CRONOSCALATE

Giovanni Marchio vince alla Stefano-Gambarie con l’AM Sport

Con la forza di un talento ancora tutto da sviluppare e l’esuberante, ma sana, incoscienza dei suoi vent’anni, Giovanni Marchio conquista una vittoria di classe alla Santo Stefano-Gambarie, unica cronoscalata corsa all’interno di un parco naturalistico, quello dell’Aspromonte, e anche per questo, da molti definita come la più bella.


Giovanni Marchio, al via dei sette chilometri del percorso montano al volante di una Fiat Cinquecento Trofeo con i colori del Team Mediterraneo dell’insostituibile Domenico Catanzariti, ha affrontato questa “classica” delle corse in salita con la voglia di fare bene mettendosi alla prova per cercare, chilometro dopo chilometro, il proprio limite di pilota. E il miglioramento del riscontro cronometrico tra la salita di ricognizione del percorso e la gara, nonostante una leggera toccata che rientra nel bagaglio delle esperienze necessarie per poter crescere, è la miglior rappresentazione di questa ricerca e dello sforzo che questa richiede. Uno sforzo di testa, di piede e di cuore, tutti gli ingredienti che, opportunamente dosati, fanno di un pilota un campione. Lo zio Antonio che in anni di frequentazione del mondo delle corse, prima come meccanico e poi come preparatore, di piloti ne ha visti sfilare tanti ma di campioni veri decisamente meno, si gode il momento nascondendo a fatica il suo legittimo orgoglio. Giovanni Marchio ha testa, piede e cuore per essere quello che vuole e, buon per lui e per i suoi vent’anni, il tempo gioca decisamente dalla sua parte. Insieme alla AM Sport e ai tanti che credono in lui e nel suo talento.

Il prossimo appuntamento della AM Sport sarà il 13 e 14 luglio a Biella, in Piemonte, dove si correrà il Rally Lana. Al via dei 75 chilometri di speciali suddivisi in sette prove ci saranno anche Paolo Terrando e Raffaele Corollo su Fiat Cinquecento Trofeo. Al loro fianco in assistenza, come sempre, Antonio Marchio e la AM Sport.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker