Home » Slalom » CIS » IL RUGGITO DI SAVERIO MIGLIONICO

IL RUGGITO DI SAVERIO MIGLIONICO

Fresco della vittoria di Alatri e ad un anno esatto dal crash che gli compromise Radical e stagione agonistica, il già campione italiano slalom torna nella fatal Torregrotta. Tecnico e setting della macchina assolutamente identici al 2017, le mosse per saziare la sua voglia di riscatto nel Cis.

Saverio parte da un dato. E su quel dato, assembla una parte delle sue speranze in chiave 2019: Prima di avere quel brutto incidente che mi ha privato della possibilità di disputare una stagione normale, avevo segnato un tempo nella ricognizione di Torregrotta che non è stato migliorato neanche all’apice delle altre manches. Questo mi fa pensare che il mio passo fosse ancora di riferimento.

La sensazione è che tu ad inizio 2018 potessi avere ancora una parte del vantaggio velocistico che avevi mostrato prepotentemente nel 2017. Non sarebbe stata assolutamente una stagione facile visto il grande valore di base e la crescita da un anno all’altro dei rivali, ma di certo saresti stato nel parterre dei protagonisti..

Nel 2018 potevo sicuramente giocarmela. Ma le corse sono queste e l’incidente purtroppo è dietro l’angolo per tutti. Nel frattempo i miei avversari hanno fatto vedere una volta di più tutto il loro indiscutibile valore e il campionato 2019 sarà certamente apertissimo. E proprio per questo, anche avvincente.

Per provare a rivincere in futuro, sei tornato al passato. Tutto sarà come nel vincente 2017, carene escluse..

Esattamente. Il motivo è presto spiegato: ho poco tempo da dedicare alla macchina, a causa del mio lavoro, così voglio cercare di essere subito in palla dalla prima gara. Dopo essere stato forzatamente ai box per molte gare del 2018, credo sia giusto tornare a quelle soluzioni a cui tanto mi ero abituato. Sarò seguito di nuovo da Carmine Napolitano della Np Racing e spero di tornare in tempi brevi sui livelli del 2017. Il motore spinge, la macchina segue bene le traiettorie, per il resto più uno guida e più il feeling torna.

Ad Alatri è andata bene, hai vinto. Un buon prologo per Torregrotta..

Si, è stata una bella gara e mi sono divertito. Una buona prova prima dell’inizio del Campionato Italiano.

Torregrotta 2019. Che sensazione ti darà tornare nel punto dove hai avuto l’incidente?

Nessuna. L’unica sensazione che ho è la voglia di correre. Muoio dalla voglia di rimettermi in macchina e non pensare a nulla. Ho una carica, una grinta incredibili.

Abbandonata o solo rimandata l’idea di correre in salita?

Rimandata. L’avrei messa in pratica a Morano se non fossero successe tutte le cose che sono successe. Ma accadrà. Ora sono concentrato su Torregrotta e sul CIS.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

DONATO CATANO VOLA TRA I BIRILLI A SERRASTRETTA

Lo slalom di Monte Condrò, ultima tappa del campionato italiano slalom 2019, ha messo in ...