dtm, Gramenzi dopo aver vinto la prima manche non è riuscito a prendere il via per la seconda salita per un problema tecnico. In gruppo A battaglia nella prima manche a suon di centesimi tra Cimarelli, Pirocco, Acunzo e Giobbi. E’ riuscito poi a prevalere il napoletano Sandro Acunzo (Mitsubishi Lancer) che ha battuto il pergolese Franco Cimarelli (Alfa Romeo 147), mentre il reatino Claudio Giobbi con la sua Alfa 156 è uscito rovinosamente nell’ultimo tratto della seconda salita senza riportare danni personali, ma costringendo l’organizzazione ad una lunga interruzione delle partenze. In gruppo N vittoria a mani basse per il salernitano Giovanni Del Prete (Mitsubishi Lancer), e nella numerosa Racing Start il fasanese Ivan Pezzolla (Opel Corsa) ha vinto il derby cittadino con Oronzo Montanaro (Renault New Clio), brillante terzo Andrea Marchesani su Volkswagen Polo. Nella E3 ennesimo successo per l’ascolano Gianlindo Filiaggi (Opel Calibra), che è stato insidiato nella seconda manche dal ternano Gianluigi Carelli (Alfa 33). Tra le auto storiche, che hanno aperto la manifestazione successo dell’osimano Antonio Angiolani (F. Fiat Abarth). Il 3° Memorial Giovanni Battistelli, destinato al miglior marchigiano, è stato assegnato all’ascolano Domenico Cappelli, mentre Domenico Scola junior ha fatto “en-plein” portando a casa naturalmente il previsto premio Nuova Simonelli per il miglior under 25. Premio Tombolini Abbigliamento per un altro ascolano, Fabrizio Peroni, per la presenza a tutte le manifestazioni e la miglior sequenza di risultati. Lo stesso Peroni purtroppo, dopo aver picchiato la sua Picchio turbo nella parte alta durante le prove non è riuscito a prendere il via per l’impossibilità di riparare la vettura. Stessa sorte per Andrea Vellei (Gloria C8P) ottimo nono assoluto nella prima manche, pur allineatosi al via non è riuscito a partire nella successiva. Stupenda giornata sportiva sui tornanti da Sarnano a Sassotetto: il ritorno nel calendario del Campionato Italiano è stato davvero all’insegna di un grande spettacolo da parte dei piloti e per la presenza di pubblico. Gli sforzi dell’Automobile Club Macerata e dell’Associazione Sportiva sono stati abbondantemente premiati.

Classifica assoluta: 1° Scola jr (Osella pa21S-Honda) in 8’06”81; 2° Fattorini M. (Lola-Zytek) a 0”65; 3° Cinelli (Lola-Zytek) a 10”80; 4° Iaquinta (Osella Pa21 Evo-Honda) a 20”46; 5° Bottura (Lola-Zytek) a 21”93; 6° Lombardi (Radical Sr4) a 30”07; 7° Peroni (Osella Pa20-Bmw) a 47”36; 8° Cappelli (Lucchini-Bmw) a 1’11”78; 9° Di Giuseppe (Alfa Romeo 155 Gta) a 1’17”02; 10° Carini (Ligier Ls51-Honda) a 1’18”23.

ufficio stampa Trofeo Scarfiotti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Iscrizioni verso la chiusura alla Cronoscalata del Santuario 2019

Possibile inviare le adesioni fino a tutto lunedì 27 maggio alla gara organizzata dal Comitato ...