Home » Salita » DOMANI LE VERIFICHE DELLA LUZZI-SAMBUCINA

DOMANI LE VERIFICHE DELLA LUZZI-SAMBUCINA

Entra nel vivo la quinta prova del girone sud del Trofeo Italiano Velocità Montagna, organizzata dalla Tebe Racing. Dalle 14.30 alle 19.30 in Contrada Gidora, controllo vetture e documenti per i concorrenti. Sabato 18 agosto le prove e domenica 19 le due gare sui 6,150 metri di impegnativo tracciato. Pronti alla sfida gli under Samuele Cassibba, Fattorini e Domenco Scola jr, Cubeda, Ferragina, Merli, Picchi, Scaramozzino e Iaquinta.

Luzzi (CS) 16 agosto 2012. La 17^ Luzzi – Sambucina entra nel vivo. Domani, venerdì 17 agosto, per la quinta prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna girone Sud, organizzata dalla Tebe Racing, sono previste le operazioni di verifica, primo atto della tre giorni motoristica che porteranno ancora una volta il caratteristico centro cosentino alla ribalta dell’attenzione sportiva nazionale, offrendo ottima occasione per vivere un territorio unico per storia, cultura e tradizione, assaporandone la famosa ospitalità.

La Luzzi – Sambucina è valida per il Trofeo Asso Mini Car, assegnerà il Trofeo Silvio Molinaro ed il 6° Trofeo “Neon Sila”.

Domani, dunque, si svolgeranno in Contrada Gidora i controlli dei documenti per i piloti (Sportive) e quelli pre gara sulle vetture (Tecniche), le prime inizieranno alle 14.30 per concludersi alle 19.00, le verifiche tecniche apriranno alle 15.00 per chiudersi alle 19.30. In serata si conoscerà il numero e l’ordine dei partenti.

Sabato 18 agosto alle 9.30 partirà la prima delle due salite di prove ufficiali, occasione per i concorrenti di familiarizzare con il percorso di gara al volante delle vetture in assetto corsa. Le prove, come la gara, saranno cronometrate dalla SMT Palermo di Franco Caleca, ma al sabato i tempi avranno soltanto valore di riferimento per i piloti e le squadre al fine di decidere la più efficace strategia di gara ed in alcun modo costituiranno classifica. Per l’intera giornata di prove ufficiali il tracciato ed il paddock saranno in completo allestimento da gara con tutti gli standard di sicurezza in perfetto allestimento ed i Commissari di Percorso coordinati dall’A.U.C. Cosenza, già in assetto operativo. Le prove saranno comunque occasione di spettacolo proprio per il fondamentale valore che hanno nella scelta del miglior set up per le vetture e regaleranno momenti di grande spettacolo in un week end in salita tutto da vivere.

Alle 9.30 di domenica 19 agosto, dopo aver compiuto le ricognizioni sul tracciato ed essersi accertati che ogni cosa sia al posto giusto, il Direttore di Gara Francesco Tartamella e l’aggiunto Rosario Moselli, daranno il via a gara 1 della 17^ Luzzi – Sambucina. Due gare che saranno una sequenza continue di grandi emozioni nel vedere le sfide di alto livello, tra i migliori assi delle salite. I piloti impegnati nel massimo campionato tricolore dovranno fronteggiare gli attacchi dei più abili piloti dell’intero sud Italia. La varietà della provenienza e la notorietà dei nomi dimostrano come sia irresistibile il fascino della corsa cosentina, abitualmente teatro di grandi sfide sul filo dei centesimi di secondo, tra l’abitato di Luzzi e la suggestiva Abbazia Cistercense di Sambucina.

Sono pronti alla sfida i protagonisti della vigilia in ogni gruppo e classe della 17^ Luzzi – Sambucina, ad iniziare dal vincitore dell’edizione 2010  Francesco Leogrande, su Gloria CP 08, il reggino Carmelo Scaramozzino, secondo nel 2011 con la Lola F.3000, altra Lola per il giovane orvietano Michele Fattorini, altri protagonisti del tricolore il giovane ragusano Samuele Cassibba ed il trentino Adolfo Bottura, entrambi sulle F. Master. In gruppo E2/B, il leader di gruppo in campionato Italiano ed in lotta per il titolo assoluto il trentino Christian Merli, su Radical SR4 Prosport, l’attuale leader di T.I.V.M. Domenico Scola Jr. su Osella PA 21/S Honda, protagonista  della serie cadetta anche il catanese Domenico Cubeda su Radical. A pretendere la ribalta anche l’abile eugubino Andrea Picchi sulla Ligier JS49, mentre Radical per i locali Franz Caruso e Mimmo De Franco. Due vincitori storici della gara, come Antonio Iaria e Francesco Ritacca sulle Osella, ma anche il Comisano Giovanni Cassibba su  Picchio P4 Turbo. Su Elia Avrio, Francesco Ferragina. In gruppo CN l’Osella PA 21/S Honda del castrovillarese Rosario Iaquinta, vincitore dell’edizione 2007, poi i nomi di altri due calabresi, Silvio Reda e Antonio Iaria jr.

In gruppo E1, il napoletano Piero Nappi su Ferrari 550 poi il forte driver di casa Eugenio Molinaro, su l’Alfa 155 V6 ex DTM, in classe 2000 i locali Natale Stabile su Alfa 147 e Giuseppe Forte su Renault Clio ed i salernitani Antonio Cappello su Alfa 147 ed Emilio Galiani su Renault Clio. In classe 1600 occhi puntati sul driver di Villapiana Giuseppe Aragona, su Peugeot 106. In gruppo A lotta per il successo tra l’esperto cosentino di Rende Roberto Spadafora su Peugeot 106, il giovane l’orvietano Francesco laschino sulla BMW 320 in arrivo dal WTCC, il pugliese Eugenio Aceto su alfa 156 e l’abruzzese Antonio Santoro su Peugeot 306. Per il gruppo N sfide tra il pugliese Oronzo Montanaro, ed il catanese Giuseppe Corona, entrambi su Honda Civic.

Boom d’iscritti nel gruppo Racing Start, dove svetta il salernitano Giovanni Loffredo su Opel Corsa OPC, l’esperto pugliese esordiente in categoria Giovanni Lisi su Honda Civic, Francesco  Giuliani su Peugeot 106, Michele Urso su Citroen Saxo, Giuseppe Ruffolo su Honda.

Tante le vetture E3, protagoniste del recente passato delle corse, dove ci sono le Ford Escort dei calabresi Carlo Scigliano ed Ennio Donato, del salernitano Pasquale Santoro e del trapanese Gaspare Rizzo.

Presenti tutti i primi attori delle Mini Car, le piccole ma agili e scattanti Fiat 500 e 126, Aldo Pezzullo ed Antonino Nigro per la 700 B, Angelo e Francesco Mercuri, Domenico Procopio ed Antonio Ferragina per le 700.

L’Ufficio Stampa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PEZZOLLA: MERLI E FAGGIOLI COME IRLANDO E DANTI

Molto preoccupato: questa figura carismatica delle corse in salita, ci ha rappresentato la sua estrema ...