Home » Rubriche » Interviste » Intervista a…: Deborah Broccolini

Intervista a…: Deborah Broccolini

2012_img_CIVM_Coppa_Paolino_Teodori_broccolini (2)

Eccoci al secondo appuntamento della rubrica “Intervista a…“, questa volta allo start la vincitrice 2011 e 2012 a bordo della Citroen C1 di gruppo E1 Italia della coppa Dame, Deborah Broccolini. 

 – Ciao Deborah, la nostra classica prima domanda, Chi è Deborah Broccolini? Come hai cominciato a correre? Chi ti ha trasmesso la passione per le cronoscalate?

Buongiorno e intanto grazie…
Chi e’ Deborah Broccolini…bella domanda! Sono una consulente fiscale di perugia che si trova sempre a fare i conti e dare i numeri sia nella vita che nell’automobilismo… io sono tutto e niente, il tanto e il poco…insomma sono il sinonimo e il contrario di tutto.
Appassionata di corse da sempre, nipote e figlia d’arte ho cominciato a correre per scommessa. Insomma dopo avere studiano per ben 15 anni danza quindi sempre in mezzo a tutù e scarpette con la punta, un giorno ho deciso di danzare con le scarpette ignifughe. All’insaputa di mio padre, a fine stagione, ho noleggiato una A112 abarth e mi sono buttata nella mischia a Vallelunga vincendo subito la classe. Beh che dire…. mio padre era orgogliosissimo di me, e da li’ a poco cominciò la mia esperienza da pilota. L’anno successivo debuttai allo Spino sempre con una A112 ma non andò bene, cappottai alla prima curva….inesperienza, presunzione che pero’ mi fecero abbassare subito la cresta. Da li’ in poi le più svariate cronoscalate e gare in pista, insieme a mio padre, veterano di questo sport.

 – Cosa ti ha dato questo sport? 

Questo sport si che mi ha dato tanto e mi ha tolto tutto. Infatti colui che credeva in me, che mi seguiva mi consigliava come poter migliorare la mia guida,che mi dava le dritte, che mi insegnava la strada, cioè mio padre, trovò la morte proprio durante la cronoscalata di  Orvieto nel 1996. Cominciai ad odiare questo sport e per 10 anni non ho voluto più saperne….ma poi….eccomi….con la consapevolezza e la maturità’ di chi oggi tocca i piedi per terra e corre anche per chi non c’e’ più’. Oggi posso vantare il titolo femminile e di classe del 2011 e del 2012…….. 2013?

– Campionessa Italiana 2012, cosa hai in programma per il 2013?

deborah Broccolini (Speed Motor, Citroen C1 # 131)

Riprovarci anche se questa divisione gare del nord e del sud mi complica un po’ la vita….per me che vivo al centro. Optare per il girone sud, che io adoro, significa allo stesso contempo rinunciare alla gara di casa, Gubbio e lo Spino che sono a pochi passi…..fare il Nord invece mi sacrificherebbe Ascoli e Fasano che per me sono ossigeno….insomma faro’ ciò che più’ mi piace ma senza un senso logico per ambire ad un titolo..

 – I sogni non finiscono mai,progetti?

Non sono più giovanissima e quindi sogno molto più velocemente per poter ambire a quello che a tutt’oggi non ho ottenuto…Cosa sogno? Intanto un giro con la Supestars Mercedes del mio team, la Caal Racing, poi…chissà!

 – In bocca al lupo per la nuova stagione, ti ringrazio per l’intervista!

Un saluto ed un abbraccio virtuale agli amici che mi seguono ringraziando anche Voi per l’intervista….. A presto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

AGO FALLARA CON LA MISSION TRICOLORE

Intervista al pilota reggino, che punta Monopoli per estendere il suo trend positivo con la ...