CIVM

EPOCALE INGARDIA AL DEBUTTO IN SALITA

Il fuoriclasse della Trapani Corse firma un altro distillato di alto Motorsport, centrando un tempo iperbolico con la sua piccola Ghipard. Varie le vittorie di classe e gruppo degli altri membri della scuderia trapanese. 


La Trapani Corse ha voluto onorare la Monte Erice numero 63 con uno sforzo titanico, che ha portato 22 piloti sulla linea di partenza della gara di casa. 

Il fatturato agonistico finale racchiude tante voci liete, ivi comprese alcune sorprese che hanno deliziato il direttivo ed il collettivo tutto di questo team occidentale siculo. 

Nella gara di Campionato Italiano Auto Storiche, vittorie di classe per Giovanni Candela su Abarth 1000, di Francesco Maltese con un bellissimo 590 Abarth nonché di Giacomo Spezia  sulla sua possente X1/9 gr.4, tornato ad indossare casco e tuta dopo alcuni anni. Giudizi più che lusinghieri per loro. 

EPOCALE INGARDIA AL DEBUTTO IN SALITA

Nelle moderne sono arrivati vari podi, come il 2° posto di BC 700/2 di Gaspare Piazza: un ottimo risultato, considerato il motore non al top ed un cambio che in seconda manche sputava la terza e la quarta marcia, costringendo il pilota ad impostare le insidiose curve della Monte Erice con una sola mano. Terzo posto in RS-Plus 2000 per Ignazio Amato, lanciato alla conquista del TIVM Sud di classe con una velocissima Gara 2. 


Gradino basso del podio anche per Rosario Trippiedi (vincitore nel 2020) in Prod. S 1600 e 3° posto nella Prod. E 1400 anche per Enrico Valenti (mai fortunato nella “sua” gara).

Vittoria per Antonio Gentile al debutto in salita dopo anni di soli slalom e di Francesco Maltese nel gruppo E2SH, rispettivamente in classe 1400 e 1600. 

Risalta anche il bel 4° posto in E1-1600 per Alessandro Farace e la sua Fiat Uno 70, autore di un ottimo risultato in considerazione del parco vetture di altissimo livello presente in questa combattutissima divisione. 

EPOCALE INGARDIA AL DEBUTTO IN SALITA

Il Big Bang di giornata è stato senza dubbio l’acuto straordinario  di Gimmy Ingardia, che dopo aver dominato nel Siciliano Slalom, alla sua prima cronoscalata in assoluto firma la vittoria in E2SS 1000, il 2° posto di gruppo dietro al solo Big Domenico Cubeda su Osellona 3000 e soprattutto un tempo memorabile in gara-1, in cui fermava le fotocellule sul crono di 3’08”60, per poi ripetersi quasi sullo stesso passo in 3’09”48. Il tutto con una inadatta Ghipard 1000, che sembrava quasi in soggezione in mezzo alle altre auto, tarchiata e minuta com’è. 

Il velocissimo pilota mazarese ha perlopiù sfiorato la TopTen, risultando 11° nell’assoluta. A traino di questa epocale prestazione di Ingardia è arrivato un ottimo secondo posto in E2SS1000 per Totò Arresta e la sua Gloria, associato al 5° posto di Gruppo. 


Seconda piazza in E2SS1400 per Claudio Bologna, incluso nella classe 1600, 4° posto in E2SC-1600 del Presidente Incammisa che preferisce gli slalom ma che onora sempre la gara di casa, quarta posizione in E2SS1000 per Dino Blunda sulla sua bellissima Speads BMW 1000 ed infine la vittoria di gruppo CN e della Under25 per Martina Raiti, sulla sua Osella 1600. 

Da menzionare doverosamente Gianpiero Campo, che dopo un paio di gare con le turismo negli scorsi anni, ansioso di coronare un sogno, partecipa al Corso Federale, acquisisce l’agognata Licenza e si presenta ad Erice con una bellissima Formula Tatuus di due litri della CR Corse. Per lui, la speranza di reperire qualche sponsor che lo aiuti a disputare un programma completo in Civm, nel 2022. 

Francesco Romeo 

Comunicazione Trapani Corse 

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker