TIVM

IL TRIS DI CUORI DI LUCA CARUSO

Linguaglossa, poi Gambarie e l’Etna. Tre vittorie in grandi classiche del sud per il pilota di Giarre, fiducioso ma ancora non pienamente appagato della sua quota velocistica attuale. 


Dopo una manciata di gare iniziali condizionate da un neo tecnico individuato e progressivamente rimosso sul suo esemplare di Norma, per Luca Caruso sono arrivati in questa fruttuosa stagione tre successi che lo ripagano dell’inquietudine dei primi mesi con la nuova barchetta sport. 

Nessuno dei percorsi in cui il pilota di Giarre è riuscito a svettare in questa prima positiva metà del 2022, comportava poche difficoltà: a Linguaglossa, al tracciato di per se’ molto ostico, si aggiungevano le insidie tipiche del debutto su una strada inedita, a Gambarie mancava dal lontano 2016 ove vi aveva corso ben sei anni prima con una macchina del tutto diversa, mentre nell’  amata Catania -Etna della scorsa settimana si è trattato di un altro esordio assoluto alla guida in una gara che sognava da piccolo, nonché di un confronto con un’ eccelsa concorrenza.

IL TRIS DI CUORI DI LUCA CARUSO

La più recente vittoria sul vulcano più grande d’Europa, acciuffata con un passo notevole ed un pizzico di fortuna per il problema tecnico occorso in una manche al recordman di giornata Samuele Cassibba ( il più accreditato al successo finale senza noie tecniche), lo hanno definitivamente convinto della giustezza della strada per il setup intrapresa con papà Alfio, reggente della CR Corse. Sebbene il suo crono non lo abbia soddisfatto in pieno, Caruso è comunque felice del trono conquistato in una gara che ha vissuto con intensità totale prima da piccolo tifoso ed oggi da pilota di conclamato valore, vivendo sensazioni indimenticabili per tutti e due giorni e specialmente durante la proclamazione finale. 

Per temperamento personale Luca Caruso non è mai appagato pienamente di ogni sua personale performances ma è comunque consapevole del valore assoluto delle recenti vittorie centrate, che lo hanno ben corroborato nella classifica del Tivm Sud e della serie siciliana in salita. 


Nel Civm, per il pilota della CST Sport la speranza un po’ labile è ora quella di essere allo start della gara di Popoli di metà agosto mentre ci sarà certamente in quella di Gubbio, anche in qualità di factory CR Corse. 

Immancabile nella sua agenda poi la splendida tappa di Erice, gara ove colse uno splendido podio assoluto un paio di stagioni fa. 

Comunicazione CR Corse 

Back to top button