Home » Salita » La Cividale Castelmonte di Paolo Venturi
Paolo Venturi, Cividale Castelmonte

La Cividale Castelmonte di Paolo Venturi

La salita Cividale Castelmonte è veramente una gara particolare nel panorama delle competizioni Italiane; lunga circa 6,5 chilometri è un percorso particolarmente guidato caratterizzato da tornanti molto stretti seguiti da un paio di allunghi da sesta piena e  200 Km/h, il tutto condito con una tratto in discesa piuttosto vertiginoso e da un salto da affrontare in quarta o quinta marcia. Naturalmente, visto il periodo dell’anno in cui si svolge la gara ed il fatto che molti tratti del percorso si snodano nel bosco, anche un piccolo scroscio di pioggia trasforma il percorso in un vero e proprio patinoire….

Queste caratteristiche così diverse dal solito erano ben note a Paolo Venturi che affrontava la classica salita Friulana per la sesta volta e che nel 2015 aveva portato la piccola Elia 1.300 al 10 posto assoluto. Le salite di prova si erano svolte su un tracciato inumidito dalla pioggia caduta tra Venerdì e Sabato ma, nonostante il fondo scivoloso, i riscontri cronometrici erano stati migliorati di circa 3 secondi in entrambe le prove chiuse al quattordicesimo posto assoluto.

Putroppo la pioggia si accaniva nuovamente sul percorso, durante la notte di Sabato e cessava solo mentre le vetture sport si allineavano per la partenza di gara 1 con  il percorso totalmente allagato e pieno di detriti e di foglie. Il carro attrezzi era costretto ad un andirivieni straordinario a causa delle continue toccate, per fortuna senza danni ai piloti ma solo ai mezzi.

La gara 1 di Paolo Venturi anche dopo avere adottato l’assetto da pioggia,  era una continua lotta con il sovrasterzo con la macchina che non voleva sapere di andare dritta neppure in rettilineo; fortunatamente, a parte una leggera toccate in una delle chicanes il pilota Vimotorsport riusciva a portare la macchina al traguardo.

Con la pioggia cessata ed il percorso solo umido, si partiva per gara 2 e qui, finalmente, le doti di maneggevolezza della piccola sport made in Calabria, potevano essere messe a frutto dal pilota Trevigiano, che infatti chiudeva gara 2 con un ottimo 5° posto assoluto, sopravanzato solo da piloti del calibro di Cristian Merli al debutto sulla Osella PA 21 Jr/B, Federico Liber, Gianni Di Fant su Lamborghini Huracan e da Werner Karl al volante di una potente Audi S2R Quattro.

“Per me Cividale è sempre un appuntamento speciale, mi piace la gara, perché è una salita all’antica e ci vogliono “pelo”, esperienza e conoscenza del tracciato per riuscire a staccare tempi di rilievo. Peccato per la pioggia in gara 1 ma comunque la prestazione di gara 2 mi soddisfa ampiamente ed il secondo posto nel gruppo E2SC dietro ad un pilota del valore di Merli mi appaga moltissimo”

La mia stagione terminerà a Pedavena già il prossimo fine settimana e spero di riuscire ad agguantare il terzo posto di Gruppo nel TIVM Nord, mantre la vittoria tra i prototipi della classe 1.400, sia in CIVM che in TIVM sembra ormai una pura formalità. L’appuntamento per tutti i supporters è quindi a Pedavena tra pochi giorni”

Paolo Venturi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

64^ COPPA NISSENA: MERLI VINCE GARA 1

Il trentino sull’Osella FA 30 Zytek stacca il tempo 1’55″69 e precede Magliona su Norma ...