Home » Salita » LA 33^ CAPRINO-SPIAZZI PENULTIMA PROVA DI C.I.V.M.

LA 33^ CAPRINO-SPIAZZI PENULTIMA PROVA DI C.I.V.M.

01/09/2011 – Clima acceso per l´undicesimo appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna che potrebbe decidere altri titoli ancora in palio. Sabato 3 settembre due salite di prova dalle 13.30. Domenica 4 settembre le due gare con inizio alle 10.30 sui 7.300 metri di tracciato.

Scatterà domenica 4 settembre alle 10.30 la 33^ Caprino – Spiazzi, gara organizzata dalla Scuderia Car Racing, undicesima e penultima prova del Campionato Italiano Velocità Montagna, massima serie tricolore della CSAI, la Commissione Sportiva Automobilistica dell´Automobile Club D´Italia.
La competizione veronese entrerà nel vivo domani, venerdì 2 settembre con le operazioni di verifica sportiva e tecnica per piloti ed auto, previste rispettivamente in Piazza della Vittoria e Località Platano a Caprino Veronese dalle 13.00 alle 19.30. Sabato 3 settembre previste due salite di prova con inizio alle 13.30, per permettere ai concorrenti di prendere familiarità con il percorso di gara al volante delle auto da corsa. La 33^ Carpino – Spiazzi inizierà alle 10.30 di domenica 4 settembre con il via alla prima delle due gare in programma, sui 7.300 del tradizionale percorso, a cui seguirà la seconda.

Il fiorentino Simone Faggioli si presenta in Veneto come leader della classifica assoluta del C.I.V.M. ed anche del gruppo E2/M, con il preciso intento di rinsaldare il comando al volante dell´imprendibile Osella FA 30 Zytek da 3000 cc., con la quale ha finora vinto tutte le sette gare alle quali ha preso parte. Il tenace trentino Christian Merli gioca quasi in casa e farà di tutto per non mollare la presa fino all´ultima gara con la sua Picchio P4 spinta da motore turbo, con la quale ha allungato le mani sul gruppo E2/B, oltre ad essere secondo nella classifica assoluta. Terza piazza nell´assoluta e seconda in gruppo E2/M per l´inossidabile gentleman napoletano Piero Nappi, capace di impensierire chiunque quando si batte con classe al volante della Osella FA 30 Zytek del Team Faggioli. Quarta piazza, ma sempre con ruolo da primo attore per il pistoiese Franco Cinelli che ben conosce il tracciato veronese, dove saprà cosa chiedere alla sua Lola Zytek di F.3000. Diversi i piloti non iscritti al campionato che cercheranno posto nelle parti alte della classifica, tra cui il giovane Di Fulvio, Bonetti, Gallini e Giuliani con le Lola F.3000. Nel gruppo delle monoposto in classe 2000, gara quasi di casa per il trentino Franco Bertò su Tatuus. Ma svetta sicuramente il nome del giovane siciliano Samuele Cassibba che dopo essersi assicurato la Coppa di classe al volante della Tatuus F. Master, ora pensa unicamente a chiudere il discorso dell´under 25 dove è saldamente al comando, ma tallonato pericolosamente dal conterraneo di Trapani Francesco Conticelli che gareggia in categoria diversa, con l´Osella PA 21/S Honda di gruppo CN. Proprio in gruppo CN è schierato anche il neo campione sardo Omar Magliona che vuole misurarsi nella nuova gara del tricolore montagna al volante della sua Osella PA 21/S Honda anch´essa del Team Faggioli. Nello stesso gruppo si batterà per il successo, non solo di categoria, l´esperto bresciano Mirco Savoldi che sarà al volante di un´Osella PA 21. Tra le biposto del gruppo E2/B ultime possibilità di rincorsa al titolo e lotta per il secondo posto, per i due siciliani Vincenzo Conticelli su Osella PA 30 Zytek e Giovanni Cassibba, che ha rimesso tutto in discussione per la nuova scommessa con la Wolf GB 08 Mugen.

In gruppo GT, assente il neo campione Leo Isolani, duello finale per la seconda posizione tra il trevigiano campione 2010 Antonio Forato che ha scelto la Ferrari F430 per la gara di casa, contro il preparatore bresciano Francesco Abate, alla fine di una stagione densa di soddisfazioni con la Lotus 2 Eleven che ha debuttato in salita. Il rientrante toscano Guido Sgheri punterà alla classe oltre 3000 della GT2 con la Porsche 996.

Tutto da decidere in gruppo E1 con il teramano Roberto Di Giuseppe e l´Alfa 155 GTA, ancora non a posto nell´elettronica, al comando per solo mezzo punto sul bolognese Fulvio Giuliani che può attualmente contare sulla preparazione della sua Lancia Delta EVO. Ma a rimescolare il tutto c´è il fiorentino Fabrizio Pandolfi, che dopo l´adattamento sull´Alfa 155 V6 della Orvieto Corse, pagato a Gubbio, adesso saprà essere nuovamente aggressivo. Aghi della bilancia potrebbero essere l´ascolano Alessandro Gabrielli con l´ammirata Lamborghini Gallardo a trazione integrale ed anche il vesuviano Luigi Sambuco che dopo la coppa di classe 2000, vuole caparbiamente il podio di gruppo al volante dell´agile Alfa 155. A caccia di nuovi punti dopo il successo di Gubbio tra le 2000 cc., sarà il trapanese Daniele Amato sull´Opel Astra GSI, mentre nella classe diesel c´è il reatino Giuliano Tavani con la sua ottima BMW. Al pieno di punti in classe 1600 mira il pilota trapanese di Padova Isidoro Alastra su Peugeot 106, come farà in classe 1400 l´altro reatino Emiliano Di Muzio sulla versione da 1400 cc. della Peugeot 106. L´umbra Deborah Broccolini guarda da vicino alla Coppa Dame dopo aver conquistato quella di classe 1150 al volante della Citroen C1 Cup. Il maceratese Abramo Antonicelli su BMW M3 ed il modenese Piergiorgio Bedini su Audi A6 sono i protagonisti della sfida per la classifica Superstars.

In gruppo A se il bolzanino Rudi Bicciato vuole chiudere il discorso contando sulla competitività della Mitsubishi Lancer che cura in proprio, il napoletano Sandro Acunzo non si arrende alla sfortuna e non molla la presa nonostante la sfortuna con la sua Lancer, adesso tutto si deciderà nella gara veronese. Terzo attualmente sul podio di gruppo e con la Coppa di classe 2000 a portata di mano c´è il pesarese Ferdinando Cimarelli con l´Alfa 147 Cup, il pilota della Scuderia Catria sa di doversi battere con tenacia, innanzi tutto contro il reatino Claudio Giobbi e la sua potente Alfa 156 di derivazione pistaiola, per non perdere prezioso vantaggio. Al podio di gruppo ed al successo di classe 1600 può ancora ambire l´instancabile pugliese Rino Tinella al volante della Peugeot 106 1.6, che spesso ha fato troppi capricci nelle ultime gare. A Caprino per cancellare i tanti intoppi della stagione, l´esperto triestino Paolo Parlato sulla Honda Civic Type-R.

In cerca della prima vittoria da campione 2011 sarà il sempre verde veneto Lino Vardanega, neo vincitore del titolo di gruppo N con la sua Mitsubishi EVO X, che l´esperto trevigiano guida con l´entusiasmo di un debuttante. Gara quasi casalinga per il trentino Maurizio Pioner che vuole riscattarsi da troppe mancate soddisfazioni al volante della Mitsubishi Lancer. Il friulano Michele Buiatti oltre alla Coppa di classe 2000 vuole assicurarsi il secondo gradino del podio di gruppo con l´impeccabile Honda Cuvic Type-R che l´ingegnere cura unitamente al papà. Da decidere anche la classe 1600 dove il piemontese Giovanni Regis comanda con la sua Peugeot 106, ma il giovane salernitano Cosimo Rea è pronto all´attacco con la Citroen Saxo, reduce del successo riscosso a Gubbio, ma aghi della bilancia potrebbero essere il trentino di Sorrento Antonio Migliuolo su Peugeot 106 ed il giovane pilota di casa Matteo Bommartini su Honda Civic EK4.

L´Umbro Paolo Mancini è ad un passo dal neo istituito titolo di gruppo Racing Start con la sua Renault Clio strettamente di serie, sulla sua strada troverà però la gemella del bresciano di Salerno Maurizio Abate, mentre torna in C.I.V.M. in una gara vicino casa anche l´inossidabile bergamasco Mario Tacchini sulla sua inseparabile Fiat Punto Sporting.

Maxi Car Racing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

NAPPO SALUTA LE BICILINDRICHE

Vendita della sua 500, pluridecorata da Criscuolo e nuovo programma in agenda per il figlio ...