Home » Salita » CRONOSCALATA DELLO SPINO, 195 PILOTI AL VIA

CRONOSCALATA DELLO SPINO, 195 PILOTI AL VIA

CMS-1Sono 195 i piloti che in totale hanno superato le verifiche sportive e tecniche alla 41a edizione della cronoscalata automobilistica Pieve Santo Stefano-Passo dello Spino, terza prova della zona centro-nord del campionato italiano di velocità in montagna 2013, valida anche per il trofeo italiano della montagna e per l’European Hill-Climb Challenge & Cup.

E questa è la ripartizione: 106 le vetture moderne, 36 le E3 e 53 le storiche. Un primo significativo successo per la gara e per gli organizzatori della Pro-Spino Team, che hanno confermato (unità più, unità meno) il già rilevante dato del 2012. Si registrano semmai i forfait tecnici di Domenico Scola junior su Osella Pa21/S nella prototipi Cn, di Davide Biagini su Renault New Clio nel gruppo A e – per ciò che riguarda il gruppo N – di Mario Murgia su Mitsubishi Lancer Evo (classe oltre 3000) e del partenopeo Cosimo Rea su Citroen Saxo (classe 1600). Quattro protagonisti mancati: per il resto, i migliori del girone ci sono tutti – con l’aggiunta degli stranieri – e si preannuncia quindi grande battaglia a colpi di acceleratore su tutti i versanti in un fine settimana che, come esattamente lo scorso anno, costituisce anche stavolta il prologo dell’estate. Una stupenda giornata di sole con termometro rivolto verso l’alto e per il week-end si annuncia altrettanto. Pieve Santo Stefano ha vissuto questa vigilia del grande appuntamento con il clima di sempre: quello della festa e quello di un intero paese che vive in funzione della competizione automobilistica che lo ha reso famoso. Simone Faggioli è ovviamente il grande favorito su Osella Fa30 e partirà per ultimo con il numero 1, preceduto dal promettente giovane umbro Michele Fattorini su Lola B02/50 (leader fra gli Under 25) e da un interessante quartetto “estero” che vede schierati gli svizzeri Julien Ducommun e Joël Volluz (entrambi su Osella Fa30) e la coppia della Repubblica Ceca al volante della Lola, con Milan Svoboda e Vaclav Janik. Completano il lotto dei “big” fra le formula il toscano Franco Cinelli, Marietto Nalon su Leyton House i trentini Diego De Gasperi su Osella Fa30 e Matteo Moratelli e Adolfo Bottura su Lola. L’altro trentino del lotto, Christian Merli, è il candidato principale all’assoluto nella E2B con l’Osella Pa2000, mentre nella prototipi Cn l’uomo da battere è il sardo Omar Magliona su Osella Pa21/S; fra i locali, c’è il pievano Mauro Polcri su Osella Pa20/S. Porsche, Ferrari, Lotus e Dodge Viper nel nutrito lotto delle Gt e sfida aperta fra i ferraristi Roberto Ragazzi e Bruno Jarach e e Gianni Di Fant su Porsche. L’esordiente in assoluto Rosario Parrino su Porsche 997 ha già espresso apprezzamenti per la bellezza del tracciato. Nella E1 Italia, obiettivo puntato sul duello fra le Lancia Delta di Fulvio Giuliani e Marco Sbrollini, non dimenticando Ferdinando Cimarelli su Alfa Romeo 156 e nel gruppo A il campione in carica, l’altoatesino Rudi Bicciato su Mitsubishi Lancer Evo, intende accumulare ulteriore vantaggio in classifica. Almeno 4, invece, i grandi pretendenti all’assoluto nel gruppo N e tutti su Mitsubishi Lancer Evo: il tricolore Lino Vardanega, il friulano Michele Buiatti, l’altoatesino Armin Hafner (vincitore a Verzegnis) e il beniamino locale Lorenzo Mercati di Sansepolcro. E fra le storiche, infine, il senese Uberto Bonucci cerca l’ennesimo assoluto allo Spino con la sua Osella Pa9, insidiato dai soliti Piero Lottini, Franco Cremonesi, Marco Naldini (stessa vettura) e Simone Di Fulvio su Lucchini. Un fine settimana tutto da gustare, insomma, sui 6000 metri dell’impegnativo tracciato da affrontare due volte. Intanto, i motori cominciano a scaldarsi sul serio e si preannuncia anche un folto pubblico. Prove ufficiali in due turni nella mattinata di sabato a partire dalle 9.30 e poi domenica, sempre alla stessa ora, il via a gara 1 e di seguito a gara 2. La festa dello Spino entra in presa diretta.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Nessuna nuova restrizione per l’organizzazione e l’effettuazione delle manifestazioni automobilistiche iscritte nel Calendario Nazionale ACI

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 18 ottobre conferma tutte le ...