Home » Salita » LO HANNO DETTO I PROTAGONISTI DEL REVENTINO

LO HANNO DETTO I PROTAGONISTI DEL REVENTINO

Le dichiarazioni dei big del C.I.V.M. dopo la gara calabrese decima del Tricolore

09/09/2012 – Roberto CHIAVAROLI – “Sono emozionato per il Titolo e la vittoria in gara nel gruppo Racing Start, una scommessa vinta grazie ad una puntata indovinata, la MINI Cooper S. Con questa vittoria abbiamo dimostrato, se ancora ce ne fosse bisogno, che sia la mia macchina sia il team sono molto validi. È stato difficile ripartire dopo una lunga pausa a causa di un incidente, ma l´organizzazione è stata in grado di sistemare il problema nel minor tempo possibile”

Giovanni LOFFREDO – “Pago lo scotto di una macchina praticamente nuova e di un mio errore in partenza. Ho avuto un degno avversario che mi ha rivalutato e con il quale ho dovuto combattere sempre. È bello correre con queste persone e la sfida è sempre stata avvincente. Oggi la mia macchina era un fulmine e, nonostante i 63 kg di peso in più rispetto a quella di Chiavaroli, sono riuscito a stargli incollato. Per noi è obiettivo raggiunto”.

Oronzo MONTANARO – “Nella seconda gara mi sono limitato a controllare senza spingere troppo e ho portato a casa un buon risultato. Ora spero solamente che il campionato sia decisamente riaperto dopo questa prestazione”.

Luigi SAMBUCO – “Sono contento della mia gara e soprattutto della mia macchina su un tracciato che cambia continuamente. Speravo ci fosse il mio diretto avversario Bicciato perché ci stiamo divertendo molto in campionato, ho rimontato e la lotta testa a testa si sta sempre più infiammando”.

Cosimo REA – “Contentissimo per la mia conferma su una strada difficilissima. Questo sta a dimostrare che quando la mia macchina mi assiste io ci sono e devo ringraziare Moreno Lotto che con il lavoro fatto sul motore mi ha permesso di essere competitivo e rimontare nella classifica Under”.

Ignazio CANNAVO´ – “Ieri la fortuna mi ha voltato le spalle con un problema tecnico che mi ha bloccato nelle prime prove. Sono riuscito lo stesso a prendere il via nella seconda sessione e oggi ho dovuto un po´ scoprire il percorso con una macchina che certamente è ingombrante, ma anche molto performante”.

Marco GRAMENZI – “In gara 1 ho rischiato di buttare via tutto con una partenza da incubo. Allo start mi sono entrate 3 marce e ho rischiato di distruggere la frizione, ma in gara 2 ho fatto un tempo superlativo che mi ha ripagato di tutto”.

Fulvio GIULIANI – “Purtroppo in gara 2 le noie meccaniche hanno avuto il sopravvento. Ho rischiato di non concludere la gara, ma nella sfortuna mi è andata molto bene, infatti sono riuscito a pagare solamente 10″ di ritardo rispetto alla mia prestazione della mattina e con la macchina in quelle condizioni non ci speravo di certo. Il campionato è aperto e questa la cosa fondamentale”.

Domenico CUBEDA – “Tutto è andato per il meglio in questa gara e sono riuscito anche ad andare sotto al record del tracciato. Mi sono confrontato con piloti di assoluto rilievo e il mio risultato è sicuramente merito anche di Autosport Sorrento e di mio padre che mi supporta e sopporta sempre”.

Rosario IAQUINTA – “Oggi ho avuto una buona occasione, regalatami dalla sfortuna che ha colpito Magliona, e l´ho sfruttata al massimo. In gara 2 ho alzato un po´ il piede anche per la situazione di gomme e asfato che erano peggiorate di molto rispetto a gara 1. Controllando sono riuscito a portare a casa un´ottima vittoria di gruppo, la quinta posizione assoluta continuando il duello per il titolo”.

Samuele CASSIBBA – “Sono punti importantissimi per la classifica Under 25 e per il morale. Sono già molto soddisfatto del lavoro svolto, ma per il prossimo anno cercheremo di migliorarci ulteriormente. Dopo Gubbio il team ha lavorato in modo encomiabile ed oggi ho centaro un importante obiettivo”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PEZZOLLA: MERLI E FAGGIOLI COME IRLANDO E DANTI

Molto preoccupato: questa figura carismatica delle corse in salita, ci ha rappresentato la sua estrema ...