Home » Slalom » ELIA CORSE GUARDA ALL’ORIENTE

ELIA CORSE GUARDA ALL’ORIENTE

Progetti del futuro e novità del presente, nella doppia intervista al direttore tecnico Cinzia Cantaffio ed al team principal Tommaso Elia.

Ad un certo punto del cammin di nostra vita, s’ha da scegliere cosa fare. Il bivio ideologico davanti alla Elia Corse, alla vigilia dei dieci anni di vita, prevedeva due possibilità: continuare ad affinare i prodotti per proporli nelle realtà locali e nazionali, o provare a sdoganare il proprio know how tecnico anche in realtà potenzialmente ricettive, verso un prodotto di nicchia come le auto da corsa.

L’idea cinese, è scaturita da una conversazione con Fabio Barone, il pilota romano che, lungo la Tongtian Highway del parco nazionale del monte Tianmen, sulla sua Ferrari 458 è salito sino alla “Porta del Paradiso” in 10 minuti e 31 secondi, stabilendo così un nuovo record mondiale. Questa strada è stata classificata fra le dieci più pericolose al mondo. Nella nostra duplice intervista, orizzonti possibili e news tecniche a stretto giro, della factory di Simeri Crichi.

Cinzia Cantaffio:

Tommaso Elia:

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

XXVI Slalom Città di Campobasso 2018 – Ecco la nuova data

L’Automobile Club Campobasso, verificato il ripristino delle ottimali condizioni organizzative, sentita anche la famiglia Battistini, ...