Home » Slalom » Disputato Slalom monte Condrò a Serrastretta

Disputato Slalom monte Condrò a Serrastretta

Serrastretta, 2 ottobre – Settantacinque sono state le auto ai nastri di partenza dell’undicesima edizione dello Slalom del monte Condrò nonché primo Memorial Francesco Faraco, Trofeo Centro Sud, Coppa Italia sesta zona svoltosi a Serrastretta.  Il presidente Francesco Fazio del comitato organizzatore e presidente dell’Associazione Dalidà ha manifestato a fine gara la sua soddisfazione “la presenza dell’osservatore nazionale Giovanni Festuccia sottolinea – fa ben sperare che dalla sua relazione possa essere proposta una promozione  a campionato italiano Slalom”. Fazio ha poi ribadito l’orgoglio di tale ipotesi pur tuttavia ponendosi il problema economico che tale eventualità sottintende. La giornata è stata meteorologicamente  buona con temperature  estive. Con il numero 121  il vincitore assoluto è stato Francesco Infortuna alla guida della RADICAL SR4 gruppoSPS-SPS2 tesserato della scuderia “Catania Corse”  ha percors  il tracciato di Serrastretta in 1.49.53 al meglio di tre manches senza riportare  alcuna penalità. Al secondo e terzo posto, con leggerissimo distacco, entrambi su Elia Avrio, Gaetano Piria e Giuseppe Rubino. A completare il quintetto degli assoluti premiati Giorgio Corsaro su SIXTY SEVEN 2 e Antonino Nostro su ERMOLLI SUZUKI. La categoria MINI CAR vede ai primi tre posti  Giovanni Greco su fiat 500,  Giuseppe Anello su fiat 600 e  Pierluigi Bono su fiat 500. Nella categoria Under 23 l’affermazione di Eugenio Catizzone su RENAULT 5 GTT col tempo di 2:05.86 ed una media di 65,7 km h davanti a Davide De Santis  alal guida di una PEUGEOT 106 R.

Per questa edizione dello slalom, che è anche il decimo anno di vita dell’Associazione Dalidà, l’organizzatore ha voluto assegnare il consueto Trofeo Dalidà, consistente in un trofeo in argento con figura mitologica che sorregge sulla testa una coppa, a Fernando Roperto pilota locale e anima della competizione serrastrettese. Ha gareggiato su FIAT PUNTO JTD classificandosi primo nella categoria RS-RSD2. La classifica delle scuderie presenti è stata la seguente: 1) Catania Corse, 2) Armanno Corse, 3) Cosenza Corse, 4) Jonia Corse Guarre, 5) Kronoracing, 6)  Montekronio. L’organizzazione ha quindi voluto ringraziare tutte le scuderie presenti con la sempre presente Cosenza Corse mentre discorso a parte va alla Armanno Corse nel suo primo anno sociale e presente con i piloti Lorenzo Lo Monaco e Andrea Armanno che si dichiarano più che soddisfatti dell’undicesimo e dodicesimo posto assoluto e tengono a sottolineare come cosa ben più grande sia stato il gemellaggio sportivo tra la suddetta scuderia e l’Associazione Dalidà organizzatrice della manifestazione,  concretizzatosi formalmente con lo scambio di targhe e fotografie d’epoca.  L’odierno slalom era anche ultima prova per l’assegnazione del “1 Premio Francesco Faraco”  preceduto  dal “12° Slalom Chiaramonte Gulfi” dal “9° Slalom dei marmi di Custonaci”, dal “4° Slalom Città di Castelbuono” dal “10 Slalom dell’Agro Ericino”, per concludere appunto con  “11° Slalom del Monte Condrò”.  Il portavoce della scuderia Andrea Armanno, insieme al segretario dell’associazione Angelo Aiello, hanno voluto ricordare che  forse quello che  accomuna di più  questo gemellaggio sportivo sono le “anomalie” delle due compagini. L’associazione culturale e sportiva Dalidà non è un organizzazione “pura” occupandosi di varie altre cose pur essendo titolare di licenza organizzatore CSAI che organizza questo unico evento automobilistico. La scuderia Armanno si distingue per la  grande sensibilità portando inciso sulla sua divisa un cuore con dentro la dicitura “Ci vuole cuore per Vivere – Il trapianto è Vita” promuovendo a titolo gratuito la sensibilizzazione  alla donazione degli organi. Hanno presenziato alla manifestazione prendendo la parola al momento della premiazione il sindaco di Serrastretta Felice Molinaro ed il presidente dell’ACI di Catanzaro Eugenio Ripepe. Le premiazioni sono avvenute alla presenza di due figure femminili quali Maria Antonietta Mascaro e della madrina Francesca Russo, Miss Curve D’Italia Calabria.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PILOTI PER PASSIONE: CIVM E CIS NEL 2020

Nello slalom tricolore di Melfi allo start Antonino Branca, Agostino Fallara e Gaetano Rechichi. Domenico ...