REGIONALI

IL MESSINESE GIAMBOI VINCE A SORPRESA IL 1° SLALOM CITTÀ DI MONTEMAGGIORE BELSITO

La pioggia, caduta a tratti sebbene in crescendo sul tracciato, ha però pesantemente condizionato la classifica finale, suggerendo ad alcuni tra i piloti più attesi, con Sport e monoposto, di non prendere lo start.

Il portacolori della RO Racing, con la rossa Fiat X1/9, ha preceduto sul podio la Peugeot 106 Gti 16v del locale Gelsomino (al quale viene assegnato il Memorial Pino Guccione) e la vettura gemella del palermitano Burgio. Straordinario il 9° posto assoluto del montemaggiorese Di Francesca, su Clio Williams. Tra i diversi gruppi, successi per Dolce (A), Russo (VBC), Monteleone (RS) e Morici (E1 Italia). L’altro locale Ortolano (su Fiat X1/9) si è imposto tra le Autostoriche. La competizione è stata promossa dalla Misilmeri Racing (prima tra le Scuderie), con il Comune

È toccato al “vecio” messinese Alfredo Giamboi, probabilmente a sorpresa, alzare il trofeo riservato al vincitore assoluto in occasione del 1° Slalom Città di Montemaggiore Belsito, prova inaugurale del neonato Challenge degli Emiri, ospite al cospetto di un pubblico entusiasta nonostante le cattive condizioni meteo nella cittadina agricola del Palermitano. Il forte pilota originario di Novara di Sicilia, al volante della fedele Fiat X1/9 “griffata” RO Racing, ha capitalizzato la propria lunga esperienza nel campo dei motori, “esorcizzando” la pioggia caduta sulla strada provinciale 7 “Montemaggiore Belsito-Alia”, sede del tracciato di gara, a tratti già durante la prima manche cronometrata.

Pioggerella scesa con maggiore intensità tra le rimanenti due prove di velocità contro il tempo, che ha pertanto condizionato la classifica generale, costringendo alcuni tra i piloti più attesi (Fiore, Di Matteo, Rotolo e Turrisi, tra gli altri), a rinunciare a prendere il via con le loro vetture Sport e Monoposto a causa dell’asfalto viscido (il solo trapanese Incammisa, su Radical SR4, ha tentato una “sortita” in Gara 2, ma senza risultati tangibili). Va tuttavia precisato come il Città di Montemaggiore Belsito non sia stato dichiarato “gara bagnata” dall’ottimo direttore di gara, il cremonese Guido Omodei.

Alle spalle di Alfredo Giamboi (che ha chiuso con il tempo complessivo di 165,49 ‘punti-secondi’ aggiudicandosi la seconda manche e prevalendo nel gruppo Speciale) si sono classificate altre due gradite sorprese di questo comunque divertente weekend di gara, promosso in maniera ineccepibile sul territorio dalla Misilmeri Racing, in sinergia con il Comune di Montemaggiore Belsito e un comitato di sportivi del luogo, affiancati dalla neonata Ucria Racing. Secondo gradino del podio per il locale Cosimo Gelsomino, autore di una prestazione regolare al volante della piccola ma tosta Peugeot 106 Gti 16v schierata dalla Misilmeri Racing, con la quale ha fermato i cronometri in 169,64 “punti-secondi”, a poco più di 4” dalla vetta. Terzo posto assoluto per l’altrettanto veloce messinese (questa volta vive ad Ucria) Alfonso Belladonna, al quale non sono bastate due vittorie di tappa, in Gara 1 ed in Gara 3, per salire sul gradino più alto del podio. Per il portacolori della Nebrosport e per la sua Fiat Uno Turbo i.e. una prova assolutamente positiva, in vista di futuri appuntamenti, chiusa in vetta alla classe S7, con il parziale di 169,98 “punti-secondi”, a 4”49 da Giamboi.

Cosimo Gelsomino, oltre al secondo posto assoluto, ha potuto festeggiare anche per la vittoria in gruppo N e soprattutto per essersi altresì aggiudicato il Memorial Pino Guccione, in ricordo dell’indimenticato assessore del Comune di Montemaggiore Belsito, scomparso nel giugno 2022, trofeo consegnato al miglior pilota locale nella speciale graduatoria, dove ha preceduto Roberto Catalano (6° assoluto, con la 106 Gti S16 della Misilmeri Racing). Si è poi fermata ad un soffio dal podio la rincorsa del rallysta palermitano (vive a Monreale) Massimo Burgio quarto assoluto con la Peugeot 106 Gti S16 iscritta dalla Misilmeri Racing (vincente in gruppo Racing Start Plus), con la quale ha sopravanzato la Citroen Saxo Vts del partannese Francesco Monteleone, quinto al traguardo ed a sua volta “primatista” nel gruppo Racing Start, per i colori del Motor Team Nisseno, con in testa il presidente Nicola Vullo.

Da sottolineare, la nona piazza assoluta colta splendidamente al debutto dal montemaggiorese Alessandro Di Francesca, su Renault Clio Williams, con la quale ha subito stabilito un feeling perfetto, ad un anno esatto dal drammatico infortunio sul lavoro che lo privò dell’uso della gamba destra. L’alfiere della Misilmeri Racing ha portato a casa anche il terzo posto tra i locali.

Per quanto concerne i rimanenti gruppi, vittorie al Città di Montemaggiore Belsito per il palermitano (nativo di Aliminusa) Leonardo Dolce (in gruppo A, con la Citroen Saxo Vts per i colori Cst Sport), per il nisseno Maurizio Russo (tra le VBC Bicilindriche, al volante della Fiat 500 del Motor Team Nisseno), per Nicolò Incammisa (per il gruppo E2SC, su Radical SR4 Suzuki, Trapani Corse) e per il misilmerese Francesco Morici (in E1 Italia, su Fiat Cinquecento Sporting, per la Misilmeri Racing). Giuseppe Lo Bue ripone in bacheca il successo tra gli Under 23, con la Fiat Seicento Sporting della Misilmeri Racing, mentre la “figlia d’arte” messinese Angelica Giamboi (vive a Terme Vigliatore) ha vinto la classifica Femminile, da campionessa regionale Slalom in carica. La Misilmeri Racing è infine in trionfo nella speciale graduatoria riservata alle Scuderie, precedendo il Motor Team Nisseno e la RO Racing Cianciana.

L’altro locale Salvatore Ortolano ha prevalso sul filo di lana tra le Autostoriche, con la Fiat X1/9 della Cst Sport, davanti al palermitano Giorgio Scimeca (Renault 5 GT Turbo, ad 1”5) ed a Carmelo Mineo (Peugeot 205 Rallye, a 13”).

La classifica: 1) Alfredo Giamboi (Fiat X1/9), in 165,49 “punti-secondi” 2) Cosimo Gelsomino (Peugeot 106 Gti 16v), in 169,64 3) Alfonso Belladonna (Fiat Uno Turbo i.e.), in 169,98 4) Massimo Burgio (Peugeot 106 Gti S16), in 170,12 5) Francesco Monteleone (Citroen Saxo Vts) in 175,28 6) Roberto Catalano (Peugeot 106 Gti S16), in 175,55 7) Giuseppe Lo Bue (Fiat Seicento Sporting), in 177,00 8) Leonardo Dolce (Citroen Saxo Vts), in 177,27 9) Alessandro Di Francesca (Renault Clio Williams), in 178,69 10) Maurizio Russo (su Fiat 500), in 179,95 11) Angelo Castiglia (Peugeot 106 Gti 16v), in 180,00 12) Angelo Vitrano (su Peugeot 106 Gti 16v), in 180,16 13) Guglielmo Licitra (Renault Clio Williams), in 181,44 14) Francesco Morici (Fiat Cinquecento Sporting), in 181,66 15) Salvatore Sinagra (Peugeot 106 Gti 16v), in 183,34 16) Angelica Giamboi (Fiat X1/9), in 183,43 17) Giovanni Maggio (Citroen Saxo Vts), in 183,67 18) Antonino Millonzi (Fiat 500), in 184,23 19) Giuseppe Catalano (su Fiat 500), in 187,61 20) Ivan Geraci (Peugeot 106 Gti 16v), in 193,39.

Flavio Lipani

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio