Home » Salita » FIA Hill Climb Masters: i campioni saranno all’appuntamento!

FIA Hill Climb Masters: i campioni saranno all’appuntamento!

Il concetto degli «FIA Hill Climb Masters», competizione la cui prima edizione avrà luogo gli 11-12 ottobre a Eschdorf (LUX), ha convinto i migliori specialisti della disciplina. La qualità dell’elenco degli iscritti è eccezionale.

Le macchine radunate sono semplicemente regali: i re – e le regine – della montagna, provenienti da 22 paesi, terranno il loro primo vertice annuale nel Granducato del Lussemburgo. Mai una gara di cronoscalata moderna ha riunito così tante nazionalità tra i suoi piloti. In tutto, saranno 154 a presentarsi ai piedi della strada tortuosa e boscosa che sale fino al cuore del piccolo villaggio di Eschdorf, le cui stradine e viali faranno da paddock.

I «Masters» hanno già vinto una prima scommessa: quella di riunire nello stesso elenco degli iscritti dei grandi campioni che non si sono mai incontrati e delle macchine che obbediscono a regole a volte molto diverse. Riunire in una stessa competizione una vasta gamma di auto (vetture da turismo, rally, circuito, GT, prototipi, monoposto) è la caratteristica delle cronoscalate – ciò che le rende affascinanti anche per il pubblico. Ma questa diversità prenderà ancora un’altra dimensione durante i «Masters»: infatti, l’arte della cronoscalata varia notevolmente a seconda che viene praticata sul continente europeo, nelle isole britanniche, a Malta o in Scandinavia.

Gli FIA Hill Climb Masters risveglieranno la curiosità reciproca degli uni e degli altri — siano essi piloti, meccanici, fans, ufficiali o spettatori – rispetto a ciò che viene fatto qua e là. Poi una volta passate le curiosità tecniche e culturali, cadrà il verdetto del cronometro: inevitabilmente, il valore sportivo dell’evento prenderà il sopravvento nel pomeriggio di domenica, così come la corsa alle medaglie d’oro, d’argento e di bronzo promesse ai primi tre piloti delle tre categorie in lizza e alle prime tre squadre che corrono attualmente nella Coppa delle Nazioni. Per quest’ultima, è la regolarità dei quattro piloti di ogni squadra nazionale che prevarrà.

Con sette titoli di Campione d’Europa e dieci titoli di Campione d’Italia, Simone Faggioli sarà sia la Superstar di questi «Masters» sia l’uomo da battere. Correrà nella Categoria 2, quella che riunisce le monoposto, le vetture sportive e le silhouette conformi alla regolamentazione della FIA. Di fronte a lui ed alla sua Norma-Zytek, i contendenti per le medaglie saranno gli Italiani Christian Merli (Osella-Honda) e Fausto Bormolini (Reynard Mugen F3000), lo Svizzero Eric Berguerand (Lola-Cosworth F3000), il Ceco Milos Benes (Osella-Zytek), il Lussemburghese David Hauser (Wolf V8) ed i Francesi Geoffrey Schatz e Alban Thomas (entrambi su Reynard-Mugen F3000).

La Categoria 1 delle vetture omologate si trasformerà in un match tra da un lato le Porsche GT del Francese Nicolas Werver (quadruplo campione di Francia) e del Belga Yanick Bodson e dall’altro la pletora di Mitsubishi Lancer Evo, tra le quali quelle degli ultimi due Campioni europei, il Macedone Igor Stefanovski (2014) ed il Croato Tomislav Muhvic (2013).

La Categoria 3 sarà al tempo stesso la meno convenzionale e la più eterogenea. Lo spettro delle auto sarà ampio, dal prototipo della Fiat 500 alla monoposto Gould GX55 con motore Judd, una volta utilizzato in Formula 1, ma la quale cilindrata è stata aumentata a 4 litri! E tra questi due estremi ci saranno due Audi Quattro Sport S1, una moltitudine di Mitsubishi, Subaru, Porsche, Ferrari, Escort Cosworth e Lancia Delta ipervitaminizzate, le migliori monoposto del Campionato britannico e le famose Norma V8 4 litri che dettano la loro legge nel Campionato di Francia. I candidati alle medaglie nella Categoria 3 saranno d’altronde da ricercare tra i piloti di queste ultime (il quintuple Campione di Francia Nicolas Schatz, Sébastien Petit, Cyrille Frantz) e tra i piloti britannici, Trevor Willis, Will Hall e soprattutto Scott Moran, una vera icona della cronoscalata in Gran Bretagna, da quando detiene il record assoluto di vittorie – 123 al suo contatore personale.

Gli FIA Hill Climb Masters sono organizzati congiuntamente dall’Union des Pilotes, l’Automobile Club del Lussemburgo e la FIA. La giornata di sabato 11 ottobre sarà dedicata alle prove, con tre salite per ogni pilota. Il giorno successivo, tre cronoscalate sono in programma, con inizio alle ore 9.30.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Tris Project Team a Gubbio

Al 53° Trofeo Luigi Fagioli, ottavo round di CIVM e TIVM Nord e sud, in ...