Home » Salita » Domani la 40′ Alpe del Nevegal

Domani la 40′ Alpe del Nevegal

Sono 230 i piloti che hanno superato le verifiche tecniche e sportive della 40^ Alpe del Nevegal, la competizione automobilistica internazionale di velocità in montagna organizzata dalla Tre Cime Promotor.

Con puntualità, alle 10, il direttore di gara Flavio Candoni ha dato il via alle salite di ricognizione, precedute dal serpentone di vetture apripista e dal Drifting Show.

Nel corso del primo turno di prove si sono verificate un paio di forzate interruzioni: la prima, dopo che il concorrente austriaco Josef Obermoser si è fermato, in una nuvola di fumo, sul rettifilo di partenza per la rottura del motore della sua Alfa Rome Alfasud Sprint; la seconda, poco più tardi, per consetire ad un’ambulanza del pronto soccorso di raggiungere la zona della Pineta per soccorrere una persona, estranea alla manifestazione, bisognosa di intervento medico. Anche il secondo turno di prove ha subito una interruzione, quando erano impegnati i concorrenti delle autostoriche, in quanto nella zona d’arrivo si è abbattuto un forte acquazzone, mentre in partenza splendeva il sole. Di seguito i migliori tempi per categoria registrati nelle due salite di ricognizione.

Prima salita autostoriche: Uberto Bonucci, Osella Pa 9/90, 3.02.91; Franco Cremonesi, Osella Pa9/90, 3.05.57; Piero Lottini, Osella Pa9/90, 3.15.46; Gianpaolo Basso, Porsche 911 Rsr, 3.18.16; Guido Vivalda, Porsche Carrera Rs, 3.22.38; Giovanni Ambroso, Osella Pa9/90, 3.25.21; Rino Muradore, Ford Escort Rs, 3.25.31; Roman Loinger, Audi S1, 3.25.89; Giovanni Aloisi, Ford Sierra Cosworth, 3.27.41; Walter Marelli, Lucchini Sn88, 3.27.97.

Gruppo E3: Christian De Gasperi, Renault Clio Williams, 3.16.07; Stefano Miotto, idem, 3.18.46; Alessandro Mazzonelli, idem, 3.23.54; Siegfrid Fedrigotti, Ford Escort Cosworth, 3.24.27; Gianpaolo Bottacin, idem, 3.25.06; Walter Cervo, Renault Clio Williams, 3.28.62; Michele Massaro, Bmw M3, 3.28.83; Diego Bristot, Renault Clio Williams, 3.29.37; Alex Ferè, idem, 3.30.26; Ido Barel, Opel Astra Gsi, 3.31.67.

Moderne: Denny Zardo, Osella FA30, 2.45.77; Adolfo Bottura, Lola B99, 2.48.33; Karl Schagerl, VW Golf Rallye TFS1-R, 2.52.40; Gino Pedrotti, Formula Renault, 2.52.80; Enrico Zandonà, Formula Reynard, 2.53.34; Paride Macario, Lobart, 2.55.79; Franco Manzoni, Osella Pa21/S, 2.56.30; Renzo Meneghetti, Lucchini Bmw, 2.57.24; Stefano Falcetta, Norma M20 Evo, 2.57.59; Michele Fattorini, Lola B02, 3.00.97.

Seconda salita autostoriche: Franco Cremonesi, Osella Pa9/90, 3.02.30; Walter Marelli, Lucchini Sn88, 3.17.53; Guido Vivalda, Porsche Carrera Rs, 3.18.75; Giovanni Ambroso, Osella Pa9/90, 3.20.00; Remo De Carli, Fiat X19 Dallara, 3.21.85.

Gruppo E3: Stefano Miotto, Renault Clio Williams, 3.14.29; Christian De Gasperi, idem, 3.15.64; Alessandro Mazzonelli, idem, 3.17.49; Alex D‘Agostini, idem, 3.20.35; Walter Cervo, idem, 3.23.88.

Moderne: Denny Zardo, Osella FA30, 2.41.03; Adolfo Bottura, Lola B99, 2.47.95; Karl Schagerl, VW Golf Rallye TFS1-R, 2.50.31; Enrico Zandonà, Formula Reynard, 2.50.48; Gino Pedrotti, Formula Renault, 2.52.24; Renzo Meneghetti, Lucchini Bmw, 2.54.59; Paride Macario, Lobart, 2.55.26; Michele Fattorini, Lola B02, 2.55.68; Franco Cinelli, Lola B99/50, 2.55.75; Felix Pailer, Lancia Delta Integrale, 2.57.14.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

DI TOMMASO CARICA IL 2019

Ritorno in forma stabile per il driver di Pianella, pronto alle armi nella feroce RS1600 ...