Home » Salita » La sfortuna non ferma Paolo Venturi alla Berzo Demo Cevo

La sfortuna non ferma Paolo Venturi alla Berzo Demo Cevo

Nella splendida cornice della Valsaviore, si é svolta lo scorso fine settimana l’ottava edizione della salita Berzo Demo Cevo, rimessa in calendario dopo sette anni, dal Team Mille Miglia come gara Nazionale.

Un percorso di oltre sette chilometri con tratti di misto dove la velocità si avvicina ai 200 Km/h alternati ad altri molto guidati, caratterizzati da una notevole pendenza dove quindi ogni minimo errore di guida si paga molto in termini cronometrici.

L’elenco partenti delle vetture moderne era piuttosto interessante anche se non nutritissimo, con vetture turismo, sport e formula molto competitive ed alcuni piloti, come per esempio Federico Liber ed Alessandro Tinaburri ad ipotecare la vittoria assoluta.

Paolo Venturi aveva già disputato le ultime due edizioni ma con vetture turismo ed anzi, nell’ultima edizione aveva duramente sbattuto una Honda Civic Gruppo A che aveva noleggiato.
Le prove avrebbero dovuto fornire le indicazioni principali per assetto e rapporti ma una malaugurata rottura della catena nella prima salita e la pioggia nelle seconda avevano lasciato il pilota Elia senza alcuna indicazione sul da farsi anche se, per fortuna, la strada era ben nota a Paolo Venturi che aveva abitato per anni ad un paio di chilometri dalla partenza.

La Domenica mattina soleggiata, rivelava la Valsaviore in tutta la sua bellezza e, viste le premesse, per ottenere un risultato, non c’era altro da fare se non salire a vita persa fidandosi della conoscenza del percorso.

” Non avevo altre possibilità e quindi ho spinto quanto sentivo possibile in quel momento; il percorso era abbastanza sconnesso per cui la macchina saltava abbastanza ma, fortunatamente, senza perdere la traiettoria impostata e al traguardo ho visto un 3′ 33″ ma non sapevo assolutamente che valore potesse avere. Solo dopo aver posteggiato la macchina mi sono reso conto che il display della classifica mi dava in testa in quel momento ed alcuni piloti tra quelli che potevano aspirare alla vittoria assoluta erano già saliti. Per altro, sapevo che altri ne mancavano ed infatti dopo la fine di gara 1 ero terzo assoluto dietro ad un super pilota come Federico Liber ed a quel piede pesante di Alessandro Tinaburri. Sono felice anche per le belle prestazioni dell’amico Beppe Torrente che prosegue egregiamente il suo apprendistato sulla Radical Prosport e che ad ogni gara si fa sempre più vicino…”

Nell’intervallo tra la prima e la seconda salita, nel controllare la macchina, il meccanico si accorgeva della rottura delle barre stabilizzatrici posteriori e, non potendo fare una riparazione sul campo, si decideva di salire senza.

Gara 2 partiva sotto la minaccia della pioggia incombente ma, per fortuna la strada rimaneva asciutta per tutti i concorrenti ed alla fine, dopo un paio di rischi nella parte alta del percorso che era ancora leggermente umida, scaturiva un buon 3’31” di oltre due secondi più veloce della prima salita.
” Alla fine sono quarto, commentava Venturi e ben poco ho potuto fare per evitare la rimonta di Soretti che ha portato magistralmente all’arrivo la sua Subaru ben più dotata di cavalli rispetto alla mia piccola Elia. Sono comunque soddisfatto di aver firmato un quarto posto di prestigio senza aver disputato le prove e senza dimenticare che sono un pilota essenzialmente amatoriale e che quelli che mi hanno preceduto sono tutti piloti di valore. Una gara bellissima, un percorso “muscolare”, dove bisogna saper osare un poco di più ed una cornice di pubblico e di paesaggio spettacolare”

Quest’anno per il pilota Vimotorsport il programma procede “a vista”, non rincorrerà alcun campionato a causa di impegni lavorativi ma si dedicherà solo alle gare che ama di più cercando di ricavare la maggiore soddisfazione.
Prossimo appuntamento? Solo tra pochi giorni in Carnia dove si svolgerà la prossima Verzegnis Sella Chianzutan e dove Paolo Venturi da appuntamento a tutti gli appassionati.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Nessuna nuova restrizione per l’organizzazione e l’effettuazione delle manifestazioni automobilistiche iscritte nel Calendario Nazionale ACI

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 18 ottobre conferma tutte le ...