TIME ATTACK ITALIA

IL TIME ATTACK ITALIA TORNA AL RED BULL RING PER UNA SFIDA RICCA DI FASCINO

La serie organizzata da Andrea Scorrano sbarca per il secondo anno consecutivo sul tracciato austriaco, con il terzo round stagionale pronto a regalare nuove emozioni. Presenti al via anche i protagonisti del campionato GT3isti Challenge

Il Time Attack Italia approda sulle colline della Stiria per il terzo round stagionale in programma Martedì 25 Aprile sul tracciato del Red Bull Ring. Dopo l’entusiasmante sfida andata in scena lo scorso anno, la caccia al giro veloce torna sul bellissimo circuito austriaco per un appuntamento che promette di regalare nuove emozioni sia nelle classifiche assolute che nelle singole classi. In un’annata sino a questo momento caratterizzata da nuovi record e tanta adrenalina nelle prime due uscite svoltesi al Mugello e a Misano, saranno i 4318 metri dell’impianto che sorge a breve distanza dalla cittadina di Spielberg a decretare i protagonisti del confronto che rappresenterà il giro di boa della stagione 2023.

A recitare un ruolo da sicuro protagonista ci sarà il campione in carica Serse Zeli, reduce dal doppio successo conquistato nella categoria Time Attack Racing Series e pronto a lanciare il guanto di sfida a bordo della sua Mitsubishi Lancer Evo X. A cercare di contendergli la leadership nella classe Extreme 4WD ci sarà la vettura gemella di Olivia Merlini, senza dimenticare le velleità di successo da parte delle Subaru Impreza di Giuliano Anzelini e Manuel Gadeschi. Dopo la piazza d’onore centrata a Misano, da tenere d’occhio ci sarà anche il campione 2017 Andrea Gazzetti, pronto per dare battaglia nella Extreme 2WD al volante della Lotus Exige v6, mentre promette di essere particolarmente interessante il confronto nelle classi Pro: da questo punto di vista, Roberto Romani (Bmw m3 e46) tenterà di difendere la propria leadership nella Pro 3700 dagli attacchi di Alan Simoni (Honda NSX) e Riccardo Fumagalli, quest’ultimo pronto a dividere la sua Bmw m3 e90 con il padre Alberto. Occhi puntati anche sui propositi di riscatto da parte di Massimo Navatta (Ginetta G55) e Christian Morisco (Audi TT), mentre Maurizio Chignola (Bmw m3 e46), Ennio Zamperini (Porsche 930), Beat Stadler (Golf GTI) e Jacopo Battisti (Honda s2000) andranno a completare il parco partenti. A contendersi il successo nella Pro 3000 saranno invece Rino Gabucci (Grande Punto Abarth) e la vettura gemella del rientrante Liborio Tandurella, mentre Luca De Stefani rappresenterà la classe Pro 1600 a bordo della sua Saxo VTS. Saranno invece Daniele Taglienti (Grande Punto Abarth) e Alessio Corsi (Fiat 500 Abarth) a contendersi il trono nella classe Open 3000.

I motivi di interesse non mancheranno nemmeno nella categoria Time Attack GT Series, con numerose vetture pronte a sfoderare i propri cavalli lungo i saliscendi del tracciato austriaco. Dopo il doppio successo conquistato da Gualtiero Branco nelle prime due tappe stagionali, saranno in questa occasione Giovanni Brentan e Bruno Jarac a contendersi la vetta nella classe GT3, entrambi a bordo di Lamborghini Huracàn GT3. Il confronto si preannuncia particolarmente serrato nella GT Super Cup, dove il leader del campionato Ignazio Cannavò su Lamborghini Huracàn Super Trofeo Evo2 punta a respingere gli assalti di Roberto Cerioli, mentre a completare il terzetto di Huracàn al via ci penserà Angelo Ambrosio. Nel confronto tutto “made in Emilia” non mancherà un tris di Ferrari 488 Challenge Evo, affidate rispettivamente a Salvatore Malizia, Gerardo Marino e Pietro Tedesco.

La prova riservata alle vetture stradali vedrà nella Superstreet Alexandre Da Silva (su Dallara Stradale in versione Full Stock) ed Ermanno Bocca (su Bmw m2 Competition) pronti ad approfittare dell’assenza del leader Dino Cicala, con le Honda Civic Type R di Luca Volpi e ‘Raks2000’ a completare il lotto dei partenti. Ricca di protagonisti la sfida nella classe Street, a partire da Oleksandr Vovolka (Toyota Supra), Gianluca Rasile (Ferrari 360 GTC) e Fabrizio Giunta (Seat Leon Cupra), senza dimenticare la presenza di Davide Barbariol su Alpine A110 e le “wild card” rappresentate da Gianmarco Savioli (Bmw m2 Competition) e Alessandro Belfiore (Audi S1 4×4). A rappresentare invece la Street Limited ci sarà Cesare Quacquarelli su (Renault Megane RS), mentre Ilaria Antenucci affronterà la sua terza esperienza nella serie al volante della Grande Punto Abarth nella classe Pocket Rocket. Infine, nella Clubman la sfida per la vittoria vedrà il confronto tra il leader Andrea Vaccaneo (Mazda Mx5), Kevin Irribaren (Toyota Celica) e Matteo Nodari (Honda Civic 1600).

Andrea Scorrano (organizzatore Time Attack Italia): “Siamo davvero molto contenti di poter tornare al Red Bull Ring, un impianto all’avanguardia sotto ogni punto di vista che già lo scorso anno ha regalato…emozioni forti ai nostri piloti. Per noi è un privilegio aver potuto inserire anche quest’anno l’appuntamento sul circuito austriaco, che va ad impreziosire ulteriormente un calendario già di per sé al top. La pista è piuttosto breve ma al tempo stesso decisamente tecnica e selettiva: le insidie non mancheranno, ma siamo sicuri che assisteremo ad un grande spettacolo nell’arco della giornata. Anche in questa occasione condivideremo l’evento con gli amici del campionato GT3isti Challenge e sarà possibile seguire gli aggiornamenti sui nostri canali Social: speriamo che anche in questo caso saranno tanti gli appassionati che condivideranno con noi questa esperienza!”

Il programma della giornata prevede l’inizio delle prove libere a partire dalle ore 8:30, mentre dalle 10:05 avranno inizio i turni di gara riservati al campionato Gt3isti Challenge e alle classi Time Attack Italia. La sfida si concluderà poi con il confronto finale del mitico Superlap, che scatterà alle 15:50 con i concorrenti suddivisi in quattro gruppi in base alla graduatoria scaturita dal Round 1.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio