Home » Rally » RALLY NAZIONALI » Finale CRZ: parlano i migliori, a caccia della Coppa

Finale CRZ: parlano i migliori, a caccia della Coppa

Il 6 e 7 novembre nel 38° Trofeo ACI Como si svolgerà la Finale Nazionale ACI Sport Rally Cup Italia 2020. Dopo le 23 gare disputate nelle qualificazioni ecco le parole di alcuni tra i migliori piloti a caccia della vittoria assoluta e di categoria.


Siamo ormai sempre più vicini ad uno dei rally più attesi di questa tormentata quanto appassionante stagione tricolore: il Trofeo ACI Como che ospiterà la Finale Nazionale ACI Sport Rally Cup Italia 2020. In attesa che il Rally del Rubinetto, che si svolgerà proprio questo weekend di sabato 31 ottobre, aggiunga gli ultimi nomi alla lista dei qualificati alla Finale Nazionale, provenienti dalla 1^Zona, andiamo ad approfondire il commento dei migliori piloti di questa Coppa Rally di Zona. In molti si sono messi in mostra nella fase di qualificazione e in tanti saranno candidati alla conquista della Coppa Assoluta. Prima del verdetto del Rubinetto si contano già 190 nomi all’interno della lista dei concorrenti ammessi alla finalissima, i quali si batteranno sia per lo scettro di migliore nella loro classe e categoria, sia per il ricco montepremi messo in palio da ACI Sport.

Tra i possibili protagonisti sono 23 quelli classificati nelle rispettive TOP3 Assolute nelle 8 Zone. 20 invece gli Under 25 che potranno potenzialmente ambire alla conquista del titolo come “miglior giovane” della Coppa oltre all’ambito premio conquistato lo scorso anno dal giovane Riccardo Pederzani, ovvero la possibilità di partecipare al Campionato Italiano Rally Junior nella successiva stagione. In questo caso nel CIRJ 2021.

Ecco le parole di alcuni piloti che hanno già confermato la loro presenza a Como:

DALLA 2^ ZONA | GIACOMO SCATTOLON: “Purtroppo in Liguria abbiamo affrontato solamente una gara, dato che il Sanremo Leggenda è stato annullato per l’alluvione. Quindi vincendo al Lanterna mi sono aggiudicato la finale. Al Lanterna c’erano almeno cinque pretendenti alla vittoria. Anche i miei avversari avevano partecipato anche ad altre gare di livello nazionale e sono arrivati sempre al top. Vincere quella gara è stata una bella soddisfazione. Ora a Como ho visto che ci sono altri qualificati alla finale di assoluto livello, come ad esempio Andrea Carella e Andrea Nucita per citarne solo un paio. Quindi sarà una sfida bella da giocarsi fino in fondo. Non ho mai disputato il rally di Como, quindi non conoscendo le strade avrò un lavoro in più da fare. Ho visto lo scorso anno quando c’è stata grande partecipazione in tutti i sensi e so che Como è una molto seguita. La affronterò con le soluzioni che ho portato durante tutta la stagione nel CIR, vale a dire la Skoda Fabia R5 del team Special Car e della scuderia Movisport con al mio fianco Giovanni Bernacchini.”


DALLA 3^ ZONA | ANDREA NUCITA: “Arriviamo al Rally di Como per via di un programma riconvertito sul finale. Eravamo partiti con altri obiettivi e quasi per caso ci siamo ritrovati in piena corsa per la 3^ Zona, che abbiamo vinto grazie ad una vettura perfetta, ad un ottimo feeling con Promo Racing e soprattutto tra Giuseppe e me. Le prove lariane sono molto impegnative non lasciano spazio ad imperfezioni e la scelta di mescola, oltre che la pianificazione di una strategia di gara attenta, sono determinanti. Saremo in tanti e tutti determinati dare il meglio, quindi, sarà una gara dove forse l’agonismo sarà più alto anche di quello di una serie maggiore. Anche questo è un risultato reso possibile dall’ottimo lavoro svolto dalla Commissione Rally, che ha reso le finali un momento di grande interesse sportivo e non solo perché ci sono in palio montepremi importanti, ma soprattutto perché la sfida è tra i migliori in arrivo da ogni parte d’Italia, spesso equipaggi di livello assoluto che per vari motivi gareggiano soltanto nella propria zona.”

DALLA 6^ ZONA | THOMAS PAPERINI “Il Rally di Como rappresenta per noi una grande occasione, a coronamento di una stagione che è stata superlativa sotto tutti gli aspetti. Un 2020 che, seppur drammatico sotto molti aspetti, ci ha visto esordire sulla Skoda Fabia R5 e centrare ottimi risultati come la vittoria, la prima in carriera, sull’asfalto della nostra gara di casa, il Rally Città di Pistoia. Cercheremo di non pensare a quello che sarà di noi nel 2021, certo è che gli incentivi proposti da Acisport non ci lasciano certo indifferenti. La vittoria tra gli Under 25 è il nostro obiettivo primario, sarebbe fondamentale confermare tutto il buono del 2020 fuori dalle mura regionali”.

DALLA 6^ ZONA | ANDREA CARELLA: “Trovo davvero una bella idea di fare la Finale unica con premi importanti e raccogliere lì tutti i migliori di ogni zona. Un sistema e un’intuizione vincente come si è visto anche lo scorso anno. Per me sarà un onore partecipare. A Como ho corso nel 2010, quando vinsi con la 207 nel progetto portato avanti da Peugeot, nel quale quello era la gara premio. Poi non mi è capitato nuovamente di correre lì, per il fatto che era fuori dai miei campionati. I ricordi sono pochi, sono passati anni. Ricordo belle strade e passaggi fantastici sul lago con una prospettiva unica. Pensando al rally ci sarà una competitività molto alta, con nomi del calibro di Nucita e Scattolon. Pensando al panorama nazionale e al livello dei piloti ci sarà da divertirsi.”

RICCARDO PEDERZANI: “Quest’anno la Coppa è stata tanta roba. Per me l’impegno principale è sempre lo Junior, ma a questo ho aggiunto due gare della Zona 6 avendo come unico obiettivo quello di qualificarmi alla finale. Anche al Ciocco ho cercato di fare di tutto per qualificarmi e arrivare in fondo nonostante i problemi ai freni. A Como avrò diverse novità: utilizzerò la Skoda Fabia R5 Evo di Free Rally Service, il team che quest’anno ha gestito Marquito Bulacia nelle gare del Campionato Italiano Rally Terra. La macchina è nuova, gli è arrivata questa settimana. Anche al mio fianco ci sarà un cambio con Lino Battaglia alle note. È un naviga di casa della Val Cavargna e sarà un riferimento anche per quanto riguarda l’approccio alle prove di Como, devo trovare subito la quadra. Ci tengo molto a ringraziarlo. Questa è una gara che voglio affrontare al massimo, voglio puntare naturalmente alla U25 per guadagnare di nuovo una stagione nello Junior. Ci terrei a fare bene anche in chiave assoluta con una R5, sarebbe importante per me fare un buon risultato in questa occasione. Poi una volta archiviato il Como andrò avanti al Tuscan e tornerò con la testa al CIR Junior, di nuovo con Sofia D’Ambrosio alla destra.”

DALLA 8^ ZONA | ALESSIO PROFETA: “Non ho mai corso il Trofeo ACI Como quindi non conosco le strade. Ho guardato i camera car e le prove dello scorso anno, sembrano davvero interessanti ed impegnative. Per quanto ci riguarda vogliamo concentrarci al massimo su queste ultime due gare del 2020 che conteranno molto per noi. Vogliamo finire in bellezza ottenendo un buon risultato a Como e poi concentrarci sull’ultima del CIR dato che ci aspetta anche la terra del Tuscan. La Finale sarà un rally di grande livello, con molti avversari importanti e sarà bello anche confrontarsi con loro su gara unica. Saremo lì con lo stesso pacchetto con il quale abbiamo corso nel CIR, quindi la Skoda Fabia R5 ed i colori di ACI Team Italia. Cercheremo di dare il nostro meglio.”


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

IRC Sport dichiara conclusa la stagione IRC 2020 dopo due gare: De Tommaso campione, 2/3 del montepremi ai vincitori

IRC Sport, società impegnata nell’organizzazione dell’International Rally Cup – Pirelli, ha deciso di dichiarare conclusa ...