Home » Rally » CIRT » Francesco Fanari di nuovo al volante: il “San Marino” è alle porte
Francesco Fanari di nuovo al volante: il “San Marino” è alle porte

Francesco Fanari di nuovo al volante: il “San Marino” è alle porte

Neppure un mese dopo la “prima” del rally ad Arezzo e Crete Senesi, dove ha centrato la top ten pur con una gara sofferta, il pilota umbro è chiamato al pronto riscatto in un altro appuntamento difficile che non corre da undici anni.


Al suo fianco torna Pietro Elia Ometto.

Francesco Fanari è pronto a tornare in gara, questo fine settimana, al 48° Rally di San Marino, secondo round stagionale del Campionato Italiano Rally Terra. Il pilota umbro riparte dalla nona posizione assoluta, ottenuta ad inizio mese al 14° Rally “Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina.

Sarà un impegno particolarmente importante, delicato, quello che attende il portacolori della scuderia Project Team, sempre al volante della Skoda Fabia R5 del Team Step Five Motorsport, gommata Pirelli, in quanto affronterà la celebre gara che partirà ed arriverà nell’enclave del “Monte Titano” dopo ben undici anni di assenza. Certamente un’incognita in più da dover sopportare insieme al cercare di capitalizzare le prime, importanti indicazioni scaturite all’esordio stagionale in Toscana, caratterizzato soprattutto dal dover riprendere in mano gli equilibri necessari dopo il lungo periodo di sosta che durava dal settembre dell’anno scorso.

Certamente un compito non facile, per Fanari, a San Marino, che sarà di nuovo affiancato da Pietro Elia Ometto, con cui corse appunto l’ultima gara disputata nel 2019, il “Nido dell’Aquila”.


FRANCESCO FANARI: “Archiviata l’esperienza in Toscana, dalla quale ho cercato di trarre le indicazioni migliori per affrontare l’impegno di questo “San Marino” che sarà uno scenario tutto nuovo, non correndovi da ben undici anni. Strade certamente diverse da quelle trovate tra le Crete Senesi e l’aretino, mi ricordo di percorsi che mettono a dura prova gomme e meccanica delle auto ed anche il fisico. In più la maggior parte dei miei avversari negli anni recenti vi ha corso, in questa gara, quindi parto con un handicap in più, quello della non conoscenza del percorso. Al mio fianco ritroverò Pietro Ometto, con lui ed anche con la regia della squadra cercheremo di sopperire ai diversi punti interrogativi previsti, che vogliamo si tramutino in stimoli per far bene”.

Sono tre i tratti cronometrati interessati dalla gara, ripetuti tre volte e tutti disputati nella giornata di sabato 29 agosto. Come da tradizione il quartier generale della manifestazione sarà il Centro Multieventi Sport Domus a Serravalle di San Marino. Da qui sabato 29 agosto alle ore 08.00 partirà la prima vettura. Il primo tratto cronometrato sarà all’interno di San Marino e denominato proprio “Terra di San Marino” una prova speciale di Km. 4,500 in programma alle ore 08.27. Successivamente si disputerà la prova di “Monte Rocca” (ex “Sestino”) alle ore 09.41 di Km. 11,960, cui seguirà la classica “Lunano-Piandimeleto” (ore 10.18) di Km. 5,280 e di nuovo la “Terra di San Marino” (ore 11.21). Concluso questo poker di prove, le vetture ritorneranno al Centro Multieventi Sport Domus a Serravalle di San Marino per il Riordino (ingresso ore 11.49) ed il Parco Assistenza (ingresso ore 12.09). La seconda parte di gara vedrà in sequenza la prova di Monte Rocca (ore 14.14), quella di Lunano-Piandimeleto (ore 14.51), quindi il Riordino a Lunano (ingresso ore 15.05) poi  di nuovo Monte Rocca (ore 16.37), Lunano-Piandimeleto (ore 17.14) e l’ultima fatica fissa con la Terra di San Marino (ore 18.17). Atto finale l’arrivo al Centro Multieventi Sport Domus a Serravalle di San Marino alle ore 18.45. Le nove prove speciali in programma hanno un totale di distanza competitiva di 65,720 chilometri, a fronte di un percorso complessivo di Km. 350,970.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

GR Motorsport, la terra è d'oro: Mangiarotti-Guzzi campioni gruppo N Due Ruote Motrici

GR Motorsport, la terra è d’oro: Mangiarotti-Guzzi campioni gruppo N Due Ruote Motrici

Il pilota pavese e la navigatrice cremonese (ma trapiantata nel parmense) conquistano la Coppa AciSport ...