Home » Salita » Gabriele Greco, il rallista con il prototipo nella testa

Gabriele Greco, il rallista con il prototipo nella testa

Il Salento si sa è terra di rallisti e lui non è stato da meno. Gabriele Greco, leccese, esordio agonistico nel lontano 1992, dirigente d’azienda nel campo delle costruzioni stradali, l’impresa di famiglia, tra l’altro, ha costruito la pista di Handling a Nardò all’interno dello storico anello, oggi di proprietà Porsche.

Greco vincitore nel 1999 della classe N2 di rallies nella Coppa Italia zona 4 sud e secondo classificato (per soli due punti) nel Trofeo Peugeot Rally, suoi due campionati interregionali di classe nel 2006 e nel 2007 e 16 vittorie di classe, dodicesimo assoluto e primo dei pugliesi nella gara di casa, il Rally del Salento del 2008 valevole per il Campionato Italiano, da quelle parti “una gara nella gara” per i piloti locali, roba da raccontare ai nipoti. Nel 2011 ultimo rally disputato, sempre il Salento, poi dopo ininterrotti diciannove anni arriva un periodo di riflessione, servono nuovi stimoli, i rally appartengono al passato. Già da molto tempo l’aspirazione è quella di salire su un prototipo, magari fare la Fasano Selva, ma serve un passaggio intermedio. Con la Reggiani 32P Formula Junior 1.200 sceglie l’inedita esperienza in pista, nel Trofeo del Levante a Binetto, autodromo che a livello regionale tanto fascino si porta appresso. Qui nel 2016 vince il terzo titolo interregionale di classe, questa volta di velocità. Esperienza formativa che lo convince ad acquistare uno sport prototipo. Da grande appassionato di automobili da corsa italiane sceglie l’Elia, la factory calabrese dei fratelli Tommaso e Sebastiano che portano avanti il progetto del padre, il grande Professore Leonardo Elia. La macchina necessita di un importante aggiornamento, è un po’ acerba. La scelta ricade su Franco Ferragina, forte pilota ed esperto di prototipi, qualcuno dice il più grande conoscitore della barchetta calabrese, tanto da essere oramai il consulente tecnico della stessa casa. Dal matrimonio con Ferragina in poi la storia è tutta da scrivere, alla soglia dei cinquant’anni in punta di piedi come sempre è stato nella sua carriera. Obiettivo del 2018 è imparare a guidare un prototipo, sia in salita che negli slalom. Proprio da una sua idea si svolgerà la prima edizione dello Slalom Santa Caterina di Nardò, gara che si preannuncia altamente spettacolare vista la straordinaria bellezza del percorso, organizzata dalla scuderia Casarano Rally Team presieduta dall’amico Pierpaolo Carra.

Il test svolto sabato 14 aprile presso la Pista Fanelli di Torricella ha dato dei riscontri positivi, la macchina è andata bene, ora bisogna fare esperienza, del resto è ancora una volta tutto veramente nuovo e il bello è proprio questo.

Nelle foto Gabriele Greco con la sua Elia ST09 nel test alla pista Fanelli di Torricella.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Stefano Peroni su Martini Mk32 punta al poker alla Limabetone Storica

Il driver e preparatore fiorentino sulla Formula è il miglior interprete delle prove. La pioggia ...