CRONOSCALATE

FIA: FIORENZO DALMERI CONFERMATO NELL’HILL CLIMB COMMISSION

Estensione del prestigioso mandato per il reggente dell’ACI Trento e capitano della nazionale di velocità in montagna, che plaude al programma del neo presidente federale della divisione salita. Le sue idee sul futuro del Civm, in un’intervista esclusiva. 


Come recitava uno scherzoso adagio, la sua vita è una salita.

Ma fortunatamente non per annose o perduranti difficoltà, bensì per l’incessante impegno al servizio del motorsport, soprattutto quello declinato alla velocità in pendenza, sviluppato con incarichi via via sempre più rilevanti. 

Dopo quasi trent’anni spesi al timone della Scuderia Trentina, un motorteam fra i più quotati del continente nonché epicentro del management della celebre Trento-Bondone, l’azione di Fiorenzo Dalmeri si articola oggi fra la presidenza dell’Automobil Club Trento, il consiglio sportivo nazionale e la commissione della Federazione Internazionale dell’Automobile riservata alla velocità in salita, ruolo questo che gli è stato recentemente rinnovato per altri due anni. 

FIA: FIORENZO DALMERI CONFERMATO NELL’HILL CLIMB COMMISSION

Lo abbiamo raggiunto telefonicamente: 


“La conferma nella commissione salita della FIA mi gratifica ed onora, per svariati motivi. Ho speso gran parte della mia esistenza per la velocità in montagna e mi proietto quindi con grande entusiasmo ad un ulteriore biennio in questo appassionante ruolo, ove potrò mettere al servizio della specialità l’esperienza maturata in tre decenni molto intensi e sposare da vicino la filosofia rilanciata dall’ing. Dusan Loblisek, nuovo presidente della commissione salita, che considero una figura ideale per la sua vastissima conoscenza di gran parte delle gare montane europee. Il focus di Loblisek infatti, è quello di conferire maggiore visibilità alle cronoscalate, attraverso il coinvolgimento di partner promozionali stabili ed un’accresciuta dimensione mediatica a livello continentale. Mi piace davvero molto questo suo indirizzo e spero che anche l’ACI Sport faccia propria questa filosofia di base, affiancando alle ottime dirette streaming proposte oggi, una più ricca e capillare offerta mediatica a supporto della velocità in salita, disciplina che a mio modo di vedere vanta ancora consistenti margini di crescita globale”. 

Presidente, come ha accolto la decisione di riammettere al Civm talune categorie di vetture che in una prima fase erano state invece estromesse?

“Penso convintamente che sia stata la decisione più giusta, come doveroso segno di rispetto per i partecipanti al nostro tricolore della montagna. Le macchine dapprima escluse potevano comunque trovare posto nei vari gruppi della serie europea, per cui si rischiava di mettere in atto un controsenso abbastanza netto. Qualunque decisione di una certa portata va ben ponderata nei tempi e negli effetti e posta in essere con dinamiche più dilatate nel tempo, così da non creare sconcerto ed oggettive problematiche presso l’utenza agonistica, già oberata dagli imponenti investimenti necessari per praticare il motorsport ad un certo livello”. 

In che modo giudica l’applicazione di taluni regolamenti FIA 2023, nei campionati italiani salita di questa stagione? 

“La giudico bene, senza dubbio. Altra decisione questa, che considero certamente azzeccata. Quando fra un anno saranno recepiti a largo raggio queste misure infatti, disporremo tutti di una corposa casistica, che ci dirà oltre ogni ragionevole dubbio quale sia stato il loro valore assoluto in termini di contenimento delle performance. Sono fiducioso”. 


FIA: FIORENZO DALMERI CONFERMATO NELL’HILL CLIMB COMMISSION

Presidente, come immagina il Civm del futuro? 

Me lo immagino come un campionato maggiormente specializzato e meno concentrato sui numeri di adesione. La valorizzazione del Tivm con la finale nazionale ad esempio è stata una bella mossa, in quanto reputo che ogni serie in calendario debba essere incentivata a dovere. Credo fermamente che vadano riconosciuti dei giusti benefit in denaro ai piloti che vincono dei titoli, come segno tangibile dell’attenzione verso il loro impegno. Questo potrebbe attuarsi attraendo dei main sponsor di supporto alla serie, come accade nel calcio, così da creare benefici effetti sulla promozione e quindi sull’ indotto, finalizzati anche alla corresponsione di premi ai partecipanti. Non numeri spropositati a tutti i costi quindi, ma grande livello generale espresso in tutti gli aspetti. Questa la mia idea sul Civm del futuro”.

Il calendario sportivo del territorio dell’ente che lei rappresenta (AciTrento) si presenta ricco anche nel 2022. In un periodo economicamente complesso in cui taluni eventi si sono dovuti fermare, voi siete invece riusciti a mantenere alta l’offerta. 

“Si, alle canoniche gare già in calendario come la Trento-Bondone, lo slalom Sette Tornanti, la Stella Alpina ed altre, abbiamo aggiunto quest’anno anche l’interessante Dolomiti Brenta Rally del 22 e 23 aprile. Noi in Trentino crediamo molto nel supporto che questi eventi a motore danno all’economia locale in termini di ricettività alberghiera e visibilità, per cui cerchiamo di estendere ulteriormente l’offerta di gare stagionali. Non li vediamo solo come intrattenimenti, ma come effettivi investimenti sul territorio”.

FIA: FIORENZO DALMERI CONFERMATO NELL’HILL CLIMB COMMISSION

La Trento Bondone ha celebrato nel 2021 una settantesima edizione molto partecipata e per il futuro si parla di ghiotte novità. La sua fiducia iniziale nell’avvicendamento al timone della Scuderia Trentina con Beppe Ghezzi, è stata già corroborata dai fatti. 

“Mai avuto dubbi. Mai. Beppe Ghezzi è un imprenditore di valore, un pilota veloce ed esperto ed uno sportivo vero, che lavora con uno staff di persone capaci e pragmatiche. Questi aspetti insieme ne fanno l’uomo giusto al momento giusto, a 360 gradi. Sarà una grande Trento-Bondone anche quella del 2022 e personalmente non potevo passare il testimone ad una persona migliore. Il presente ed il futuro della gara più lunga e conosciuta d’Europa, sono in ottime mani”. 

Articolo di FRANCESCO ROMEO 

Articoli correlati

Back to top button