Home » Pista » F. CHALLENGE » GOZZI E LUCIBELLO OK A SARNO

GOZZI E LUCIBELLO OK A SARNO

Ottime prove per il debuttante con la Radical e per il pilota di ritorno, che sulle SR4 1400 dell’AutoSport Sorrento conquistano il primo ed il secondo posto di classe nel tricolore di Formula Challenge a Sarno. Tre vetture della factory sorrentina, centrano i primi cinque posti.

Sebbene la vittoria assoluta del Trofeo Vesuvio non sia arrivata, la domenica da corsa sul Circuito Internazionale di Napoli, dedicata anche al tricolore di formula challenge, ha mostrato una volta ancora il livello complessivo dello staff e delle Radical dell’AutoSport Sorrento, che hanno conquistato tre posizioni delle prime cinque.

Nella classe 1400 la squadra in biancorosso portava allo start un debuttante assoluto sulle barchette inglesi quale Giacomo Gozzi, usualmente impegnato sulla propria vettura artigianale, una Polini 05 con cuore Kawasaki 1200.  Dopo la prima manche di cinque giri destinata ad entrare in sintonia con una macchina per lui completamente inedita, Gozzi ha decisamente migliorato il proprio ritmo negli stint successivi, spiccando un miglior tempo di 1.03.178. La sua prestazione complessiva nelle tre sessioni previste, gli ha così fruttato una sonante vittoria nella classe 1400, un ottimo risultato in considerazione del fatto che fosse su una pista e su un auto, per lui del tutto sconosciute.

Le sue parole, sconfessano una legittima contentezza: Non posso che essere appagato del risultato, se penso che non avevo mai provato una Radical  e che non conoscevo la pista di Sarno. Entrambe, mi sono piaciute molto. Ho voluto fare le cose per grado, approcciandomi prima alla versione 1400, senza andare subito sulla più potente 1600. Ci sarà occasione per farlo, perché le eccellenti indicazioni sulla professionalità della squadra e sul valore della macchina che da più parti mi avevano fornito varie persone, incluso Ale Polini che è colui il quale ha concepito la macchina che posseggo da qualche tempo, mi spingono a voler tornare nel cockpit di una Radical a stretto giro. Una macchina potente e reattiva ma facile da guidare, una pista interessante e una squadra che ti ascolta e che sa sempre cosa fare in ogni frangente. Tutto molto bello. Credo che il ritmo tenuto in due manche su tre ed il miglior tempo centrato, siano un buon risultato per un debuttante in questo contesto come me. Se avessi avuto più tempo a disposizione avrei potuto fare meglio, ma va bene anche così. Grazie ai consigli di Tonino Esposito, dopo la prima manche  ho potuto interpretare meglio le curve del tracciato di Sarno, su cui non avevo mai girato ma che mi è molto piaciuto.

Soddisfazione latente anche per l’imprenditore Antonino Lucibello, che si concede qualche puntata in gara o in pista con la Radical SR4, quando gli impegni lavorativi glielo concedono. Una domenica certamente positiva anche per lui, che dopo mesi di stop è riuscito comunque a conquistare un ottimo secondo posto di classe a ridosso del compagno di team, da lui diviso da una ridotta differenza al netto delle tre manches da cinque giri, quantificabile in poco più di un secondo totale. Così Lucibello ai nostri microfoni: Sono contento, sebbene la mia lunga lontananza dall’abitacolo mi abbia fatto perdere quel ritmo che uno acquisisce quando guida con continuità. Alla fine sono arrivato a distanza contenuta dalla vittoria di classe, non male vista la mia lunga pausa precedente, ma ho certamente il potenziale per fare meglio. Sono comunque contento di quanto sia venuto e mi sono divertito. Non mancherà occasione per tornare in auto, il mio feeling con la vettura e la squadra resta sempre alto.

Francesco Romeo
as AutoSport Sorrento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

XV Super Master Racing: Vincitori assoluti Giuseppe Eldino per le turismo e Sergio Farris per le Sport e Gt

Si chiude il sipario della stagione corse 2018 a Sarno (Sa) presso il Circuito Internazionale ...