CIVM

ERICE POSITIVA PER L’AUTOSPORT SORRENTO

Eccellente risposta di Francesco Adragna, che alla prima gara stagionale migliora in ogni stint sino ad un gran podio di classe. Encomiabile la due giorni di Andrea Pace, in crescita costante sull’altra SR4-1600.


ERICE POSITIVA PER L’AUTOSPORT SORRENTOUna strada mai facile neanche per chi la percorre spesso, complicata com’è da un asfalto notoriamente viscido e da curve di raggio sempre diverso, che diventano talvolta velocissime varianti ed altre invece angusti tornanti. Non è affare semplice decifrare qualunque crono montana, ma non lo è in misura particolare quando ci si misura con un percorso tanto insidioso quale quello occidentale siculo e quando si sale in macchina al massimo un paio di volte all’anno. Francesco Adragna ha ulteriormente migliorato sé stesso, ha convinto una volta ancora i tecnici dell’AutoSport Sorrento per la sua capacità di ascolto e traduzione alla guida degli input forniti dal tecnical chief Alessio Canonico e dalla telemetria ed ha mostrato una quota intrinseca di talento davvero rilevante, sebbene corresse la sua prima gara in auto dopo un anno di stop e fosse al cospetto di avversari di classe forti, veloci e sgamati come pochi altri del circus. Proiettando la performance di Francesco Adragna nella galassia di questi molteplici aspetti, si ricava la bontà del risultato arrivato agli scacchi di Erice, dopo un costante miglioramento delle prestazioni manche dopo manche, in perfetta sinergia con lo staff del team biancorosso: secondo di classe 1600, settimo di gruppo E2SC, perlopiù con un abbondante miglioramento velocistico rispetto alla sua Erice 2018, dove aveva corso con la stessa Radical SR4 Evo da litro e sei dell’AutoSport Sorrento. Adesso lo aspetta la gara super veloce della Coppa Nissena.

ERICE POSITIVA PER L’AUTOSPORT SORRENTOBilancio più che positivo anche per Andrea Pace, che dalla bandiera verde del sabato a quella a scacchi della domenica non ha mai smesso di migliorare in ogni sessione, recependo sapientemente gli input dei tecnici e capitalizzando l’esperienza personale maturata nelle crono. Il suo doppio quinto posto di classe nella litro e sei delle Sport Car, rende quindi merito alla sua capacità di adattamento alle molteplici situazioni di gara, con le complessità e le sfaccettature conseguenti. Per un gentleman driver prestato alle corse per pura passione, si tratta di uno score finale da guardare con assoluto e meritato rispetto.

Francesco Romeo
As AutoSport Sorrento

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker