Home » Salita » CIVM » Luzzi si ferma per l’emergenza sanitaria

Luzzi si ferma per l’emergenza sanitaria

Il “Trofeo Silvio Molinaro” è solidale con il territorio e l’intera Calabria impegnata nella lotta al contagio del covid 19. “Occorre collaborare con le autorità e le esigenze della sanità”


Il “Trofeo Silvio Molinaro” XXV Luzzi – Sambucina non si svolgerà nella prevista data dal 13 al 15 novembre, di concerto con la Federazione ACI Sport è stata spostata al week end del 13 dicembre. La decisione, condivisa con il Sindaco di Luzzi Umberto Federico, è stata presa dalla Tebe Racing, sodalizio luzzese organizzatore del 7° ed ultimo round stagionale del Campionato Italiano velocità Montagna, per esprimere massima solidarietà e collaborazione con il centro cosentino e l’intera regione, dichiarata “zona rossa” per l’emergenza covid.

La difficile situazione vede impegnate appieno in tutta la Regione, il personale e le strutture sanitarie con lo sforzo comune delle autorità concentrato sul contenimento dei contagi.

-“In primo luogo desideriamo essere solidali con la situazione d’emergenza che si è verificata a Luzzi dove vi sono diversi casi – afferma Eugenio Molinaro coordinatore dello staff Tebe Racing – collaborare con le autorità locali e favorirne il lavoro in un momento tanto complicato è per noi una priorità. La gara è pronta ed il tracciato per lo svolgimento dell’ultima prova stagionale di CIVM è allestito, ma tutto ciò è secondario difronte alla situazione che vive la Calabria. Rimandiamo l’appuntamento agonistico al fine settimana del 13 dicembre, quando auspichiamo che le condizioni lo permetteranno. Non è una resa, ma solo una decisione dettata dallo spirito di collaborazione proprio dello sport, presa in accordo con ACI Sport ed il primo cittadino di Luzzi”-.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

ANGELO MARINO

CIVM | ANGELO MARINO CAMPIONE 2020 NELLA RACING START TURBO

PER LA SPEED MOTOR E’ IL TERZO ALLORO TRICOLORE DOPO QUELLI DI ADOLFO BOTTURA NEL ...