Home » Salita » DOMENICO CHIRICO: NEWS TECNICHE 2018
DOMENICO CHIRICO: NEWS TECNICHE 2018

DOMENICO CHIRICO: NEWS TECNICHE 2018

Il quadricampione italiano ci rivela i programmi per la stagione che verrà.


Insistere non si può più. Non solo per un problema di decimi persi ad ogni cambiata, soprattutto in discesa di rapporto, ma specialmente per la concreta possibilità di danneggiare il motore con un passaggio marcia imperfetto.

I ritmi sono sempre più forsennati, nella E1-1600: il quarto titolo conquistato nell’ultima sua stagione completa, quella del 2015, contro un avversario come Aragona capace di arrendersi per un solo appuntamento vincente in meno a bilancio, è forse il più importante e pregevole dei quattro conquistati dal pilota di Sambatello, sebbene nel 2010 per il reggino arrivò il doppio alloro di classe e di tutto il gruppo A, dopo un’annata superlativa. Per il valore degli avversari di ieri e di oggi, Di Stilio, Contardi, Stipani e Celli fra gli altri, ma specialmente per aver saputo sovvertire l’inferiorità tecnica dovuta al cambio ad H. Che obbiettivamente costituisce un valore aggiunto solo per il peso, di oltre 25 kg inferiore rispetto ad un sequenziale. Pilota lestissimo nella salita di marcia, fase in cui resta ad un respiro dai migliori impianti elettroattuati che consentono però una caduta di giri inferiore del motore, Chirico passa alla cassa nelle veementi discese di rapporti, tipiche delle staccate ad avantreno tutto giù: gli ultimi sistemi elettronici, permettono scalate al limite del pensabile solo un paio di anni fa e ormai alla quota-soglia della sopportabilità di coppia motrice da parte della meccanica. Quando decidi di revisionare il propulsore 4 in linea by Nino Surace, devi pertanto fissare come priorità la salvaguardia del motore rialzato. Qualche piccola soluzione inedita, un generale ripristino dei valori ottimali di un motore che da anni non conosce il paranco e soprattutto un cambio sequenziale, senza ripetizioni al volante ma utilizzato con la classica leva. Queste le innovazioni, mantenendo però le tradizioni. Gli automatismi della leva, tanto cari a Chirico, non vogliono infatti essere persi come patrimonio proprio di pilotaggio dal 31enne reggino. Il peso oggi poco al di sopra dei 7 quintali concessi dalla fiche, si alzerà quindi di poco meno di 30 kg.

DOMENICO CHIRICO: NEWS TECNICHE 2018 Il vulcanico preparatore reggino però pensa anche al concepimento di un iracondo cuore 1400, un motore che non è stato esplorato a dovere nella stagione della vittoria del titolo di classe. Un idea che stuzzica il bravo tuner calabrese e che potrebbe quindi coinvolgere il quadricampione italiano. Avvinto si da una nuova sfida, ma indeciso se scendere di classe dopo quanto dimostrato e vinto nella litro e sei. L’idea quindi di cedere la vettura ad un noto driver campano, qualche tempo fa abbozzata, è rimasta lettera morta.

Chirico e la sua 106, restano nel Circus salitaro.


Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

L’ALFONA CHE VERRÀ

L’ALFONA CHE VERRÀ

A Sarno, secondo posto fra Turismo per la feroce compatta di Luigi Sambuco. Altre due ...