CIRT

IL 29° RALLY ADRIATICO ARRIVA AD URBINO: LA SODDISFAZIONE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Uno scenario tutto nuovo, per una delle gare di riferimento del panorama rallistico italiano su terra.


Il territorio accoglie con i migliori auspici la novità del rally, evidenziato dalle parole del primo cittadino.

L’organizzazione fornisce indicazioni circa le prenotazioni per il soggiorno nel periodo di gara.

Un deciso cambio di rotta, anche cambio di provincia, pur rimanendo ovviamente nelle Marche per il 29° del Rally Adriatico, in programma per il 14 e 15 maggio, andando a raggiungere la città di Urbino, sul cui territorio si svolgerà la seconda prova del Campionato Italiano Rally Terra (CIRT).

E’ una delle grandi novità della stagione di rallies italiani, quella del cambio di sede della gara, che dopo anni di permanenza nel maceratese, a Cingoli, arriva nella magnifica città natale di Raffaello Sanzio, abbracciata dalle morbide colline marchigiane che si affacciano verso il Mar Adriatico, nell’entroterra di Pesaro, il cui centro storico è patrimonio UNESCO.


Luoghi di straordinaria bellezza, scenari unici di un territorio che guarda molto al turismo ed in questo l’indotto ricettivo del territorio con il rally Adriatico ed suo grande seguito di praticanti ed appassionati avrà un ulteriore stimolo. Sport e turismo, dunque come volàno per la valorizzazione territoriale e la Città di Urbino in questa unione di intenti ci crede con entusiasmo.

“La bellezza delle auto e l’adrenalina della competizione – dice il sindaco Maurizio Gambini– si sposano con l’armonia del Rinascimento.  Il 14 e 15 maggio il Rally dell’Adriatico arriva per la prima volta a Urbino e la città si appresta a diventare un palcoscenico del tutto speciale per i team e per gli appassionati del motorsport.  Sabato 14 maggio, dalle 19.00, il centro storico sarà un set affascinante per la partenza. Tutte le vetture iscritte alla gara attraverseranno alcune vie del centro storico a passo d’uomo, come in una ideale passerella per farsi ammirare.  E la domenica mattina, da Borgo Mercatale, scatterà la competizione vera e propria. Come Amministrazione Comunale siamo contenti di dare in patrocinio e il sostegno a questa manifestazione che ha una storia illustre. Innovazione, spirito sportivo e tecnologia si sposano bene con la nostra città e il suo territorio”.

La gara conta diverse titolarità: sarà anche la terza del Tricolore per auto storiche (CIRTS), seconda per il Campionato Italiano Off Road, per i fuoristrada e “side by side” ed andrà anche ad inaugurare la Coppa Rally di V zona (che comprende le regioni di Marche, Emilia Romagna, Umbria e Repubblica di San Marino).

UN CAMBIO DI SEDE CHE GUARDA LONTANO

Il radicale cambio di sede è stato operato da PRS GROUP nell’ottica di una ulteriore crescita della manifestazione, soprattutto per quello che riguarda le possibilità di percorso, un rinnovamento importante e significativo che guarda al futuro. Al futuro della gara stessa ed agli stimoli che essa potrà dare all’intero movimento del Campionato Italiano Rally Terra, sfruttando notevoli possibilità di ampliamento del percorso, con strade nuove e sempre maggiori alternative.


Nella zona urbinate vi sono infatti ampie possibilità di prove speciali diverse, luoghi che possono conoscere un forte coinvolgimento di un territorio allargato, interessando in futuro molti comuni della zona. Importante sarà anche la collaborazione al fianco del tessuto economico ed industriale della provincia, con cui si cercherà di far crescere ulteriormente la competizione.

Urbino sarà il quartier generale della gara (con partenza/arrivo), saranno poi coinvolti i comuni di Cagli, Fermignano e Fossombrone.

Articoli correlati

Back to top button