Home » Salita » LA SPEED MOTOR ALLA CACCIA DEL TROFEO PER SCUDERIE ANCHE NELLA SALITA DI CASA A GUBBIO: 8 I PILOTI DEL TEAM, CAPITANATI DA MICHELE FATTORINI

LA SPEED MOTOR ALLA CACCIA DEL TROFEO PER SCUDERIE ANCHE NELLA SALITA DI CASA A GUBBIO: 8 I PILOTI DEL TEAM, CAPITANATI DA MICHELE FATTORINI

fattorini bottura farrisGUBBIO – Anche il conto alla rovescia sta per esaurirsi: il prossimo fine settimana sarà quello della 48esima edizione del trofeo “Luigi Fagioli” sui 4150 metri che da Gubbio conducono al valico della Madonna della Cima e la scuderia Speed Motor, che corre sulle strade di casa, ha tutta l’intenzione di ambire alla conquista del trofeo riservato ai team, obiettivo centrato finora in 4 salite con assieme 3 secondi posti. Le prospettive ci sono, i piloti pure, ma non sarà semplice in questa ultima prova del campionato italiano di velocità in montagna (inserita nella zona centro-nord) prima delle tre finali di settembre. Patron Tiziano Brunetti si affida ancora ai suoi tre “moschettieri” vincenti, con l’aggiunta di un quarto che può fornire il suo valido contributo: si tratta dell’eugubino Gianni Urbani, al volante della Osella Pa 21S nella classe 2000 del gruppo Prototipi Cn. È lui, esperto al volante e conoscitore del percorso, che si aggiunge a Michele Fattorini, il migliore umbro del momento a livello di cronoscalate con la sua Lola B02/50 nella classe 3000 del gruppo E2M; al trentino Adolfo Bottura su Lola B99/50, suo compagno-rivale in classe e al forte sardo Sergio Farris, che gareggerà nella classe 2000 dello stesso raggruppamento con la Formula Master. Tanta l’attesa per il 23enne Fattorini che, già protagonista di una eccellente stagione agonistica, si presenta all’appuntamento con i galloni di leader della E2M e della classifica riservata agli Under 25, più il secondo posto nella graduatoria del tricolore dietro al grande Simone Faggioli. C’è insomma grande voglia di far bene davanti al pubblico più familiare, ma i portacolori della Speed Motor a cimentarsi sulla “Gola del Bottaccione” saranno in totale 8: a completare lo schieramento ci sono infatti altre due coppie avversarie di classe: quella composta da Perry Collia di Civitavecchia con la Clio Rs e dall’altro driver locale, Paolo Biccheri, con la New Clio nella 2000 del combattutissimo gruppo E1 Italia; Leo Rosati, perugino di adozione, con la Citroen Saxo e Marco Diamantini con la Peugeot 106 nella 1600 della Racing Start. Per quest’ultimo conduttore, che proviene dai successi ottenuti nel karting e che risiede nella frazione di Torre Calzolari, è la seconda gara contro il tempo e l’esordio nella salita di Gubbio. Oltre al trofeo per scuderie, ci sono altri obiettivi chiamati podio, piazzamenti assoluti e vittorie di classe: la Speed Motor sa di avere i requisiti giusti per una giornata da protagonista.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Nessuna nuova restrizione per l’organizzazione e l’effettuazione delle manifestazioni automobilistiche iscritte nel Calendario Nazionale ACI

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 18 ottobre conferma tutte le ...